Pubblicato in: storia

Il lapis rosso e blu

 

55576311_1084357878620916_1069891802430963712_nricordi

Quando frequentavo la scuola elementare,per correggere,la maestra usava la matita rosso-blu.Gli errori meno gravi erano sottolineati con il blu,quelle più gravi con il rosso.Non credo che ci sia tra i miei followers qualcuno che abbia avuto i quaderni corretti in questo modo!

Pubblicato in: FVG

Alta Val Torre – Terska dolina (Comune di Lusevera – Bardo)

Video promozionale commissionato da COMUNE DI LUSEVERA – BARDO Realizzato e trasmesso da TV KOPER – CAPODISTRIA Tratto dal format “PAESE CHE VAI” di PENELOPE FOLIN http://www.facebook.com/planetbardo

Pubblicato in: FVG

ForEst-Studio Naturalistico

Ancora posti disponibil per la nuova avventura con l’amico e collega Nicola Picogna!
L’iniziativa Quattro passi con l’Otturatore prende l’avvio domenica 14 aprile …andando a caccia di orchidee selvatiche! 🌺
Il Laboratorio Fotografico Itinerante: Tra i Colli di Osoppo attende tutti gli appassionati!

Maggiori info sul nostro sito:http://www.studioforest.it/…/laboratori-fotografici-itiner…/

56894451_2116201188477139_1046010384105865216_o

Pare forse un po’ strano che io proponga a mesi di distanza riflessioni sull’ambiente di vecchia data, ma se avessi offerto tutte le relazioni del primo dicembre al convegno “La montane dai Sants: alluvione 2018” in pochi giorni, poi l’argomento sarebbe sparito dal vostro interesse. 2.883 altre parole

via L’intervento dell’ingegnere idraulico Matteo Cuffolo il 1° dicembre all’isis F. Solari. Previsione e manutenzione sullo scorrimento delle acque. — Non solo Carnia

L’intervento dell’ingegnere idraulico Matteo Cuffolo il 1° dicembre all’isis F. Solari. Previsione e manutenzione sullo scorrimento delle acque. — Non solo Carnia

Pubblicato in: FVG, storia

📰 Il vento che tira in Friuli

da https://www.facebook.com/openFVG/55554506_658776591233501_8714398814343004160_oDopo un voto discutibile in Consiglio regionale c’è evidentemente bisogno di dirlo: siamo nettamente dalla parte dell’antifascismo e di chi ha lottato per la Liberazione dell’Italia e dell’Europa. La visione di una Regione aperta, quella che portiamo avanti, è quanto di più lontano e opposto ci possa essere ai principi ispiratori del nazifascsmo.

Questo non ci impedisce di vedere gli errori (e gli orrori) fatti anche dalla nostra parte. Ma questi errori a loro volta non devono impedirci di vedere come stanno le cose. È vero, c’è un inaccettabile revisionismo storico che attraversa tutto il dopoguerra e che alla fine del secolo incontra purtroppo anche l’insperata accodiscendenza di una parte del campo costituzionale. Ma a parte questo la sinistra non c’entra, è il negazionismo della destra. Quello che occulta sistematicamente venti anni di orrori in Slovenia, Istria e Dalmazia – e nella stessa Trieste. Quello che costruisce le sue alterne fortune politiche sulla continua riproposizione ed enfatizzazione della vicenda delle Foibe per distogliere l’attenzione dalle gravissime responsabilità del fascismo di confine nella persecuzione di slavi del Sud e antifascisti e nell’applicazione concreta delle leggi razziali, dall’annuncio in Piazza Unità d’Italia alle delazioni che conducevano ai forni crematori della Risiera di San Sabba.

Esprimiamo piena solidarietà all’ ANPI VZPI Trieste e a tutti gli storici antifascisti bersaglio della velenosa mozione presentata dalla destra in Consiglio regionale. E grazie a Loredana Panariti per avere spiegato già qui la valutazione netta di tutta Open FVG sull’importanza di una ricerca storica che si possa dispiegare libera da ogni condizionamento che non sia quello della rigorosità del metodo scientifico.

Ma grazie anche a Furio Honsell per avere voluto e saputo riflettere sulle critiche che Open FVG ha ricevuto e per avere ammesso un proprio errore di valutazione. A chi ci conosce ancora poco chiediamo di non avere dubbi: Open FVG è tutta dalla parte dell’antifascismo e contro il revisionismo, che è quello portato avanti dalle destre in tutti questi anni. Parlano le nostre storie politiche e i nostri atti. A cominciare da quelli di Furio Honsell. Da sempre in prima fila – come e meglio di molti di noi – dalla parte dell’antifascismo e della Resistenza.