Pubblicato in: attualità olgited, pinterest, ricorrenza

Babbo Natale e le sue renne

886a6bac17460ce65588d954470630dd.gifC’era una volta, tanti e tanti anni fa un simpatico vecchietto, il suo nome era Babbo Natale, che decise di trasferirsi in Lapponia con le sue renne e ai suoi elfi.
Non c’erano auto, autobus, traffico e rumori perchè era un luogo pieno di pace, di alberi, silenzio e animali. Lì era inverno tutto l’anno. Il suo indirizzo? È un segreto, nessuno sa dove abita Babbo Natale.

L’unica cosa che sappiamo è che vive sulla montagna Korvatunturi, ma nessuno è mai stato capace di trovare la sua casa tra la neve.
Le sue giornate? Sono molto frenetiche, visto che lui e i suoi elfi devono prendersi cura delle renne. Sappiamo solo che ogni tanto, con la sua slitta, si sposta nel Circolo Polare Artico dove c’è il suo segretissimo ufficio, nel Villaggio di Babbo Natale.

Questo è un periodo impegnativo per Babbo Natale…..poverino tutto il tempo a leggere tutte le migliaia e migliaia di letterine a lui indirizzate che gli arrivano da ogni parte del mondo. Eh si gli tocca, visto visto che dovrà realizzare milioni di doni da portare ai bambini nella notte del 24 dicembre…http://www.giacinto.org/la-fiaba-di-babbo-natale/

Annunci
Pubblicato in: attualità olgited, friuli, notizie

News Friuli

fratello-orso-immagine-animata-0008

Cacciatore sloveno uccide l’orso Elisio

L’animale era monitorato dall’università di Udine, dal gruppo di ricerca che segue la fauna selvatica aveva applicato all’animale un radio collare attraverso il quale seguiva tutti i suoi movimenti. Un collare risultato poco evidente agli occhi del cacciatore che gli ha sparato da un’altana, mentre il plantigrado passeggiava nei boschi di Senozece, frazione di Divaccia, poco distante dalle Grotte di San Canziano. C’è un precedente: 11 anni fa Bepi fece la stessa fine di Giacomina Pellizzari http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2018/12/05/news/cacciatore-sloveno-uccide-l-orso-elisio-1.17532414?ref=hfmvudes-1

ILPAIS.IT
Primo viadotto sul Tagliamento ultimato: nella notte fra sabato e domenica 9 dicembre, inizia lo spostamento del traffico
Il primo dei due nuovi viadotti sul fiume Tagliamento è pronto. Domenica 9 dicembre, a partire dalle ore 08,00, verrà aperto parzialmente al traffico lungo la direttrice Venezia. Quindi dalla domenica successiva, 16 dicembre, l’intera circolazione dei veicoli – anche quelli diretti a Trieste -…http://www.ilpais.it/2018/12/06/primo-viadotto-sul-tagliamento-ultimato-nella-notte-fra-sabato-e-domenica-9-dicembre-inizia-lo-spostamento-del-traffico/?fbclid=IwAR3d7OQ5RW444_cxFC0e3gijB6F1ycAamAHGO96rUsCarp6-cvjLz9TZmOQ

DAL TERRITORIO
Maltempo: Cantone Svizzero San Gallo dona 20mila franchi alla Protezione Civile Fvg
Davide Macor PUBBLICATO IL 7 DICEMBRE 2018

“Questo è un importante riconoscimento internazionale della professionalità della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia e un toccante attestato di amicizia, stima e vicinanza da parte della popolazione del Cantone San Gallo che ci rende orgogliosi e riconoscenti”. Lo ha […]http://www.ilpais.it/category/ultime/territorio/

Carnia-formaggi-1-960x640 APPUNTAMENTI / MANGJA E BEVI
FORMANDI – Sapori e formaggi di montagna. In programma anche un’inconsueta Asta di formaggi di malga…http://www.ilpais.it/category/ultime/mangja-e-bevi/

Pubblicato in: attualità, friuli, ricorrenza

Cina, Olanda e Germania: dove compra l’Italia palline e addobbi di Natale

1543856799_nataleLa Cina è il regno degli addobbi e delle luminarie per le festività. Dal Paese di Mezzo l’Italia importa metà delle decorazioni che finiscono in case e negozi
Esportazioni per 19 milioni di dollari, importazioni per 154 milioni. È tutta qui la magica atmosfera del Natale. O meglio, il mercato delle decorazioni natalizie può essere riassunto in queste due cifre. Numeri che riguardano l’Italia e fanno riferimento al 2017. Arrivano da Un Comtrade, database dedicato al commercio internazionale curato dalle Nazioni unite…continua https://www.wired.it/economia/consumi/2018/12/07/natale-palline-addobbi-luci-cina/?utm_source=wired&utm_medium=NL&utm_campaign=daily&refresh_ce=

Pubblicato in: friuli, lingue, minoranza slovena, minoranze linguistiche

Un popolo

Nella Slavia friulana/Benecija con l’italianizzazione ai tempi del fascismo è stata rubata la lingua slovena

Un popolo diventa povero e servo quando gli rubano la lingua ricevuta dai padri: è perso per sempre. Diventa povero e servo quando le parole non figliano parole e si mangiano tra di loro. Me ne accorgo ora, mentre accordo la chitarra del dialetto che perde una corda al giorno. …..
Un povero che allatta dalle mammelle aride della madre putativa, che lo chiama figlio per scherno. Noialtri l’avevamo, la madre, ce la rubarono; aveva le mammelle a fontana di latte e ci bevvero tutti, ora ci sputano. Ci restò la voce di lei, la cadenza, la nota bassa del suono e del lamento: queste non ce le possono rubare. Ci restò la somiglianza, l’andatura, i gesti, i lampi negli occhi queste non ce le possono rubare. Non ce le possono rubare, ma restiamo poveri e orfani lo stesso.
Ignazio Buttitta
Traduzione dal siciliano da Lingue e dialetti