Le quattro stagioni

Poeti sloveni del Litorale, nella traduzione di Jolka Milič.

di FILIBERT BENEDETIČ

Avevo un orto e nell’orto crescevano i ciliegi.

Quanto amavo la primavera

coi ciliegi in fiore,

con le ciliegie che diventavano rosse

rosse come i cuoricini dei bambini.

Avevo un orto e nell’orto cresceva il mare.

Come amavo l’estate

quando il mare si riscaldava e

e noi bambini giocavamo,giocavamo

con il mare sulla spiaggia.

Avevo un orto e nell’orto crescevano le viti.

Come amavo l’autunno quando le viti erano cariche di grappoli

e tutte fragranti e profumate di uva,

di dolce uva d’autunno.

Avevo un orto e nell’orto crescevano i pini.

Quanto amavo l’inverno quando soffiava la bora

e i si mettevano a cantare nell’orto,

nel meraviglioso orto della mia giovinezza.

Avevo un orto, ah, un orto;lo amavo tanto,

come lo amano i bambini.

Tutti i bambini buoni e felici.

da fb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.