Pubblicato in: dom, friuli, storia

La 2ª guerra mondiale a fumetti (67)

Moj-dnevnik-67-263x300

Nel 70° della fine della seconda guerra mondiale (1945), Moreno Tomasetig ha trasformato in fumetto i diari del parroco di Lasiz, don Antonio Cuffolo (1889-1959). In questa puntata. Il 15 agosto 1945 il sacerdote scrive che, dopo la resa del Giappone, in tutto il mondo si festeggia la fine della seconda guerra mondiale. «Nella nostra valle ballano giorno e notte, come dannati. Che Dio li rinsavisca», commenta. Il 5. settembre a Scrutto vengono assassinati il dott. Penasa, farmacista e sindaco socialista, e la moglie. «Veleni e odio crescono ogni giorno di più nelle nostre valli», scrive don Cuffolo. Il 30 settembre trascrive la lettera del prefetto di Udine, Agostino Candolini, al parroco di Antro, don Giuseppe Cramaro, nella quale ribadisce come il diritto all’uso della lingua slovena nel culto debba essere «pienamente rispettato». (67 – continua)

https://www.dom.it/2-svetovna-vojna-v-stripu-67_la-2a-guerra-mondiale-a-fumetti-67/

Pubblicato in: migranti

Ecco i dettagli su come vengono utilizzati i famosi 35 euro per migrante

migranti-Augusta-675-675x275

Un video creato dalla cooperativa sociale Versoprobo, con sede a Vercelli, ci spiega come vengono spesi gli ormai famosissimi 35 euro al giorno che vengono dati, per ogni extracomunitario accolto, alla struttura pubblica o privata.

Nel video, Islao Patriarca, presidente della cooperativa, ci spiega le conseguenze del decreto ministeriale che il ministro dell’ Interno Matteo Salvini ha inviato a tutti i prefetti d’ Italia il 23 luglio scorso (il link al decreto).
L’ importo è calcolato dal Ministero dell’ Interno, ed ecco perché Salvini ha emanato questa circolare: per ridurre o persino cancellare questi soldi che, a detta sua e di tanti italiani che non conoscono bene, o per nulla, l’ argomento, sono importi regalati agli extracomunitari, come se percepissero, essi stessi, tutta la somma stabilita dal governo.
Le spese che, ripetiamo, sono intascate e amministrate dalla struttura che accoglie, sono così ripartite:
spese amministrative: 0,06 euro
canone di locazione: 3,00 euro
utenze: 3,00 euro
automezzi e carburante: 0,24 euro
manutenzione: 0,13 euro
assicurazioni: 0,21 euro
costi del personale amministrativo: 1,04 euro
costi del personale diretto: 11,93 euro
costi del personale medico: 3,13 euro
scheda telefonica: 0,16 euro
pocket money, ovvero l’unico importo 3,50 euro
che finisce in tasca al migrante
alimenti: 6,93 euro
farmaci e interventi: 0,26 euro
kit igienico: 0,39 euro
indumenti 0,32 euro
effetti letterecci 0,16 euro
lavanderia 0,16 euro
pulizia 0,23 euro
raccolta e smaltimento rifiuti 0,06 euro
spese varie ed eventuali 0,10 euro
spese per la sicurezza 0,23 euro
TOTALE/giorno 34,37 euro

https://player.vimeo.com/video/293903082“>

Vedi il video completo.
Se il player non parte, questo è il link diretto
https://vimeo.com/293903082

https://ilventunesimosecolo.blogspot.com/2018/10/ecco-i-dettagli-sui-35-euro-immigrati.html

Pubblicato in: cultura, friuli, minoranza slovena

Le krivapete

kriva_foto

Critica a “Krivapete”
(Dipinto su muro, Sottovernassino, casa Slaidar)
La mitologia tradizionale delle Valli del Natisone è elemento di connessione tra cultura locale e interpretazione moderna del mondo, e di mediazione tra presente e passato. L’elaborazione dei concetti di demoni e Krivapete ripropone i temi universali delle paure arcaiche e delle angosce personali che da secoli affliggono l’umanità in ogni parte del mondo. L’opera è ambientata all’ingresso di una grotta, dove si svolge la danza ancestrale delle leggendarie figure delle Krivapete, circondate da schiere di demoni.
Le Krivapete, personaggi mitologici della tradizione delle Valli del Natisone (ma presenti, con altri nomi, in molte culture precristiane di tutto il mondo) qui servono da veicolo per il messaggio della libertà. Infatti esse pur vivendo, secondo la tradizione, una condizione di reiette, costrette a sopravvivere di espedienti e con ciò che la natura ha da offrire, sono sostanzialmente libere perché possono fare ciò che vogliono. Questa loro “incontrollabilità” le ha rese invise alle autorità religiose che in passato le hanno relegate alla parte nera associandole al demonio. Con molta probabilità (al di là della caratteristica dei piedi girati all’indietro) si trattava invece di figure realmente esistite, di donne che curavano, che aiutavano con successo i malati, le partorienti, i feriti, sfruttando le consapevolezze acquisite da un intimo legame con la Natura. Rappresentando il messaggio fondamentale del dipinto (libertà) non devono portare vestiti, gioielli, ma essere come la prima donna, come Eva nel paradiso terrestre, libere dalle costrizioni socio-culturali che caratterizzano ogni epoca. Danzano attorno al fuoco (purificatore), i volti nascosti dai capelli (la libertà non può avere volto; né politico, né religioso), danzano alla Luna, alla donna, alla madre, alla creazione.
La grotta rappresenta il luogo oscuro da cui nascono ed in cui nascondiamo i nostri demoni, ma anche il femminile, la madre, l’utero, il potere del dare la vita. Questi concetti sono sempre stati visti con sospetto e paura dal maschile, che nel corso dei secoli ha sempre tentato di soggiogarli, demonizzandoli. L’imboccatura della grotta, l’apertura verso l’esterno, simboleggia l’uscita dal tunnel della malattia, delle dipendenze fisico-mentali (lussuria, alcool, droga ecc.) e religiose, nelle sue accezioni più umilianti per la persona. E raffigura nel contempo la speranza che disperde i tabù, le paure e le grettezze.
Tale concezione viene rafforzata nella scena centrale della danza: ancestrale, tribale, liberatoria. La catena spezzata sottolinea questa condizione di libertà dalle convenzioni, dal falso buonismo, dal “ben pensare” e giustamente viene tenuta in alto, presentata alla Luna che altro non è che un simbolo, l’ennesimo, femminile; anch’essa in molte culture (ad es. Maya, ma anche altre) non viene vista con particolare benevolenza e, anzi, viene associata ad aspetti negativi, al freddo, al buio ecc.
I demoni che circondano, incorniciando, la scena, sono eseguiti con colori tendenti all’ocra rossa per ricreare l’idea dell’antro in chiave grottesca in cui convergono, ma contemporaneamente ne escono, le nostre più intime paure ovvero i nostri vizi.
Anche fuori ci sono i demoni. Sono rappresentati dalla foresta in terzo piano ma questi, usciti ormai allo scoperto, ora sono impotenti spettatori e non più protagonisti della vita. Vita che viene evidenziata dalla “catena” di fiori e foglie intrecciate (Kita, in dialetto) associata tipicamente al ritorno della primavera dopo l’inverno, dopo le tenebre e la morte.
Fabrizio Podorieszach
con la gentile collaborazione della
Dott.ssa A. Remondini

fonte http://www.lintver.it/cultura-tradizioni-krivapete_gor.html