Pubblicato in: cultura, eventi, friuli, luoghi

Goditi la fresca estate di Lusevera tra Museo, grotte, concerti

Questo week end goditi la fresca estate di Lusevera | Bardo, a due passi da Udine! Scopri la cultura e le tradizioni dell’antica valle del Torre visitando il Museo Etnografico di Lusevera, aperto dal giovedì alla domenica, con orario 11:00 – 17:00.

Ma sono tante le attività in Alta Val Torre: puoi visitare le grotte di Villanova /Zavarh, vicine al Museo, rinfrescarti in una della piscine naturali del torrente Vedronza /Bedroža, in località Vedronza / Njivica, assaggiare le specialità locali in uno dei ristoranti della valle.

Inoltre potrai assistere ad uno degli eventi culturali organizzati presso la chiesa di San Giorgio di Lusevera, in occasione dei festeggiamenti per la Madonna della Salute | Sveta Marija zdravja: il 5 luglio alle 20:30 Complesso d’archi del Friuli e del Veneto, il 6 luglio alle 20:30 musica e poesia dal Sud America, il 7 luglio un’intera giornata di festa all’insegna della tradizione.

E POI DA CIVIDALE! Ogni sabato dei mesi di luglio e agosto 2019 sarà in funzione il bus turistico “BENEČIJA gor in dol”, che collegherà le valli del Natisone e del Torre con l’alta valle dell’Isonzo.

Biglietto per il bus con partenza da Cividale e rientro a Cividale € 35,00 comprensivo di benvenuto, guida, pranzo e laboratori. Ingresso ai musei in offerta.

Il bus trasporta fino a 16 persone. E’ consigliata la prenotazione entro il venerdì alle ore 12.00 al tel. +39 339 5038037.

Clicca qui e Scopri il programma del week end a Lusevera. Goditi la fresca estate di LUSEVERA!

http://www.museoluseverabardo.it/grotte-villanova-bus-turistico-gor-in-dol-lusevera/?fbclid=IwAR30hMLcboNb9NUtYqMXFaaLPxM6ozCv27Gf0IWyASE_MGaJecdK2UH-7Fg

Pubblicato in: friuli

Ieri suFb

Sapete cosa mi è successo ieri su fb?Avendo scritto che IoStoConCarola sono stata presa di mira da persone della mia cerchia di amicizie:mi hanno dato della pidieddina, della zecca rossa,che ho la segatura in testa,di prendere i migranti in casa mia,che l’Italia è a “remengo” per colpa loro e così via.Ho dovuto bloccare due persone perchè continuavano ad offendermi.D’ora in poi farò un po’ di pulizia fra le amicizie di fb.

Io ritengo che tutti hanno il diritto di spostarsi nel mondo per cercare luoghi più sicuri come hanno fatto un tempo gli italiani che emigravano

olgited

http://www.laterra.org/index.php?option=com_content&view=article&id=2604:la-valigia-di-cartone-oggi&catid=119&Itemid=385

Pubblicato in: articolo, friuli, reblog

L’insensatezza di alzare muri tra i popoli

CLAUDIO MAGRIS

C’è chi ha nostalgia della Cortina di Ferro e magari pure del Muro di Berlino; chi ha concretamente vissuto all’ombra di quei muri ne ha un po’ meno e considera ad esempio una carnevalesca e cupa regressione ai fantasmi del passato l’idea di sbarrare di nuovo la frontiera, a Trieste, tra Italia e Slovenia. Quando ero un ragazzino la frontiera, vicinissima, non era una frontiera qualsiasi, bensì una frontiera che divideva in due il mondo — la Cortina di Ferro. Io vedevo quella frontiera sul Carso, quando andavo a passeggiare e a giocare. Dietro quella frontiera c’era un mondo sconosciuto, immenso, minaccioso; il mondo dell’Est sotto il dominio di Stalin, un mondo in cui non si poteva andare, perché la frontiera, in quegli anni, era invalicabile, almeno fino al 1948, sino alla rottura tra Tito e Stalin e sino alla successiva normalizzazione dei rapporti tra Italia e Jugoslavia. Era l’Est – l’Est così spesso ignorato, rifiutato, temuto, disprezzato.

A parte le considerazioni generali d’ordine anzitutto umano e certo anche politico nei confronti del grande problema dei migranti, si tratta di una tessera assurda, un cerotto che non fermerebbe nulla e solo irriterebbe la pelle di chi se lo trovasse appiccicato addosso. La realtà, la nostra vita quotidiana a Trieste è una realtà transfrontaliera, un’esistenza che pressoché ignora quel confine di Stato e lo valica di continuo come si valica il limite di un rione per andare a fare acquisti, a tuffarsi in mare in un’altra spiaggia, andare a cena, passeggiare in un bosco o in un altro adiacente. Tutto ciò non cancella la dolorosa, colpevole e intricata Storia che ha creato quel confine — la violenza nazionalista, fascista e non solo fascista, italiana nei confronti degli slavi, la vendetta di questi ultimi indiscriminata e ingiusta come è spesso la vendetta, gli esodi come quello istriano, il confine invisibile fra italiani e sloveni nella stessa città. Tutto ciò soffocava la vita di Trieste, spingeva molte delle sue forze migliori ad abbandonare la città. Una delle mie fortune è stata quella di essere — in quegli anni ciechi, come li definisce Quarantotti Gambini — ancora un ragazzo che l’età proteggeva dal senso pesante di chiusura e di un grigio futuro.

Ogni Paese ha il suo Est da respingere. Ma quel mondo dietro la frontiera era anche un mondo che conoscevo bene, perché si trattava di terre che avevano fatto parte dell’Italia e che la Jugoslavia aveva occupato alla fine della Seconda guerra mondiale; terre in cui ero stato da bambino, quindi un mondo familiare, noto. In qualche modo sentivo che dietro la frontiera c’era un qualche cosa di noto e di ignoto e credo che la vita sia sempre, consapevolmente o no un viaggio dal noto all’ignoto e viceversa, partenze e ritorni a luoghi materiali e del cuore ogni volta nuovi. Quella chiusura divideva allora anche italiani da italiani e sloveni da sloveni; amputava l’esistenza come una cicatrice sempre fresca. Ora sembra che una parte del Governo italiano voglia rialzare le sbarre e ledere la nostra esistenza, l’esistenza di noi che viviamo a Trieste. È una piccola tessera del grande, sdrucito e sporco mosaico della politica nei confronti del problema dei migranti.

Da tanti decenni la situazione è migliorata; l’atmosfera è divenuta più aperta e più libera e non solo nei rapporti tra italiani e sloveni, oggi tanto più vivi e sereni, ma in generale nell’esistenza della città, nella qualità della sua vita. Rialzare sbarre significherebbe ottundere questa vitalità, questo piacere di vivere e non si vedono orde immani in arrivo tali da giustificare la trasformazione di una città in una caserma, in cui giustamente è vietato l’ingresso a chi non è un soldato. La città, oggi, non è una città invasa; il riciclaggio del denaro sporco, di cui mi diceva un funzionario della Questura, che vede nascere e sparire di continuo ristoranti e ritrovi, è più pericoloso dei neri che cercano di vendere occhiali o, nei giorni di pioggia, ombrelli. Non è solo in nome dell’accoglienza e della fraternità umana che è insensato rialzare quelle sbarre; in questo caso le sbarre rialzate colpirebbero non solo i disperati in cammino, ma anche la stessa qualità di vita.

in “Corriere della Sera” del 1 luglio 2019

https://francescomacri.wordpress.com/2019/07/01/linsensatezza-di-alzare-muri-tra-i-popoli/

Pubblicato in: friuli, reblog, saluti

🌸Buongiorno🌸

https://poetyca.wordpress.com/2019/06/30/%f0%9f%8c%b8buongiorno%f0%9f%8c%b8-3/

Pubblicato in: fotografie, friuli

Cividale/Čedad/Cividât

dal ponte del Diavolo
A Cividale ci si bagna nel Natisone
foto di Elvia F.

Cividale del Friuli– Cividât , Čedad in sloveno, è un comune italiano di 11157 abitanti in Friuli-Venezia Giulia.