Pubblicato in: FVG

Parco Naturale Regionale delle Prealpi Giulie

 
video

640px-Resiatal_01

https://photos.app.goo.gl/AZSBD6tCZu3EjWR99

Il parco naturale delle Prealpi Giulie è un parco regionale del Friuli-Venezia Giulia che si estende per circa 10.000 ettari in provincia di Udine sulle Prealpi Giulie.Il territorio del parco si estende tra le prealpi e le alpi Giulie. Le cime principali sono il Monte Canin (2.587 m), il Monte Plauris (1.958 m), la catena dei Monti Musi (1.869 m).
Si estende nei comuni di:

Chiusaforte
Lusevera
Moggio Udinese
Resia
Resiutta
Venzone
Flora
La vegetazione che si incontra nelle vallate del parco è il risultato dell’azione congiunta di due fondamentali fattori ecologici: il particolare regime climatico ed il substrato geologico. Ne consegue un patrimonio floristico costituito da circa 1200 specie e sottospecie e oltre 60 endesismi, tra cui la campanula di Zoys, la genziana di Froelich e il geranio argenteo.

Fauna
Nell’area del parco convivono specie faunistiche di origine meridionale, circummediterranea ed orientale. Sono presenti tutti gli ungulati alpini (capriolo, cervo, camoscio, stambecco e cinghiale) oltre ad altri importanti mammiferi fra i quali il gatto selvatico, diversi specie di mustelidi, roditori ed insettivori. Il simbolo del parco è la Coturnice che grazie ai numerosi ambienti adatti alla sua sopravvivenza, è molto diffusa.

Strutture ricettive
Sede
La sede del parco si trova nella frazione Prato del comune di Resia.

Rifugi e bivacchi
Nel parco naturale sono presenti i seguenti rifugi:

ricovero alpino Rio Nero Casera a 865 m s.l.m.[2];
ricovero alpino Borgo Miniera a 966 m s.l.m.[3];
ricovero alpino Marsinska Planina a 1401 m s.l.m.[4];
ricovero alpino Montemaggiore-Gran Monte a 1648 m s.l.m.[5];
ricovero alpino Bellina Dino a 1405 m s.l.m.[6].
bivacco Franco Costantini – CAI Manzano a 1690 m s.l.m.[1]
Vie d’arrampicata
In Val Resia, sul torrione Mulaz 1804, parete NNE, il 18 ottobre 2013 è stata attrezzata la L. Ron Hubbard Route – Mulaz Climbing Route.[7]

https://www.wikiwand.com/it/Parco_naturale_delle_Prealpi_Giulie

Pubblicato in: FVG

Il vino Ramandolo

Immagini dal web

Il Ramandolo è un vino DOCG prodotto sulle colline del comune di Nimis e Tarcento.Il nome lo ha preso dalla frazione di Nimis:Ramandolo.

E’ prodotto con uve di verduzzo friulano,le uve sono appassite sulla pianta o in locali adatti.La vinificazione avviene in botti di legno,tutte le operazioni,vinificazione e imbottigliamento devono essere fatte nella zona DOCG.

Caratteristiche organolettiche 

  • colore: giallo dorato più o meno intenso;
  • odore: intenso e caratteristico di ramandolo;
  • sapore: gradevolmente dolce, vellutato più o meno tannico e di corpo con eventuale sentore di legno;
  • acidità totale minima: 4,5 g/l;
  • acidità volatile massima: 30 meq/l

Cenni storici

Il termine “ramandolo” deriva dal friulano “romandul” con il significato di “romano” cioè “latino”, ma secondo altri (Cornelio Cesare Desinan) deriva da Romandulus a sua volta diminutivo di “romandus” con il significato di “romanzo” cioè “friulano” in opposizione a “sloveno”. In effetti la frazione di Ramandolo è proprio al confine linguistico fra gli slavi (a nord) ed i latini (a sud). Le prime notizie documentate del vino ramandolo risalgono al 1893, quando alla II Fiera-concorso dei vini friulani, fu assegnato un attestato di lode ad un vino Ramandolo fuori concorso. (in: Claudio Fabbro -“Alle radici de Ramandolo'”)…

  • Caratteristiche organolettiche:
    • colore: giallo dorato più o meno intenso
    • odore: intenso e caratteristico
    • sapore: gradevolmente dolce, vellutato, più o meno tannico e di corpo con eventuale sentoredi legno

Abbinamenti consigliati

Dessert, pasticceria secca a base di mandorle, dolci alle mele, colomba, panettone e dolci della tradizione; formaggi erborinati e stagionati; foie gras ad inizio pasto

 

https://www.wikiwand.com/it/Ramandolo_(vino)

Lo stereotipo del friulano bevitore http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2018/08/23/news/scivolone-della-treccani-i-friulani-bevono-molto-1.17179350

 

 

 

Pubblicato in: FVG, minoranza slovena

Così dicevano i nostri anziani (Rezija-Resia)

800px-Rezija7
da https://www.wikiwand.com/it/Resia

autore Žiga

 

Itaku so gali naši ti stari : Zbugan!Bögöwö/ Böga jïmë !

Con Dio! In nome di Dio!Formula per la buona sera,la buona notte e per una partenza.

Bug dejtë no lähko nuc′! Che Dio dia una buona notte!