Riserva naturale del Lago di Cornino

https://www.facebook.com/riservanaturalelagodicornino/videos/1578694872153117/640px-Forgaria_nel_Friuli_Laghetto_di_Cornino_01112007_07La riserva naturale regionale del Lago di Cornino è un’area naturale protetta del Friuli-Venezia Giulia istituita nel 1996. Occupa una superficie di 487 ha nella provincia di Udine.

Comuni:Forgaria del Friuli e Trasaghis

… acque trasparenti color smeraldo lo rendono unico nel suo genere

La Riserva si trova all’estremo margine sudorientale delle Prealpi Carniche, con l’ampio alveo del Fiume Tagliamento che la separa dalle Prealpi Giulie, dalle fasce collinari e dall’alta Pianura friulana. Occupa buona parte dell’alveo del Tagliamento compreso tra l’abitato di Peonis e il ponte in prossimità di Cornino, per una lunghezza complessiva di quasi sei chilometri. Include prati e coltivi limitrofi agli abitati e si estende verso ovest interessando l’ampio anfiteatro roccioso sopra Somp Cornino, il lago e le ripide pareti e i coni detritici che, a nord, separano il Tagliamento dai rilievi. Pur raggiungendo quote modeste, i dislivelli sono rilevanti e vanno dai 170 metri sul livello del mare del fiume agli oltre 700 metri dell’altopiano di Monte Prat.

http://www.parks.it/riserva.lago.cornino/

https://www.facebook.com/riservanaturalelagodicornino/videos/1820862894671163/

E’ arrivata l’ultima ora dell’Europa? Solo lo 0,04% degli italiani ha partecipato al sondaggio e 4,6milioni di europei su 500milioni

item_photo_192093_zoom
Ora legale, ora solare, l’unica cosa che la gente comune sa è che ogni volta hai la rottura di dover spostare la lancetta o avanti o indietro per quella regolamentazione che ci siamo dati per mille motivi superati dal tempo, un tempo che ora vuole cambiare ritornando al passato, quando l’ora era una sola.
Un sondaggio interessante quello dell’UE, non è stato l’unico, si legge che “tra le precedenti consultazioni più importanti si ricordano quella sulla legislazione in materia di uccelli selvatici e habitat (più di 550 000 risposte) o quella sulla modernizzazione della politica agricola comune (più di 322 000 risposte).” Tenendo conto che siamo circa 500 milioni di abitanti e che hanno partecipato circa 4,6 milioni di europei da pensare ci sarebbe. L’Europa finalmente cambia. Ma l’ora. I passaggi ancora saranno lunghi servirà una proposta legislativa per il Parlamento europeo e il Consiglio.
E’ da 1966 che gli europei  spostano le lancette avanti di un’ora l’ultima domenica di marzo e indietro di un’ora l’ultima domenica di ottobre. Ora questo giochino si fermerà, nell’attesa di capire che ora avrà l’Europa, intanto questa rischia veramente di vivere la sua ultima ora, con le elezioni del 2019, visto il sopravvento dei nazionalismi. Intanto, però, meglio occuparci di ora legale e solare, non si sa mai coma va a finire.
Marco Barone
Questa l’adesione alla consultazione europea tra i vari Paesi

Participation rate in each Member State (in percentage of the national population):

https://xcolpevolex.blogspot.com/2018/08/e-arrivata-lultima-ora-delleuropa-solo.html?spref=fb

Germany 3,79%
Austria 2,94%
Luxembourg 1,78%
Finland 0,96%
Estonia 0,94%
Cyprus 0,88%
Slovenia 0,73%
Slovakia 0,60%
Czech Republic 0,59%
France 0,59%
Belgium 0,55%
Croatia 0,52%
Sweden 0,48%
Latvia 0,39%
Poland 0,34%
Greece 0,34%
Lithuania 0,34%
Portugal 0,33%
Malta 0,25%
Ireland 0,24%
Hungary 0,21%
Spain 0,19%
Bulgaria 0,18%
Netherlands 0,16%
Denmark 0,11%
Italy 0,04%
Romania 0,04%
United Kingdom 0,02%

Proverbio delle Valli del Natisone/Nediške doline

40541200_10211636813784814_6530011020629377024_o
vignetta di Moreno Tomazetig

 

 Come sarà l’ultimo giorno di agosto così sarà l’autunno.
(tajšan ki je biu vošta zadnji dan, tajšno bo tudi usak jesenski dan).(giornale Dom).

Mataran illustra il Friuli con le emoticon

Spopola su Facebook la sfida lanciata dalla crew di comici friulani

Mataran – Mensile satirico del Friuli Venezia Giulia colpisce ancora! E’ del collettivo friulano, che ha fatto dell’ironia un vero e proprio marchio di fabbrica in salsa tutta friulana, l’ultima trovata social che ha fatto ridere e al contempo perdere la testa a molti utenti.

“La giovane età e la familiarità con l’utilizzo delle nuove tecnologie – si legge nel dispaccio di Mataran diffuso su Facebook – ha costretto genitori e forze dell’ordine ad assimilare un linguaggio e a decifrare una simbologia tanto comune ai giovani, quanto sconosciuta alla canonica comunicazione dei loro spostamenti. In esclusiva, Mataran propone la legenda dell’abbinamento degli sticker di WhatsApp”.

In pratica, i buontemponi di Mataran hanno ideato un vero e proprio rebus, tutto dedicato alla geografia regionale. Il gioco è quello di tradurre i nomi dei paesi, o delle frazioni del Friuli, utilizzando le icone che il vasto campionario di WhatsApp propone.

Ecco allora che la fantasia dei corregionali si è scatenata e dopo il primo cartellone, ne sono arrivati altri quattro, grazie ai preziossissimi contributi dei fan della crew di Mataran.

Un’operazione per abili enigmisti che possono cimentarsi con la sfida e tradurre in Emojiulia, ovvero le emoticons in salsa friulana. A voi l’arduo compito di trovare la combinazione della vostra località, con un pizzico di creatività e simpatia!

http://www.ilfriuli.it/articolo/Tendenze/Mataran_illustra_il_Friuli_con_le_emoticon/13/183030

pf_1535701540

La bussola del direttore di Omar Monestier

image

Messaggero Veneto

E’ stata un’estate calda, a tratti torrida. Ma quella che si concluderà fra poco sarà anche ricordata come l’estate delle zanzare. In Friuli si sono registrati numerosi casi di contagio da febbre del Nilo. Diversi anche nelle ultime ore.

Febbre del Nilo, nuovi casi in Friuli: ricoverato un anziano di Fiumicello e altri sei nel Pordenonese

Cresce la preoccupazione per il contagio dal virus West Nile: disposta la disinfestazione per il comune di Fiumicello Villa Vicentinadi Elisa Michellut

http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2018/08/30/news/febbre-del-nilo-nuovi-casi-in-friuli-ricoverato-un-anziano-di-fiumicello-e-altri-sei-nel-pordenonese-1.17200570?ref=hfmvudel-1

Credo che l’avvento dei social abbia prodotto effetti positivi. Ma anche storture e brutalità. Volete un esempio? L’ultimo è quello denunciato dalla madre di una esponente del Partito democratico. E’ stata minacciata di morte e insultata. Qui potete leggere l’articolo. E vi invito anche a dare un’occhiata ai commenti in calce: lascio a voi giudicare

“Sappiamo dove abiti, ti bruceremo la macchina”, minacciata di morte la mamma della consigliera Pd

La denuncia di Maria Lucis, mamma della consigliera d’opposizione Sara Rosso, su Facebook: “La Polizia mi ha suggerito di rendere tutto pubblico”http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2018/08/30/news/sappiamo-dove-abiti-ti-bruceremo-la-macchina-minacciata-di-morte-la-mamma-della-consigliera-pd-1.17200236?ref=hfmvudea-1

Ho cominciato parlando di estate che sta finendo. E voglio concludere allo stesso modo. Prepariamoci a un primo assaggio di autunno. Così sentenziano le previsioni del tempo. La colpa? E’ di un ciclone che arriva dalla Scandinavia

Svete Višarje – Monte Santo di Lussari – Luschariberg

31961866_619016931780526_6177821237046149120_o
Svete Višarje – Monte Santo di Lussari – Luschariberg

Qui si incontrano i Latini,i Germanici e gli Slavi.I nostri antenati hanno costruito qui una chiesa che non divide ma unisce i popoli.cropped-19620572_1142225879215568_5490999948520849531_o.jpg

Friuli Venezia Giulia Turismo

https://www.facebook.com/friuliveneziagiulia.turismo/videos/1778155002207710/

[ PURE NATURE – PROTECTED AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA ]

Le Aree protette del Friuli Venezia Giulia racchiudono un’incredibile diversità di paesaggi e natura che va dalla cima del Monte Canin, alle Dolomiti, attraversando il Carso, fino alle Lagune di Grado e Marano per poi giungere alle Falesie di Duino e ai fondali attorno al Castello di Miramare. Posti straordinari, di rara bellezza, fruibili dagli appassionati di birdwatching, da chi ama praticare trekking, canyoning, arrampicata, sup e kayak. Ma anche luoghi ideali per famiglie e organizzati per vivere, comprendere ed esplorare la biodiversità della regione.

Lo scivolone della Treccani

39958266_10214203831542791_678381962620043264_n
questo è uno stereotipo

Parco Naturale Regionale delle Prealpi Giulie

 
video

640px-Resiatal_01

https://photos.app.goo.gl/AZSBD6tCZu3EjWR99

Il parco naturale delle Prealpi Giulie è un parco regionale del Friuli-Venezia Giulia che si estende per circa 10.000 ettari in provincia di Udine sulle Prealpi Giulie.Il territorio del parco si estende tra le prealpi e le alpi Giulie. Le cime principali sono il Monte Canin (2.587 m), il Monte Plauris (1.958 m), la catena dei Monti Musi (1.869 m).
Si estende nei comuni di:

Chiusaforte
Lusevera
Moggio Udinese
Resia
Resiutta
Venzone
Flora
La vegetazione che si incontra nelle vallate del parco è il risultato dell’azione congiunta di due fondamentali fattori ecologici: il particolare regime climatico ed il substrato geologico. Ne consegue un patrimonio floristico costituito da circa 1200 specie e sottospecie e oltre 60 endesismi, tra cui la campanula di Zoys, la genziana di Froelich e il geranio argenteo.

Fauna
Nell’area del parco convivono specie faunistiche di origine meridionale, circummediterranea ed orientale. Sono presenti tutti gli ungulati alpini (capriolo, cervo, camoscio, stambecco e cinghiale) oltre ad altri importanti mammiferi fra i quali il gatto selvatico, diversi specie di mustelidi, roditori ed insettivori. Il simbolo del parco è la Coturnice che grazie ai numerosi ambienti adatti alla sua sopravvivenza, è molto diffusa.

Strutture ricettive
Sede
La sede del parco si trova nella frazione Prato del comune di Resia.

Rifugi e bivacchi
Nel parco naturale sono presenti i seguenti rifugi:

ricovero alpino Rio Nero Casera a 865 m s.l.m.[2];
ricovero alpino Borgo Miniera a 966 m s.l.m.[3];
ricovero alpino Marsinska Planina a 1401 m s.l.m.[4];
ricovero alpino Montemaggiore-Gran Monte a 1648 m s.l.m.[5];
ricovero alpino Bellina Dino a 1405 m s.l.m.[6].
bivacco Franco Costantini – CAI Manzano a 1690 m s.l.m.[1]
Vie d’arrampicata
In Val Resia, sul torrione Mulaz 1804, parete NNE, il 18 ottobre 2013 è stata attrezzata la L. Ron Hubbard Route – Mulaz Climbing Route.[7]

https://www.wikiwand.com/it/Parco_naturale_delle_Prealpi_Giulie

Citazione di oggi

“Il razzismo è l’espressione del cervello umano ridotta ai minimi termini”

Rigoberta MenchùImmagine