Archivi giornalieri: 20 Ott 2019

La bussola del direttore

La Regione non ha colpe, non pagherà. I truffati dal crac Coopca ieri si sono viste rigettate le loro richieste. Qui potete leggere come è andata

Gli autovelox servono a fare prevenzione, dicono. Ma se un piccolo Comune incassa un milione e 700 mila euro in multe per eccesso di velocità non vorrete mica sostenere che non si è costruita una greppia a sfavore degli automobilisti? Leggete questa storia sullo stradone per Lignano

E’ vero, di automobilisti indisciplinati ce ne sono molti. Qui potete leggere del tizio che s’è vista levare la patente perché recidivo alla guida col telefonino all’orecchio

Trieste, lo show del cormorano a pesca davanti a piazza Unità

Agile e veloce, vorace, aggressivo e per nulla spaventato da decine e decine di occhi umani che lo osservavano incuriositi a un paio di metri di distanza: ecco le evoluzioni – in superficie e sott’acqua – del cormorano che sabato mattina, 19 ottobre, si è lungamente dedicato alla pesca nei pressi del molo davanti a piazza Unità, a Trieste. Sugli “spalti” (la banchina…) sorpresi passanti hanno commentato per svariati minuti l’abilità dell’uccello marino che, a giudicare dall’insistenza dell’azione, deve essersi davvero procurato un pranzo di tutto rispetto.

Orso Valbruno

immagine da fb

Orso Valbruno, il cacciatore di marmotte 

Presente nella Val Canale dal 2003, è un esemplare di Orso bruno di 16 anni e di oltre 200 kg di peso .

E’ stato soprannominato Valbruno ed è stato immortalato da una fototrappola notturna dal vicesindaco di Malborghetto-Valbruna.

TORRE -TER

foto di Guido Marchiol

Nasci dalla catena dei Musi

vicino al confine dove dimorano

i nostri fratelli sloveni.

Scendi con acqua pura e cristallina

attraversando territori montuosi,

scavi, rimbalzi e giochi

fra i bianchi sassi della Val Torre.

Arrivi in pianura ed accogli le acque

del Cornappo. del Malina e Natisone

per sfociare nell’Isonzo.

Oh Torre, testimone della nascita

dei miei avi che ti hanno amato.

Il rumore delle tue acque mi rammenta

la lingua maltrattata nei secoli,

le tue genti che han dovuto lasciarti

per andar pel mondo a cercar pane.

  `*.¸.*´✿¸.•*¨`*•..¸♥ •.¸ ¸.•”´

A Forni di Sopra restaurato l’organo della Chiesa parrocchiale

Forni di Sopra restaurato l’#organo della Chiesa parrocchiale

Domenica 13 ottobre la comunità si è riunita per festeggiare la fine dell’accurato restauro dell’organo della Chiesa di S.Maria Assunta. Dopo tre anni di lavoro la ditta Zanin di Codroipo, la stessa che nel lontano 1895 lo costruì, ha riportato il “re degli strumenti” alle condizioni originali dopo un attento intervento di recupero.

L’organo della parrocchiale, decisamente all’avanguardia ai tempi della sua realizzazione per le caratteristiche tecniche e di resa sonora, è quindi tornato a suonare con maestosità durante la celebrazione della santa messa accompagnando le voci del coro Schola Cantorum e, la sera, in occasione del concerto di inaugurazione tenuto da Simone Cecchini.

Una vera coincidenza quella del 13 ottobre poiché anche nel lontano 1895 si volle inaugurare l’organo in occasione dell’ingresso del parroco don Fortunato De Santa.
Il delicato intervento di manutenzione si è reso necessario a causa del cattivo stato di salute dello strumento, nonostante già nel 1985 si fosse provveduto ad una revisione e pulizia dello stesso.

L’attuale importante recupero si è reso possibile grazie al sostegno della Fondazione Friuli e dei numerosissimi contributi di privati, residenti e non, ed associazioni locali che hanno riconosciuto l’importanza di questo strumento per la comunità fornese.

Durante il concerto inaugurale, l’organista Simone Cecchini, allievo del Conservatorio di Udine e Direttore del Coro Schola Cantorum di Forni di Sopra, ha suonato musiche di Bach, Mendelssohn, Franck, Bossi, Ravanello, Perosi, Respighi, Franz e Cosetti

fonte https://www.facebook.com/RadioSpazio103/

Il fascino della filatura della seta, un’eccellenza di Tarcento

TEMI:Associazione Instella TarcentoCascamificio Di BulfonsGianni MoroWalter Tomada

Gli eventi di domenica.

Apre al pubblico la storica sede dell’azienda Cascami 1892, l’ultima filatura italiana della seta ancora oggi aperta. Situata nella frazione di Bulfons, oggi è di proprietà della Giuseppe Botto e figli s.p.a., che produce cashmere-seta e cashmere di altissima qualità. Questa sarà quindi possibile visitarla, in gruppi di 20 persone.

A guidare i curiosi sarà l’ex dipendente Gianni Moro, memoria storica dello stabilimento. Sarà possibile partecipare al tour guidato su tre turni: alle 10.15, 11 e 11.45. Si consiglia la prenotazione, contattando l’associazione Instella di Tarcento, che organizza l’evento.  Nel pomeriggio, inoltre, si svolgerà la conferenza su “L’ingegno di Arturo Malignani nel tarcentino”. Dialogheranno Federico Malignani, discendente del celebre inventore udinese, e il giornalista Walter Tomada. Appuntamento alle 18.30 in Villa De Rubeis-Florit. https://www.altofriulioggi.it/