Pubblicato in: friuli, notizie, reblog

Birra Castello lancia la filiera friulana

Di Phyrexian – Opera propria, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5397302

Siglato, alla presenza del governatore Fedriga e dell’assessore Zannier, un accordo per la produzione di 70mila quintali di orzo distico

Birra Castello e Asprom, la rete che ha l’obiettivo di valorizzare i cereali da malto e il luppolo in Friuli Venezia Giulia, hanno siglato oggi, alla presenza del governatore Massimiliano Fedriga, dell’assessore regionale alle Risorse agricole, Stefano Zannier, e del consigliere regionale Mauro Bordin, un accordo per la produzione e la fornitura di una quantità fino a un massimo di 70mila quintali di orzo distico friulano destinato alla produzione della birra negli stabilimenti di San Giorgio di Nogaro e Pedavena (Belluno).

“È un’opera imprenditoriale che garantisce un importante valore aggiunto in termini di economia di scala ma anche di bontà e salubrità”, ha commentato Fedriga, evidenziando che il prodotto made in Italy è una garanzia di qualità molto apprezzata nel mondo. “Questo accordo – ha aggiunto il governatore – è fonte di impulso per il comparto agricolo regionale che, alla pari della società Castello, dimostra lungimiranza e visione d’insieme, caratteristiche fondamentali da possedere quando si vuole vincere le sfide del mercato”.

“In questo modo – ha affermato Zannier – diamo prospettive diverse al comparto agricolo del nostro territorio, tanto che potremmo considerarlo un vero e proprio modello di ispirazione per molti altri progetti così sistemici capaci di esaltare le filiere collegate ad ogni livello, dalla coltivazione alla produzione e alla distribuzione. Così – ha concluso l’assessore – si fa il bene di tutti”.

Il contratto sottoscritto dal presidente della Rete Asprom, Alido Gigante, e dal direttore generale di Birra Castello, Walter Lombardi, prevede che buona parte dei seminativi del Medio e Basso Friuli, ora utilizzati per produzioni zootecniche, vengano dedicati alla coltivazione dell’orzo distico da birra, coinvolgendo in questa operazione 135 aziende regionali e creando un connubio, come ha sottolineato Bordin, motivo di orgoglio in quanto fondato su filiera di produzione locale e birrificio italiano in un’ottica di identità di prodotto.

http://www.ilfriuli.it/articolo/gusto/birra-castello-lancia-la-filiera-friulana/10/200470

Pubblicato in: cultura, letteratura, libri, reblog

55 libri da leggere nell’estate 2019

Per i mesi estivi ecco una selezione di libri dominata dalla varietà: dalla narrativa ai saggi, dalle graphic novel ai racconti per raccontare storie e fenomeni da ogni parte del mondo

Torna la bella stagione e con essa la voglia di stare all’aperto, viaggiare, andare in vacanza. E queste cose, nella gestione ormai forsennata del nostro tempo, significa anche qualcos’altro: trovare cioè il tempo di leggere. Ecco quindi che come da tradizione Wired ha messo insieme cinquanta consigli letterari utili per riempire il tempo libero durante l’estate. Come sempre la parola d’ordine è la varietà

https://www.wired.it/play/libri/2019/06/17/libri-leggere-estate-2019/?utm_source=wired&utm_medium=NL&utm_campaign=default

Pubblicato in: friuli

La bussola del direttore🧭

La bussola del direttore

Buon lunedì mi verrebbe da dire. Se non fosse per le scadenze di Imu, Irpef, Iva, Tasi e chi più ne ha, più ne metta. La Cgia di Mestre l’ha definito un lunedì da bollino nero. Qui vi spieghiamo il perché. 

Rallegriamoci con i nostri alpini. Le penne nere sono tornate a casa e hanno sfilato a Tolmezzo. Qui trovate le foto e i video dell’Adunata. 

Nemmeno le scosse di terremoto hanno funestato la festa di Tolmezzo.Abbiamo raccolto in questo articolo le ultime sui movimenti tellurici.

Svolta nell’Anm. Cosa c’entriamo noi, vi domanderete. E invece vi annunzio che il nuovo presidente è friulano, nato a San Vito al Tagliamento. Eccolo. 

Image

Siete pronti per le ferie? Fate attenzione, le truffe online sono dietro l’angolo. Il nostro Christian Seu ha stilato qui una lista di cose a cui prestare attenzione prima di prenotare la vostra casa vacanza. 

E se viaggiare in auto vi fa paura per l’incubo imbottigliamento, ci sono buone notizie sul versante A4. Leggete qui.

Pubblicato in: articolo, reblog

Imputati, indagati e scandali di “Lega ladrona”

Il partito nemico delle vecchie caste radical chic dovrebbe liberarsi di alcuni nomi. Partiamo dall’ultimo noto alle cronache: Paolo Arata, ex consulente per l’Energia arrestato per intestazione fittizia, con l’aggravante di mafia, corruzione e autoriciclaggio

L’ex consulente per l’Energia del ministro Matteo SalviniPaolo Arata, è stato arrestato con l’accusa di “intestazione fittizia, con l’aggravante di mafia, corruzione e autoriciclaggio”. L’indagine rivela che Arata è socio occulto del re dell’eolico Vito Nicastri, considerato tra i finanziatori della latitanza del boss Matteo Messina Denaro. Ci sarebbe stato un giro di tangenti alla regione Sicilia per favorire l’imprenditore nell’ottenimento di autorizzazioni per i suoi affari nell’eolico e nel bio-metano…https://www.wired.it/attualita/politica/2019/06/12/imputati-indagati-e-scandali-di-lega-ladrona/