Pubblicato in: FVG, minoranza friulana

Poesie friulane/Timps di pâs/


Cujète

’O sint l’ònde lizére, tèpide, calme dal sang
scòri di vène in vène, bati a la puàrte dal cur.
A traviàrs des tindinis, fur dal balcòn, di lontàn,
te gnòt clare di lune, slûs cuàlchi stòèle cujète.
Mi fevèlin intòr lis vôs dai miéi dîs piardûds,
ma pur dólçis, ma çharis, ma sènze òmbre di rimuàrs.

Ercole Carletti – Poesie friulane (1920) https://it.wikisource.org/wiki/Poesie_friulane/Timps_di_p%C3%A2s/Cuj%C3%A8te

mia traduzione letterale

Pace

Sento l’onda leggera,tiepida,calma nel sangue/scorrere di vena in vena,battere la porta del cuore./Attraverso le tendine,fuori dalla finestra,da lontano,/nella notte al chiar di luna/brilla qualche stella quieta./Sento intorno le voci dei miei giorni perduti,ma pur dolci,ma cari,ma senza ombra di rimorsi.

CARLETTI / CARLET Ercole
(Ginorio) funzionario pubblico, letterato, scrittore, poeta (Udine 6.11.1877 – ivi 22.5.1946). Laureato in scienze economiche, fu alle dipendenze del comune di Udine. Le sue prime prove poetiche risalgono al 1911. Fu anche drammaturgo innovatore (Mariute e Il zoc). Firmò con G. B. Corgnali e G. A.Pirona, Il nuovo Pirona. Vocabolario friulano(Udine 1935). Fu presidente della Società filologica friulana nel 1924.
http://www.friul.net/dizionario_biografico/index.php?id=752&x=1

Pubblicato in: letteratura italiana

Poesia di Vida Taufer

POMLAD

Vida Taufer

Brez snega bregovi, zvončki sredi trat;

k nam v obleki novi spet vesla pomlad .

Čutimo jo v cvetju, ki se tod blešči;

v novem ptičjem petju, ki se spet glasi.

Veter se zaganja v drevje, ki brsti;

zeleni kotanja, potok žubori.

Vsi na plan hitimo, glejmo krasen svet;

vsi se veselimo, proč sta sneg in led.

Non sono poetessa quindi ho tradotto alla lettera

PRIMAVERA

Colline senza neve, bucaneve in mezzo al prato,/primavera ritorna in veste nuova./La sentiamo nei fiori che qui scintillano/nei nuovi canti d’ uccelli che si fanno udire./Il vento s’infila tra gli alberi che germogliano/verdeggia il fosso ,mormora il ruscello./Tutti ci affrettiamo in radura,guardiamo il mondo meraviglioso;/tutti ci rallegriamo,via neve e ghiaccio.

Vida Taufer
poetessa slovena (1903-1966). Legata all’inizio alla tradizione poetica della “Moderna”, arricchì più tardi la sua produzione poetica con elementi espressionistici, subendo l’influsso soprattutto del poeta sloveno A. Gradnik. Ciò è evidente nella prima raccolta poetica Rami al vento (1939), dove al motivo erotico si unisce quello del sentimento religioso. http://www.sapere.it/enciclopedia/Taufer%2C+Vida.html