Pubblicato in: minoranza slovena

I cartelli stradali mostrano che siamo vivi

Qualche giorno fa lungo la strada st. 54, che da Cividale porta a Stupizza/Štupca, sono stati installati indicatori di direzione bilingui, in italiano e sloveno. Finora il bilinguismo italiano-sloveno era presente solo sui cartelli toponomastici all’inizio e alla fine di località e territori comunali e sulle strade comunali e provinciali. A sette anni dal decreto del presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia di dicembre 2013, quoidi, anche Anas si è adeguata alle normative di tutela della minoranza slovena.

I toponimi riportati da Anas sui cartelli, però, non corrispondono a quelli sui cartelli installati in precedenza. Anas, infatti, ha scelto i toponimi in lingua standard, e non in dialetto sloveno locale e la questione non è banale. Oltre vent’anni fa, quando si è iniziato a installare cartelli bilingui a seguito dell’approvazione delle leggi di tutela, con una decisione congiunta da parte di Comuni interessati, provincia di Udine e organizzazione slovene è stato scelto di riportare sui cartelli i toponimi in dialetto sloveno.

Balza all’occhio, inoltre, che come versione slovena di «Udine» sia riportato «Videm», invece del toponimo corretto «Viden». Nelle zone di Trieste, Gorizia e in Slovenia questo errore è onnipresente da tempo. Ma già nel 1999, nel manuale Slovenska krajevna imena v Italiji, l’esperto di toponomastica slovena in Italia Pavle Merkù spiegava che la versione corretta di «Udine» in sloveno è «Viden».

La toponomastica bilingue, trilingue o quadrilingue (a seconda del comune considerato) non è ancora stata installata a Drenchia, Torreano, Attimis, Nimis, Malborghetto-Valbruna e Tarvisio. I cartelli mostrano che lo sloveno e le nostre lingue sono vive, e noi con loro. Sta a noi indurre i nostri amministratori ad adempiere alle leggi dello Stato.

editoriale del giornale Dom

Pubblicato in: FVG, minoranza friulana

Maris di Grau – Lelo Cjanton — arcopoesia

Domenie ulive: mai no sintarìnrulTf cussi:un vert scurtt, un grisulìn d’arìntintra des pieris vieris là che il marspeglant il cil al pree.Maris di Grau, vielutis di prejeris,neris di viestis, blancjs di pinsirs,tes vuestris mans rulìf jessùt des glésiisal è, daspò des strùssiis di une vite,un lune rispìr di Crist. Udine Madri di GradoDomenica degli ulivi: […]

Maris di Grau – Lelo Cjanton — arcopoesia
Pubblicato in: Senza categoria

Rimorsi — natangelo

Rimorsi – la mia vignetta per Il Fatto Quotidiano oggi in edicola! #salvini #salviniaprocesso #lega #openarms #m5s #dimaio #conte #mascherinetricolore #fumettiitaliani #vignetta #fumetto #umorismo #satira #humor #natangelo L’articolo Rimorsi proviene da natangelo.

Rimorsi — natangelo
Pubblicato in: FVG

Una perla al giorno – Ramana Maharshi — tavolozza di vita

Mondo Il mondo è reale per gli ignoranti così come per il saggio;per l’ignorante il vero viene misurato dal mondo,per colui che sa il vero non ha limiti ed esso è il fondamento del mondo.Entrambi dicono ‘Io” riferendosi a se stessi,l’ignorante così come colui che conosce.Per l’ignorante il sé è definito dal corpo,il saggio sa che all’interno del […]

Una perla al giorno – Ramana Maharshi — tavolozza di vita
Pubblicato in: storia

Mussolini a Gorizia

31. julij 1942 – Mussolini nel discorso a Gorizia »Deve cessare il luogo comune che dipinge gli italiani come sentimentali incapaci di essere duri quando occorre. Questa tradizione di leggiadria e tenerezza soverchia va interrotta. (…) è cominciato un nuovo ciclo che fa vedere gli italiani come gente disposta a tutto, per il bene del paese ed il prestigio delle forze armate.« da fb

L'immagine può contenere: disegno
Pubblicato in: eventi

Le mascherine ai tempi della ‘spagnola’ – FA Minore — mauridibe

Mentre il mondo si abitua a vivere con la minaccia del COVID-19, l’uso della mascherina è ancora fortemente raccomandato e, in alcuni luoghi, … Le mascherine ai tempi della ‘spagnola’

Le mascherine ai tempi della ‘spagnola’ – FA Minore — mauridibe
Pubblicato in: FVG

Una vacanza tra le montagne del Friuli — Avessi un cuore artificiale…

In questo post cercherò di sintetizzare gli spostamenti/cose fatte e viste durante la permanenza di 4 giorni nella zona del tarvisiano e qualche suggerimento su altre cose fattibile nel raggio di alcuni km. Lungo la strada (noi partivamo da Udine), la prima tappa è stata la Val Saisera/Valbruna, in particolare l’itinerario Forest Sound Track, da […]

Una vacanza tra le montagne del Friuli — Avessi un cuore artificiale…