Tutti senza distinzione vanno tutelati :figli di italiani e di migranti! 
Nel nostro Paese uno studente su dieci è alloglotto e spesso lo è la maggioranza nelle prime classi delle scuole del nord.Ma il ministro conosce la realtà delle nostre scuole?Ora capisco ,questa è la politica della Lega ,partito di appartenenza del ministro.

… verbo:«non essere uguali» di Daniela Pia Martedì, aprendo il sito del Miur, ho letto con profondo sconcerto una dichiarazione del ministro Marco Bussetti: «tuteliamo i figli dei migranti ma prima gli italiani. Mi sono chiesta in che cosa intendesse concretizzare questo “prima”. Differenziando i banchi? O la ricreazione? I libri forse? La mensa allora?…

via Bussetti vuole imporre a scuola un nuovo.. — La Bottega del Barbieri

Bussetti vuole imporre a scuola un nuovo.. — La Bottega del Barbieri

“In tutte le iniziative alle quali partecipo in cui il tema è il recupero dei terreni incolti o, più in generale, il rilancio della motagna viene citata l’associazione fondiaria Erbezzo come modello di buona pratica”. 83 altre parole

via “ASFO Erbezzo, un modello per il rilancio della montagna” — NoviMatajur

“ASFO Erbezzo, un modello per il rilancio della montagna” — NoviMatajur

“In tutte le iniziative alle quali partecipo in cui il tema è il recupero dei terreni incolti o, più in generale, il rilancio della motagna viene citata l’associazione fondiaria Erbezzo come modello di buona pratica”. 83 altre parole

via “ASFO Erbezzo, un modello per il rilancio della montagna” — NoviMatajur

“ASFO Erbezzo, un modello per il rilancio della montagna” — NoviMatajur

Pubblicato in: FVG

MORENO TOMASETIG illustratore – disegnatore

Questo slideshow richiede JavaScript.

NATO: a Ougree – Liegi , Vallonia-Wallonie (Belgio) 12-11-1959

RESIDENTE a Prepotto (Ud) ITALY

STUDI: Iniasa, biennio grafica pubblicitaria (Udine 1977-1979). Graphecoop, Parigi, corsi di grafica, disegno e piccola editoria 1983-84. Viaggio di studio nelle terre del popolo Ainu-isola di Hokkaido, Giappone (Assoc.Vert-Monde 1984-85). Viaggio nella lapponia finlandese (programma Seeds – Lapponia finlandese 1990-92). Corsi di anatomia ed illustrazione presso Libera Accademia di Cividale (1996-1998) con i Maestri Dusik, Nardon e Brand.

Corso per mediatori linguistici e culturali, Provincia di Udine, 1998-1999.

Corsi di illustrazione presso la Scuola Internazionale di Illustrazione di Sarmede – Treviso (2002-03-04) con i Maestri Angeletti, Wolfsgruber, Junakovic, Cimatoribus.

Diploma CSEN, insegnamento yogabambini, metodo “Yoga in fiore”, Tricesimo (Ud) 2018.

LAVORO: attualmente socio della coop editoriale Most di Cividale (Ud) collaborazioni varie tra le quali illustratore per il giornale DOM di Cividale e Novi Glas di Gorizia, operatore esterno nelle scuole per i corsi di fumetto e doposcuola.
LINGUE PARLATE: francese, italiano, inglese base, friulano base e sloveno dialettale, rudimenti di finlandese.

 

fonte http://www.morenotomasetig.com

Qualcuno che la sa lunga mi spieghi questo mistero: il cielo è di tutti gli occhi, di ogni occhio è il cielo intero. E’ mio, quando lo guardo. E’ del vecchio, del bambino, del re, dell’ortolano, del poeta, dello spazzino. Non c’è povero tanto povero che non ne sia il padrone. Il coniglio spaurito ne […]

via Il cielo è di tutti — OpinioniWeb-XYZ

Il cielo è di tutti — OpinioniWeb-XYZ

Pubblicato in: FVG

Un friulano di Attimis vince il Campionato francese di Sushi

Le eccellenze del Friuli
Emanuele-Bombardier2_Thumb_HighlightCenter196496Emigra seguendo la sua passione: Emanuele Bombardier ha superato i più noti chef francesi di cucina giapponese
Un friulano vince il Campionato francese di Sushi
05 aprile 2019
Dopo Gloria Clama, un altro friulano fa parlare di sé in cucina. Questa volta, però, a Parigi, dove martedì 2 aprile si è tenuta la terza edizione del campionato francese nella preparazione e composizione di sushi.

A trionfare fra i 12 finalisti al Japan Food Show di Porte de Versailles è stato il 36enne Emanuele Bombardier di Attimis, head sushi chef del ‘Le Royal Monceau’ di Paris, dove lavora da circa tre anni.

Nato a Udine, Emanuele si è diplomato all’Irfop di Lignano, lavorando diverse stagioni estive in alcuni ristoranti della cittadina balneare friulana. Dopo il diploma, la scelta di spostarsi a Porto Cervo dove un amico chef londinese gli propone di trasferirsi in Inghilterra. Proprio sul Tamigi scoccherà la scintilla per il sushi. E’ qui, infatti, che inizia a lavorare per una nota catena di ristoranti giapponesi, il Nobu, facendosi notare e venendo spedito come sushi chef in giro per il mondo.

Negli ultimi 10 anni Emanuele ha lavorato all’estero, tra Berkley, Città del Capo, Atene, Monaco e Parigi, esperienze che gli hanno consentito di perfezionare e migliorare la preparazione del piatto tipico della cucina giapponese a base di riso. Ad agosto Emanuele parteciperà ai Mondiali di sushi che si terrà a Tokyo.

AUTORE: Giancarlo Virgilio (Foto Sophie Gallé Soas)http://www.ilfriuli.it/articolo/gusto/un-friulano-vince-il-campionato-francese-di-sushi/10/196496