Archivi giornalieri: 12 Ott 2019

Barcolana, l’assalto per iscriversi alla regata: adesioni oltre quota duemila

immagine da wikipedia

Barcolana, l’assalto per iscriversi alla regata: adesioni oltre quota duemila

La festa è esplosa sulle Rive, dove stand, il serpentone di visitatori e le barche ormeggiate son diventate quasi un unico spettacolare magma con la Vespucci sullo sfondo. File per iscriversi alla Svbg, gruppi di amici che vengono da lontano che si sono macinati centinaia di chilometri pur di esserci. Già 1.850 adesioni nella serata di venerdì, ma nel corso della giornata di oggi, sabato 12 ottobre, è stata superata la quota delle duemila barche iscritte. Per domenica, però, c’è rischio bonaccia. QUI LO SPECIALE WEB

L’ARTICOLO

Emergenza clima: “Non trasformiamo una questione seria in una disputa ideologica”

Il climatologo Marco Virgilio non ci sta e prende le distanze dagli scienziati e dai tecnici, friulani e non, che hanno sottoscritto il documento ‘Non c’è una emergenza climatica’
Emergenza clima:  Non trasformiamo una questione seria in una disputa ideologica

04 ottobre 2019

Il climatologo Marco Virgilio non ci sta e prende le distanze dagli scienziati e dai tecnici, friulani e non, che hanno sottoscritto il documento ‘Non c’è una emergenza climatica’.
“Rimbalza sui media da alcuni giorni la notizia di un documento redatto da 500 scienziati di varie discipline, inviato alle Nazioni Unite, che negano l’influenza umana sul cambiamento climatico – spiega Virgilio in un lungo post -. Contesto subito i titoloni che oppongono 500 scienziati a Greta. Dato che Greta si rifà totalmente, e lo dice spesso, agli oltre 2500 scienziati che hanno pubblicato decine di migliaia di report nell’ambito dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), ci troveremmo in realtà di fronte ad un gruppo di scienziati che contesta un altro gruppo, molto più grande e dedicato al problema specifico, di scienziati. Greta non c’entra nulla, dati e considerazioni che riporta nei suoi interventi non sono farina del suo sacco, e non potrebbe essere diversamente vista l’età! Quindi il plotone dei 500 caso mai contesta le ricerche IPCC”.

“Chi sono questi 500? E che studi alternativi oppongono ai report IPCC – chiede Virgilio -? In realtà abbiamo a che fare con una lista variegata, che mette insieme personalità del mondo scientifico che poco hanno a che fare con la letteratura sviluppata in questi decenni a livello internazionale nel campo delle evidenze di cambiamento climatico. Che mai potrà dire un oncologo sul riscaldamento di origine antropica? Tanti geologi, un po’ di ingegneri, poi altre discipline varie. Magari studiosi stimabili nei loro ambiti di ricerca o professionali. Molti non sempre aggiornati sulla mole enorme di studi recenti e sullo sviluppo dei modelli climatici. Inoltre, i 500, che studi hanno effettuato sul cambiamento climatico? Perché non si sono confrontati in questi decenni con quanto pubblicato da IPCC? E comunque, dove li hanno pubblicati?”.

“Può bastare un richiamo a concetti già da tempo superati, a considerazioni ‘vecchie’ di vent’anni per contestare evidenze con basi solide? Quindi che facciamo? Opponiamo opinioni e convinzioni personali, pur trasmesse da persone che operano nel mondo scientifico, a studi continuamente aggiornati che vedono la quasi totalità della comunità scientifica, che si occupa a tempo pieno di queste tematiche, convergere sugli stessi risultati? Davvero, è una preghiera! Non trasformiamo una questione seria in una disputa ideologica – chiede Virgilio -. Di più! Sinceramente non credo ci sia alcuna necessità di sollevare veli complottistici. Lasciamo in pace Greta, prendiamo atto di un movimento giovanile importante che è nato attorno alle sue azioni per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’impatto forte che l’umanità ha oggi sul pianeta Terra, in particolare l’emissione di gas serra ma non solo”.

“Cerchiamo invece di conoscere meglio i contenuti e gli studi prodotti da una fonte seria e qualificata come IPCC per capirne di più. Il pianeta è l’astronave di tutti noi e se ci sono segnali – conclude il climatologo -, e ci sono chiari e forti, che il nostro modo di vivere è ormai in grado di compromettere il sistema cerchiamo di lavorare uniti invece che creare inutili quanto ingiustificate fazioni da stadio”.
https://www.ilfriuli.it/articolo/green/emergenza-clima-non-trasformiamo-una-questione-seria-in-una-disputa-ideologica/54/207275

Dalla Slovenia oltre 7,6 milioni di euro per gli sloveni d’oltreconfine e nel mondo

L’Ufficio governativo per gli sloveni d’oltreconfine e nel mondo ha pubblicato il bando di finanziamento delle attività delle organizzazioni, enti o soggetti di vario tipo sloveni che operano al di fuori dei confini dello stato. Per gli sloveni che abitano nei paesi contermini ci sono a disposizione 6,7 milioni di euro, per quelli nelle altre parti del mondo 920.000 euro.
Nella proposta della manovra finanziaria per il 2020 ed il 2021 all’Ufficio governativo che si occupa degli sloveni d’oltreconfine e nel mondo dovrebbero essere destinati rispettivamente 9,5 milioni di euro (rispetto agli 8,63 di quest’anno). http://novimatajur.it/attualita/dalla-slovenia-oltre-76-milioni-di-euro-per-gli-sloveni-doltreconfine-e-nel-mondo.html

Servizio civile presso la Pro loco NediÅ¡ke doline, bando prorogato al 17 ottobre

C’è tempo fino alle ore 14 di giovedì 17 ottobre per presentare la propria domanda di partecipazione al Bando per i volontari del Servizio Civile Universale per l’anno 2020/2021, pubblicato dal Comitato regionale Fvg dell’Unpli.
Due posti sono stati assegnati alla Pro Loco Nediške Doline – Valli del Natisone di S. Pietro, che intende portare avanti con il contributo dei volontari due progetti: “Conoscenza, esperienza, crescita: intrecci di artigianato ed arte del Fvg” e “Cultura esperienziale: viaggio tra ambiti storici, artistici del Friuli Venezia Giulia”.
Il bando è destinato ai giovani dai 18 ai 28 anni, diplomati e/o laureati, con conoscenze minime di una o più lingue straniere e uso PC, che decidono di dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico inteso come impegno per il bene di tutti e di ciascuno e quindi come valore della ricerca di pace. L’impegno dura 12 mesi per un totale di 1.145 ore, distribuite su 6 giorni lavorativi con una frequenza di circa 25 ore settimanali, festività incluse. Ai volontari spetta un compenso totale di 439.50 euro netti mensili.
La domanda da quest’anno si può presentare esclusivamente attraverso il sito dedicato: domandaonline.serviziocivile.it. Viene richiesto lo SPID (identità digitale) per iscriversi.
La Pro Loco Nediške Doline – Valli del Natisone è a disposizione dei candidati per aiutarli nella presentazione della domanda fornendo, se necessario, anche la postazione computer, la connessione per inoltrare la domanda nonché supporto nella creazione dell’identità digitale SPID.
Per maggiori informazioni sul bando per i volontari del Servizio Civile Universale consultare i siti web: http://www.prolocoregionefvg.org o http://www.serviziocivile.gov.it. http://novimatajur.it/attualita/servizio-civile-presso-la-pro-loco-nediske-doline-bando-prorogato-al-17-ottobre.html

Trieste,Palazzo Berlan riaperto al pubblico

Generali ha riaperto al pubblico oggi, venerdì 11 ottobre, Palazzo Berlam. Il “grattacielo rosso” è stato completamente rinnovato grazie al progetto dell’architetto e designer Mario Bellini. Ospiterà la Generali Group Academy, il nuovo centro di formazione globale del Gruppo. Oltre alle attività di formazione, ospiterà l’archivio storico delle Generali, un Auditorium e uno spazio per eventi. «La trasformazione e il recupero di Palazzo Berlam – ha detto il presidente di generali Gabriele Galateri di Genola – è un caso significativo di intervento su un edificio icona della città, amato e riconosciuto dai cittadini. Consolidando dunque un legame profondo con la propria storia». Video di Andrea Lasorte