Pubblicato in: politica

E’ successo anche a me…

[…]
Mi davano della Cassandra – spiega al Foglio – quando io dicevo ‘guardate che questi sono fascisti’. Oh, purtroppo ho avuto ragione: sono fascisti per davvero! Mobilitare le persone utilizzando l’odio, il disprezzo, sulla base di un mantra motivazionale – ‘non è stata colpa tua ma degli altri’ – come nei rehab per gli alcolisti anonimi. Funziona su quelle persone che si sentono tagliate fuori, escluse, fragili.“Molti elettori del M5s sono persone che si sono sentite escluse e frustrate, scatenano la loro rabbia quando scrollano la loro timeline”Ed è sostanzialmente una tecnica parafascista, era chiaro fin da subito. Il disprezzo per la cultura e per gli artisti sono un classico della predicazione fascista e nazista goebbelsiana. E a Grillo, che è un comico – anche se non mi fa ridere dal 1982 – ogni tanto scappa di bocca quella mezza verità propria dei giullari: ‘siamo dei nazisti light’, disse lui ridendo. Quelle tecniche di mobilitazione del consenso sono tipicamente naziste, goebbelsiane. E’ bastato sostituire gli ebrei con i negri e gli intellettuali ‘della casta’. Questa narrazione potentissima funziona, ma sono stati poco accorti ad allearsi con qualcuno più spregiudicato di loro, che va a toccare le corde del fascismo antropologico, razzista, maschilista, quello intimo e naturale degli italiani.https://teddyboys8284.wordpress.com/2018/11/15/mi-e-sempre-piaciuto-il-domani-comunque-vada-una-giornata-ce-sempre-un-domani/

Pubblicato in: friuli

Comunità germanica del Friuli

La commissione delle minoranze di lingua tedesca del Friuli Venezia Giulia si è riunita per la prima volta a Sappada/Plodn, da poco passata alla Provincia di Udine

tedeschi_sappada_plodn_casa_tipica_blockhaus_750px.1539362454Una “Blockhaus” la tipica costruzione sappadina

La commissione delle minoranze di lingua tedesca in Friuli Venezia Giulia si è riunita per la prima volta a Sappada per festeggiare il passaggio di questo comune del Cadore dalla Provincia di Belluno a quella di Udine, avvenuto nel dicembre 2017.
La commissione ha espresso parere positivo alle modifiche e integrazioni della legge regionale 20 novembre 2009, n.20 (Norme di tutela e promozione delle minoranze di lingua tedesca del Friuli Venezia Giulia): si tratta di modifiche di tipo tecnico che riguardano il passaggio di Sappada al Fvg.
Parere favorevole anche sulla bozza del bando per il finanziamento di iniziative e interventi di tutela e promozione del patrimonio linguistico e culturale delle minoranze di lingua tedesca del Friuli Venezia Giulia approvato in via preliminare dalla Giunta regionale lo scorso giugno, con una dotazione finanziaria di 180 mila euro.
(12 ottobre 2018)

http://www.minoranzelinguistiche.provincia.tn.it/oggi_in_evidenza/pagina1674.html

 

Pubblicato in: friuli, minoranza friulana

Battute in friulano

Om cjasandrin

(Ta ostarie al è l’om chel ch’al comande a cjase sô. Spes a cjase las roubas a no son propit cussì, anzit)

lineablu 

Uomo di casa

(Nell’osteria è l’uomo quello che comanda a casa sua. Spesso le cose non vanno proprio così, anzi!)

Pubblicato in: friuli, vignette

Nuova vignetta

di Moreno Tomazetig l’illustratore delle Valli del Natisone/Nediške doline

46344036_2397204473840282_4830258557683236864_o
orchestra vini tipici friulani
Pubblicato in: articolo

Le Nius

Se ne parla solo per terribili fatti di cronaca, eppure in Italia c’è un problema molto serio con le droghe pesanti.

Sembrava una questione chiusa. Invece no.

LENIUS.IT
Sembrava una questione chiusa. Invece no. L’eroina è tornata prepotentemente sul mercato, dagli Stati Uniti in Europa fino all’Italia….
Pubblicato in: friuli, minoranza slovena

Crimi contro i giornali di lingua slovena

81D71134-7F72-4A4B-BAF4-5759966280FEConte si richiama alla costituzione Il governo intenderebbe abolire il finanziamento statale all’editoria entro il 2020 «In questo momento ancora non abbiamo una proposta elaborata in modo definitivo. Stiamo ancora prendendo accordi. Saremo sicuramente attenti ai diritti garantiti dalla costituzione». Così ha risposto il premier Giuseppe Conte al giornalista di RTV Slovenija Janko Petrovec, che, a un incontro coi corrispondenti esteri, aveva chiesto cosa avrebbe fatto seguito agli annunci del sottosegretario Vito Crimi, secondo i quali entro il 2020 il finanziamento pubblico ai media sarebbe completamente abolito. In tal caso i media della minoranza linguistica slovena, infatti, sarebbero a serio rischio. Durante un comizio del Movimento 5 stelle a  Roma, domenica, 21 ottobre, il sottosegretario alla presidenza del consiglio Crimi aveva annunciato dal palco che la legge di bilancio per il prossimo anno avrebbe contenuto anche il primo intervento per l’abolizione del finanziamento pubblico ai giornali. Nel 2019 i finanziamenti sarebbero stati dimezzati; nel 2020 eliminati. Il dimezzamento e l’eliminazione dei fondi sarebbero valsi anche per i «giornali di lingua slovena», tra cui anche il Primorski dnevnik, e per i giornali di lingua italiana pubblicati all’estero, tra cui La voce del popolo, pubblicato in Slovenia e Croazia. Nel programma del Movimento 5 stelle già da tempo figura l’abolizione del finanziamento statale ai media; la tematica, tuttavia, non è presente nel contratto di coalizione sottoscritto da Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Nel rispondere a Petrovec, invece, il premier Conte aveva spiegato come l’intervento figurerebbe tra gli intenti che ricadono nel programma del governo. Ricordiamo che i giornali in lingua slovena del Friuli Venezia Giulia (Dom, Primorski dnevnik, Novi Matajur, Novi glas) svolgono un ruolo importante nella vita culturale e sociale della minoranza slovena e rispetto al mantenimento della lingua da essa parlata, nonché nella creazione della sua opinione pubblica. (dal Primorski dnevnik del 23. 10. 2018)

Slovit del 31-10-18