Polovin-kries

A Bardo-Lusevera il 6 gennaio 2019 nel campo grande/velika njiva

alle ore 19.00

Il polovin o kries cioè il falò epifanico è un rito antico  antecedente ai Celti. Dopo il solstizio d’inverno si accendevano i roghi per invocare la benevolenza del dio Beleno,divinità del fuoco , chiedere una stagione propizia ed allontanare gli influssi malefici.In Friuli nelle serate del 5 e del 6 gennaio vediamo molti falò che in ogni zona prendono nomi diversi.In cima alla catasta spesso  viene messo un fantoccio dalle sembianze di strega.

Famoso è il Pignarul di Tarcento dove la sera del 6 gennaio si accende nei pressi dei ruderi del castello medievale,il Pignarul Grant che dà il via a tutti i Pignarul del tarcentino.E’ uno spettacolo bellissimo;centinaia di falò illuminano il Friuli.La direzione del fumo darà la previsione per l’anno.Un vecchio proverbio friulano dice

“Se il fum va à soreli a mont,cjape il sac e va pal mont,se il fum invezit al va te bande di soreli jevat,cjape el sac a va al marcjat”

“Se il fumo va a occidente,prendi il sacco e va per il mondo,se il fume va a oriente,prendi il sacco e va al mercato” Quindi la direzione del fumo indica se sarà un anno buono o cattivo.

Nell’alta Val Torre un tempo era di regola accendere un piccolo falò per Gaspare,un medio per Melchiorre e il maggiore per Baldassarre.Il 6 gennaio ardevano tutti i falò che erano visibili tutt’intorno.

Questa festività è legata alla luce,infatti per il sei gennaio il giorno si fa più lungo. E’ conosciuta  in alta Val Torre con il nome di “piernahti ( dal tedesco Bertennah:che dà luce).Oggi questa usanza si è mantenuta a Bardo dove si accende il “polovin” ,parola che probabilmente deriva da “pan e vin”e che veniva gridata all’accensione per auspicare un raccolto favorevole. 

video di Romeo Trevisan

Vignette

Magistris: “Disponibili 20 imbarcazioni per portare a terra i migranti” — FeniceNews2404 gennaio 2019 “La preoccupazione per le condizioni delle persone che avete sottratto al mare mi spinge, a nome dell’intera città di Napoli, a chiederle formalmente di voler girare la prua verso la nostra città, certi che sarete accolti nel nostro porto”. Lo si legge in una lettera che il sindaco, Luigi de Magistris, ha […]

via Sea Watch, il sindaco “scafista” De Magistris: “Disponibili 20 imbarcazioni per portare a terra i migranti” — FeniceNews24

20190201leftwhttps://vaurosenesi.it/2019/01/02/m5s-di-battista-in-congo-dopo-le-elezioni-europee/

Drenchia-Dreka

https://www.facebook.com/simone.golop/videos/2033036796782695//

video storico San Volfango

Che orrore, che barbarie — natangelo

Che orrore, che barbarie – da Il Fatto Quotidiano #seawatch #sindaci #disobbedienzacivile #salvini #natangelo

via Che orrore, che barbarie — natangelo

oggi – 4

48365906_1966686316761961_4899434245845417984_n
foto da http://www.studioforest.it