Pubblicato in: FVG, letteratura italiana

Femine-Donna di Meni Zannier

Femine
(4 di mai dal 2007)
di Domenico Zannier



Qualche l’àjar di vierte
ti fevele soflant,
al è il respîr de femine
che ti cjarece el cûr
Quanche il sorêli al lûš
e al scjalde d’astât,
al è il vôli de femine
ch’al art di amôr.

E, co l’atom si disfe
in fumates ch’e plàtin il mônt,
al è il misteri de femine,
che tu viodis e no tu viodis
par cjatâle e pièrdile
e tornâle a cjatâ
in tun nît di vite,
in tun cjalis di rose.
E non sa mai di Unviêr.

Donna

Quando l’aria di primavera
ti parla soffiando,
è il respiro della donna
che ti accarezza il cuore.
Quando il sole splende
e scalda d’estate
è l’occhio della donna
che arde d’amore
E quando l’autunno si scioglie
in nebbie che nascondono il mondo
è il mistero della donna
che vedi e non vedi
per trovarla e perderla
e ritornare a trovare
in un nido di vita,
in un calice di rosa.
E non sa mai d’inverno.

http://www.pensieribyscilipoti.it/poesie%20amiche/pamindexzannier.htm