Pubblicato in: friuli, minoranza slovena, novi matajur

Causa assenze salta il “tavolo” voluto da Roberti — NoviMatajur

https://wordpress.com/read/blogs/113812700/posts/11485

Pubblicato in: frasi

Frase di Kofie Annan

“I veri confini di oggi non sono tra nazioni, ma tra potenti e impotenti, liberi e incatenati, privilegiati e umiliati.
Oggi, nessun muro può separare crisi umanitarie o di diritti umani in una parte del mondo
da crisi della sicurezza nazionale in un altro.”

Kofi Annan

Pubblicato in: friuli, luoghi, novi matajur

Un’estate di giochi e laboratori per gli alunni della bilingue Paolo Petricig

https://wordpress.com/read/blogs/113812700/posts/11497

Pubblicato in: cultura, letteratura, pinterest, poesie, slovenija

Aleš Šteger

Aleš Šteger è un poeta, scrittore, redattore e critico letterario sloveno. Aleš appartiene a una generazione di scrittori che ha iniziato a pubblicare subito dopo la caduta della Jugoslavia.

pinterest

VRT, POLN ROŽ

Da smo ljudje ocean, je rekla
In zanesla še eno žličko kaviarja 
V svoja nepremična finska usta. 
Da je ljubosumje utvara posesti 
In da nič takega več ne čuti,
Ne ob svojem možu
Ne ob katerem od svojih ljubimcev, 
Nič, nič, čisto nič,
Razen mogoče hladne topline belih noči, 
Ko jo držijo v potnem objemu, 
Razen mogoče nespoštovanja,
Ko telo moževe ljubice ni lepše kot njeno. 
Da je ljubezen zavest, da ne poseduje, 
Je rekla in zanesla košček lososa 
V svoja mala finska usta,
Da nič, nič, nič ne ostane v lasti,
Je rekla poželjivo z vsem ubitim v sebi, 
Da ni, da ne bo nikdar razumela, 
Kako si nekdo odprtih oči
Želi le eno vrtnico v vrtu, polnem rož.


GIARDINO PIENO DI FIORI

Disse che – noi, gente – siamo un oceano
E si portò un altro cucchiaino di caviale 
Nella sua immobile bocca finlandese.
Che la gelosia è un’illusione di possesso
E che ormai non sente più niente di simile,
Neanche con suo marito
E nemmeno con qualche suo amante,
Niente, niente, proprio niente,
Tranne forse il freddo calore delle notti bianche,
Mentre la stringono tra le braccia sudate,
Eccetto forse la mancanza di stima, in quanto
Il corpo dell’amante del marito è meno bello del suo.
Che l’amore è la consapevolezza di non possedere,
Disse, e si portò un pezzetto di salmone
Nella sua piccola bocca finlandese,
Che niente, niente, niente resta in possesso,
Disse con voluttà ma con la morte nel cuore,
E che non ha mai capito né mai capirà
Come qualcuno ad occhi aperti desideri 
Una sola rosa in un giardino pieno di fiori.

traduzione di Jolka Milič

http://www.filidaquilone.it/num026milic.html

Pubblicato in: cultura, friuli, letteratura, libri, luoghi, novi matajur

Mittelibro

tutti gli eventi su fb

Sarà Aleš Šteger (nella foto), poeta e scrittore nato a Ptuj, l’ospite sloveno della quinta edizione di Mittelibro, rassegna letteraria organizzata da La Libreria di Pietro Boer e dal circolo di cultura sloveno Ivan Trinko come anteprima letteraria del festival Mittelfest. Mittelibro quest’anno si tiene da venerdì 5 a domenica 7 luglio a Cividale, proponendo cinque incontri con autori. Il primo, venerdì 5 alle 20.30 nella chiesa di S. Maria dei Battuti, sarà proprio Šteger che, dialogando con Elisa Copetti, proporrà la riedizione, da poco stampata da Bottega errante con il titolo ‘Le finestre di Berlino’, di una delle sue opere più fortunate, ‘Berlin’. La Berlino raccontata da Šteger in una serie di brevi e audaci prose è una città-fessura in cui ci si smarrisce, una metropoli piena di buchi neri che inghiottono il passante per poi risputarlo fuori come dall’altra parte di uno specchio magico. Attraversando generi diversi – racconto di viaggio, taccuino filosofico, saggio – l’autore scrive in una sorta di simbiosi poetica con le strade, i monumenti, i cimiteri e persino con le fenditure dell’asfalto della città.Sabato 6 e domenica 7 gli altri appuntamenti di Mittelibro. Sabato alle 10.30 la colazione letteraria nei giardini pubblici vedrà protagonista Tullio Avoledo con il romanzo ‘Furland’. Alle 18.30 nella chiesa di S. Maria dei Battuti lo storico Francesco Filippi presenterà il suo saggio ‘Mussolini ha fatto anche cose buone’. Domenica alle 10.30, ancora nei giardini pubblici, colazione con la scrittrice romana Mariafrancesca Venturo e il suo romanzo ‘Sperando che il mondo mi chiami’. Infine alle 18.30, nella chiesa di S. Maria dei Battuti, la chiusura con don Pierluigi Di Piazza e il suo libro ‘Non girarti dall’altra parte.’

http://novimatajur.it/cultura/ritorna-il-mittelibro-lanteprima-letteraria-del-mittelfest-promossa-dal-circolo-di-cultura-ivan-trinko-e-da-la-libreria.html

https://www.facebook.com/pg/Mittelfest/events/?ref=page_internal