Archivi giornalieri: 21 Gen 2020

Per non dimenticare

Elio Morpurgo (Udine10 ottobre 1858 – 29 marzo 1944[1]) è stato un politico italiano di origine ebraica, vittima dell’Olocausto.

Di Domenico Failutti (1872-1923) – Portrait ancien, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=16747939

Figlio di Abramo e di Caterina Luzzatto, era di famiglia ebraica.

Fu sindaco di Udine tra il 1889 ed il 1894; poco dopo fu eletto deputato, e lo sarebbe stato in tutto per 6 legislature tra il 1895 ed il 1919.

Fu Sottosegretario di Stato al Ministero delle poste e telegrafi nel 1906 e nel 1910, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’industria, commercio e lavoro nel 19161917 e nel 1917-1919[2].

Nel 1920 fu nominato senatore del Regno d’Italia.

Nonostante l’età avanzata e lo status di “ebreo discriminato” (ottenuto per la sua adesione al fascismo), fu arrestato mentre si trovava all’ospedale di Udine. Condotto dapprima alla Risiera di San Sabba, fu poi caricato in un convoglio diretto al campo di concentramento di Auschwitz. Morì durante il viaggio in un giorno imprecisato (la data di morte è stata collocata nel giorno dell’arresto) e la salma non fu più ritrovata[3].da https://www.wikiwand.com/it/Elio_Morpurgo

https://www.wikiwand.com/it/Cecilia_Deganutti

Cecilia Deganutti (Udine26 ottobre 1914 – Trieste4 aprile 1945) è stata una partigiana italianamedaglia d’oro al valor militare alla memoria.

Biografia

Durante la seconda guerra mondiale diventa infermiera della Croce Rossa Italiana. Subito dopo l’armistizio si dedica all’assistenza dei militari italiani internati in Germania.

Rientrata in Italia prende parte alla Resistenza, militando nelle Brigate Osoppo-Friuli. Per mesi esegue rischiosi compiti informativi, soprattutto a Udine e nella Bassa Friulana. Viene catturata dai tedeschi ad Udine e trasferita a Trieste, e qui torturata delle SS.

Dal carcere, viene trasferita e rinchiusa nel campo di concentramento Risiera di San Sabba, dove, a poche settimane dalla Liberazione, fu uccisa e bruciata nel forno crematorio.

È medaglia d’oro al valor militare alla memoria; per il suo eroismo e per il suo altruismo, le è stata anche assegnata la medaglia d’oro della Croce Rossa.

https://www.wikiwand.com/it/Cecilia_Deganutti

Friuli Venezia Giulia, Cordovado uno dei Borghi più Belli d’Italia — Viaggiando con Bea

Cordovado La curiosità di scoprire un ennesimo borgo annoverato tra i “Borghi più belli d’Italia”, ha spinto le nostre quattro ruote a fare uno stop a Cordovado. Siamo giunti in loco con tanto entusiasmo ma, ahimè, le aspettative erano ben più alte e, quindi, ne siamo rimasti un po’ delusi. Dall’antica Pieve di Sant’Andrea, […]

Friuli Venezia Giulia, Cordovado uno dei Borghi più Belli d’Italia — Viaggiando con Bea

Progetti europei e buone prassi

Casa Raccaro a Biacis, un edificio pregevole architettonicamente e restaurato con un precedente progetto europeo, è rinata grazie ad una raccolta museale –  dedicata alle manifestazioni rituali e folcloriche del Comune di Pulfero (pust, koleda, devetica) ed agli utensili utilizzati un tempo da fabbri, falegnami ed altri artigiani – inaugurata sabato scorso insieme ad un info-point turistico.

Rakarjov1

Il progetto è aperto ad ulteriori ampliamenti ed approfondimenti ed il Museo di Casa Raccaro potrà crescere nel tempo se la comunità locale vorrà contribuire (con oggetti, utensili ed altro materiale conservato nelle famiglie) a non disperdere una ricca ed originale eredità culturale e a non spezzare il filo della tradizione, se vorrà trasmetterla alle nuove generazioni e farne allo stesso tempo un richiamo per studiosi e turisti. Intanto il primo importante passo è stato compiuto ed è un’importante realizzazione per tutte le Valli del Natisone.
Questo è il primo tassello del progetto europeo ZborZbirk – L’eredità culturale nelle collezioni fra Alpi e Carso, finanziato nell’ambito del Programma di cooperazione transfrontaliera Italia – Slovenia, di cui sono partner anche il Comune di Pulfero e l’Istituto per la cultura slovena – ISK che ha promosso e contribuito ad elaborare il progetto sul versante italiano, lo coordina ed ha curato anche la realizzazione del Museo di Casa Raccaro.
Altre collezioni museali ed etnografiche pubbliche (partner del progetto sono anche i comuni di Lusevera e Taipana) e private, da Prepotto a Ugovizza, verranno messe in rete tra di loro e con le collezioni presenti sul versante sloveno. Tutte saranno inoltre presentate in modo godibile (e con rigore scientifico) e visitabili anche in rete sul sito web . Già da adesso si può dire che tratta di un bell’esempio di buona cooperazione transfrontaliera e di buona prassi nella realizzazione dei progetti europei. Un altro attestato di qualità per l’Istituto per la cultura slovena che ha appena realizzato, sempre con fondi europei, il centro multimediale SMO.

archivio http://novimatajur.it/cultura/progetti-europei-e-buone-prassi.html

L'immagine può contenere: una o più persone, abitazione e spazio all'aperto
Biacis
L'immagine può contenere: 1 persona, spazio al chiuso
L'immagine può contenere: spazio al chiuso

foto di Marinka Šega

L’esercizio fisico aumenta la memoria come la caffeina — ORME SVELATE

Brevi periodi di esercizio aerobico possono migliorare la memoria di lavoro tanto quanto la caffeina. Inoltre, l’esercizio fisico può aiutare a contenere gli effetti negativi dell’astinenza da caffeina, come affaticamento, mal di testa e cattivo umore.

L’esercizio fisico aumenta la memoria come la caffeina — ORME SVELATE