COME DIFENDERSI DAL CALDO

stipendiopercepitohttp://vignetteagj.blogspot.com/2017/07/temperature-percepite.html

BERE MOLTO – Non fidarsi della mancanza di sete o del fatto che “non si suda”. Il
caldo causa disidratazione (perdita di liquidi) col sudore e con la traspirazione. La sete
può non essere avvertita, specialmente nelle persone anziane. Adulti e anziani debbono
BERE ALMENO DUE LITRI DI LIQUIDI AL GIORNO (acqua, tè deteinato, orzo,
succhi di frutta … evitando bevande zuccherate): un bicchiere ogni ora. Le bevande sono la medicina
contro i danni del caldo. Tenere le bevande al fresco (se in frigorifero, lasciarle 5-10 minuti a
temperatura ambiente prima di berle). NON BERE ALCOLICI (neanche vino).

VENTILATORI E CONDIZIONATORI – Raccomandabile l’uso di ventilatori o
condizionatori. Basta non esagerare (regolare la temperatura 2-3 gradi sotto quella
ambientale) e non esporsi direttamente alla corrente di aria. Rinfrescare una stanza
(possibilmente non esposta al sole) e rimanere durante il giorno il più possibile nella
stanza più fresca della casa. Attenzione quando si passa da un luogo fresco ad uno
caldo e viceversa.

downloadPASTI – Fare 4-5 pasti piccoli durante il giorno, senza mangiare troppo a pranzo e cena.
Assumere MOLTA FRUTTA E VERDURA, evitare i cibi pesanti (carni grasse, affettati,
fritture). Non bere vino né alcolici. Tenere i CIBI IN FRIGORIFERO per evitare che
con il caldo si deteriorino. Lavare bene frutta e verdura.

4bfdddb35ced97b280c48da338f370e9NON USCIRE NELLE ORE PIÙ CALDE – Non uscire di casa tra le 11 del mattino e le
6 del pomeriggio. Se possibile uscire al mattino presto, tra le 7 e le 9, o dopo cena.
Evitare luoghi affollati chiusi, specie se si è costretti a stare fermi in piedi.
ezimba19956510540803INDUMENTI – Indossare indumenti leggeri, di lino o cotone, anche ridotti al minimo
quando si sta in casa, meglio se larghi. Coprire il capo con un CAPPELLO se si esce e
usare OCCHIALI DA SOLE. Le persone anziane e i bambini piccoli non debbono essere
più coperti degli altri: si difendono meno bene dal caldo!
PROBLEMI DI SALUTE E MALATTIE IN CORSO – Anziani e malati sono più
vulnerabili al caldo, specialmente se affetti da malattie di cuore, respiratorie,
diabete, o in generale se hanno bisogno costantemente di medicinali per problemi di
salute. Se si prendono medicine per la pressione, attenzione quando
ci si alza in piedi dalla posizione distesa o seduta (farlo lentamente per evitare
abbassamenti di pressione). Diarrea, vomito o febbre possono causare disidratazione.
GAMBE GONFIE – Contro il gonfiore delle gambe, distendersi e tenerle sollevate per
10-15 minuti ogni 2 ore. Utile rinfrescarle con getti di doccia più volte al giorno.
MEDICINALI – Conservarli AL RIPARO DAL CALDO. Medicinali che normalmente si
mantengono a temperatura ambiente, possono deteriorarsi a temperature troppo alte.
Conservarli in un luogo fresco o anche in frigorifero tra 4 e 10 gradi. Per i diabetici:
controllare le istruzioni sulla temperatura a cui conservare le strisce reattive per la glicemia:
se deteriorate si rischia di avere risultati sbagliati (il che può essere pericoloso per chi fa
uso di insulina!).
RINFRESCARSI – Fare bagni o docce con acqua fresca (a temperatura confortevole),
anche più volte al giorno, anche solo parziali (ad esempio alle gambe). Negli anziani si può
ricorrere in alternativa a spugnature, sempre con acqua fresca.
Consultare il medico per dubbi o informazioni più specifiche e personalizzate.
CONSULTARE SUBITO IL MEDICO IN CASO DI MALORE
www.massimotombesi.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.