Pubblicato in: FVG

La conoscete?

vischio-pianta-proprietà
da https://www.ideegreen.it/vischio-pianta-e-sue-proprieta-84106.html

La leggenda del vischio è antica e romantica, e risale alla mitologia dei Celti: ecco perché questa pianta magica è diventata simbolo di fortuna e… di baci!

Sapete perché baciarsi sotto un ramoscello di vischio porta fortuna? Per via di una storia d’amore molto, molto antica… eccola!

Nella mitologia nordica, il vischio è anche la pianta sacra di Frigg (o Freya), dea dell’amore: questa dea ha una storia romantica e dolorosa.

Essa aveva due figli, Balder, buono e generoso, e Loki, cattivo e invidioso, che voleva uccidere il fratello. Saputo il piano di Loki, Frigg chiese a tutte le creature animali e vegetali di proteggere Balder, ma si dimenticò del vischio. Loki allora usò proprio questa pianta per fabbricare una freccia che uccise Balder.

La dea Frigg appena vide il suo cadavere, iniziò a piangere. Le sua lacrime per magia si trasformarono in bacche bianche, e quando queste toccarono il corpo di Balder, lui tornò in vita.

Per la grande felicità, la dea Frigg cominciò a baciare chiunque passasse sotto l’albero sul quale cresce il vischio (di solito pioppi, olmi e tigli). Il suo bacio non era solo un onore, ma anche un portafortuna e una protezione; ai fortunati baciati dalla dea, infatti, non poteva capitare nulla di male.

I druidi celti onoravano il vischio come pianta sacra, perché ritenevano che nascesse dal cielo (per la precisione, che crescesse nei luoghi colpiti dai fulmini), e poiché le sue bacche si sviluppano in 9 mesi e si raggruppano a tre a tre (il 3 è un numero sacro in molte culture).http://www.leitv.it/giardinaggio/perche-ci-si-bacia-sotto-al-vischio-a-capodanno/

862b3a9b8fc71559e6759610b3d287c0

Pubblicato in: FVG

Migranti, il grido d’aiuto dalle due navi umanitarie tedesche: “Abbiamo bisogno di un porto subito”

Migranti-Sea-Watch-torna-libera-e-in-navigazione.-Non-ci-fermiamo_articleimage
immagine da https://www.difesapopolo.it/Chi-siamo

Nessun paese concede l’approdo. Da nove giorni, in condizioni ormai proibitive, a bordo della Sea Watch 32 persone tra cui 3 bambini piccoli. In 17 sono sulla Sea Eye

di ALESSANDRA ZINITI https://www.repubblica.it/cronaca/2018/12/30/news/migranti_il_grido_d_aiuto_dalle_due_navi_umanitarie_tedesche_abbiamo_bisogno_di_un_porto_subito_-215486649/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P3-S1.8-T1&refresh_ce

Pubblicato in: FVG

No ai botti di Capodanno🍾

Domani è l’ultimo giorno del 2018.E’ usanza festeggiare con botti,spumante ed allegria.Comprate spumanti e altri cibi rigorosamente italiani.

Ogni anno si leggono notizie di feriti a causa dei botti.Mi raccomando,se non potete farne a meno,usate quelli legali.Ricordate che gli animali si spaventano molto,quindi regolatevi in tal senso.In molte città li hanno proibiti, ci si può divertire anche senza.Non guidate se avete bevuto alcolici,gli incidenti succedono spesso.  A Udine i fuochi d’artificio saranno silenziosi. Niente botti insomma, ma solo uno spettacolo di luce per evitare che il primo giorno dell’anno si trasformi in un incubo per moltissimi animali ,a Pordenone esclusiva italiana di The Original Blues Brothers band:giochi di luce e proiezioni 3d per una installazione di videomapping.photofunky (1)

Pubblicato in: FVG

Vittorio Podrecca

Vittorio Podrecca ( Cividale del Friuli , 1º luglio 1883 – Ginevra , 5 luglio 1959 ) è stato un impresario e regista italiano del teatro delle marionette.

Biografia

Vittorio era figlio di Carlo, avvocato e scrittore ( La Slavia Italiana ), e fratello di Guido , giornalista e politico, accreditato di essere, assieme a Filippo Turati ed Andrea Costa , uno dei fondatori del Partito Socialista Italiano .

Vittorio Podrecca con le sue marionette
Vittorio Podrecca con le sue marionette

Laureatosi in legge, collaborò e diresse alcune riviste di informazione e critica musicale; in seguito divenne segretario del Conservatorio di Santa Cecilia a Roma . Fu proprio qui che fondò, nel 1914 , la compagnia di marionette I Piccoli (meglio direi impresario e direttore) che ben presto, grazie alle numerosissime tournée all’estero, divenne celebre in tutto il mondo.

Il Suo teatro , Che Arrivo a Contare fino a Ben mille marionette, Porto sulla scena, di volta in volta, brevi opere musicali Fatte talora appositamente (for example, La bella addormentata nel bosco di Ottorino Respighi ), Riduzioni Liriche o in prosa, Favole, caricature e bozzetti folcloristici italiani e stranieri, in una cornice scenica che si avvaleva di pittori acquistuti poi notissimi (per esempio Enrico Prampolini ).

Fra le marionette più celebri inventate da Vittorio Podrecca sono il soprano Sinforosa Strangolini e il pianista Piccolowsky; si chiudono di solito il programma eseguendo al pianoforte una sonata, vero e proprio capolavoro della tecnica marionettistica.

Dopo la sua morte il magazzino contiene numerose marionette, bozzetti e attrezzi vari, fu acquistato in blocco da Maria Signorelli che così è riuscito ad impedirne la dispersione. Il Fondo Podrecca quindi fa parte della Collezione Maria Signorelli , una delle più grandi opere private in Europa di materiali attinenti il teatro di animazione  .

https://www.wikiwand.com/it/Vittorio_Podrecca

https://ipiccolidipodrecca.wordpress.com/2015/03/03/vittorio-podrecca-e-la-nascita-del-teatro-dei-piccoli/

Quando ero bambina mi portarono a Udine ad assistere ad uno spettacolo di marionette di Podrecca.Mi piacque molto,a quei tempi non c’era la TV,io ne rimasi entusiasta.Avevo visto solo le  “lutke” i burattini a Ljubljana.