Canta il sogno del mondoΒ diΒ David Maria TuroldoΒ 

Ama saluta la gente dona perdona ama ancora e saluta (nessuno saluta del condominio, ma neppure per via) Dai la mano aiuta comprendi dimentica e ricorda solo il bene. E del bene degli altri godi e fai godere. Godi del nulla che hai del poco che basta giorno dopo giorno: e pure quel poco se, necessario dividi. E vai, vai leggero -. dietro il vento e il sole e canta. Vai di paese in paese e saluta saluta tutti il nero, l’olivastro e perfino il bianco . Canta il sogno del mondo: che tutti i paesi si contendano d’averti generato … Continua a leggere Canta il sogno del mondoΒ diΒ David Maria TuroldoΒ 

Cosa resta della Pasqua di un tempo a Lusevera – Bardo

  Guglielmo Cerno*, presidente del Centro ricerche culturali, racconta usi e costumi di una volta Oggi ci sono le uova di cioccolata con la sorpresa per i bambini, e quelle grandi e decorate da regalare ai grandi. C’è la colomba con ogni tipo di ripieno ed Γ¨ β€œnato” perfino lβ€™β€œalbero di Pasqua”, abbellito da figure di pulcini, rondini e rami di pesco. Ma un tempo, in Alta Val Torre, questo importante periodo dell’anno era segnato da altri usi e costumi, da altre pietanze e rituali. Ce li racconta Guglielmo Cerno, presidente del Centro ricerche culturali di Lusevera, un appassionato e … Continua a leggere Cosa resta della Pasqua di un tempo a Lusevera – Bardo

Katauta

pesco in fiore dal colore rosato mi apri il cuore ot IlΒ KatautaΒ Γ¨ un’altra forma di breve poesia giapponese, simile all’haiku, composta da tre versi di 5-7-7 sillabe, diversa anche per il contenuto, non piΓΉ naturalistico ma emotivo, spesso rivolta al proprio amore. Continua a leggere Katauta