eventi

Sso e Skgz per un fondo per l’economia

La ministra della Repubblica di Slovenia per gli Sloveni d’oltreconfine e nel mondo, Helena Jaklitsch, di recente ha incontrato i presidenti delle due organizzazioni confederative della comunità slovena in Italia, Ksenija Dobrila per l’Unione culturale economica slovena-Skgz e Walter Bandelj per la Confederazione delle organizzazioni slovene-Sso.

All’incontro hanno partecipato anche alcuni rappresentanti del ministero per lo Sviluppo economico, Gregor Černoga e Jan Sitar, del servizio governativo della Repubblica di Slovenia per lo sviluppo e le politiche di coesione europee, Aleksandra Å uster Močnik e Patricija MurÅ¡ič, nonché del ministero per l’Istruzione, la scienza e lo sport, Roman Gruden.

 Nel corso dell’incontro sono stati affrontati i temi di maggiore attualità per la comunità slovena autoctona in Italia.

In passato la minoranza slovena in Italia disponeva di una buona base finanziaria, che sosteneva anche lo sviluppo culturale e sportivo. Ai fini della propria esistenza, necessità di una adeguato supporto economico. Rilievo è stato dato all’esempio positivo dei programmi finanziari per il Porabje. Un programma simile e un eventuale fondo economico tra Slovenia e Italia potrebbero permettere lo sviluppo di cultura, turismo, agricoltura e piccole imprese, gettando le basi per la permanenza dei giovani.

La comunità slovena partecipa con successo ai programmi trnsfrontalieri europei. Ãˆ, infatti, l’unica tra le comunità slovene d’oltreconfine a collaborare a un programma strategico già nel secondo periodo di programmazione; sta, tra l’altro, lavorando in vista di una collaborazione anche nel prossimo. Nel farlo, si trova a rapportarsi a normative differenti in seno a entrambi gli Stati e alla questione di risorse finanziarie adeguate. Per il prestigio della comunità slovena in Italia ha grande rilievo l’essere lead partner nell’ambito di un progetto strategico di diversi milioni euro.

I partecipanti all’incontro hanno parlato anche della situazione del sistema scolastico con lingua d’insegnamento slovena in Italia, che per il proprio funzionamento necessita di una tutela adeguata e di essere trattato col principio della discriminazione positiva. Ciò troverebbe attuazione attraverso un’adeguata autonomia.

https://www.dom.it/sso-in-skgz-za-sklad-za-gospodarstvo_sso-e-skgz-per-un-fondo-per-leconomia/

eventi, FVG

San Valentino

Lunedì 14 febbraio è la festa di San Valentino, patrono degli innamorati. Ad Azzida il programma comprende l’intera giornata: alle 9.30 apertura del mercatino sulla piazza della chiesa, alle 10.30 Santa Messa con benedizione del pane e delle chiavette, alle 18 vesperi solenni. A Liessa la Santa Messa, con «oufar», sarà celebrata alle 11 e sarà cantata dal coro Rečan, dalle 14.30 alle 16.30 ci sarà l’adorazione eucaristica. A Masseris festeggeranno, invece, domenica 13 febbraio, con la Santa Messa alle 9.30 seguita da un momento conviviale in piazza.

La festa di san Valentino Ã¨ una ricorrenza dedicata agli innamorati, celebrata in gran parte del mondo (soprattutto in Europa, nelle Americhe e in Estremo Oriente) il 14 febbraio.


La leggenda della rosa della riconciliazione

Un giorno San Valentino sentì passare, al di là del suo giardino, due giovani fidanzati che stavano litigando. Decise di andare loro incontro con in mano una magnifica rosa. Regalò la rosa ai due fidanzati e li pregò di riconciliarsi stringendo insieme il gambo della rosa, facendo attenzione a non pungersi e pregando affinché il Signore mantenesse vivo in eterno il loro amore.
Qualche tempo dopo la giovane coppia tornò da lui per invocare la benedizione del loro matrimonio.
La storia si diffuse e gli abitanti iniziarono ad andare in pellegrinaggio dal vescovo di Terni il 14 di ogni mese.
Il 14 di ogni mese diventò così il giorno dedicato alle benedizioni, ma la data è stata ristretta al solo mese di febbraio perché in quel giorno del 273 San Valentino morì.

fonte web

eventi, minoranza slovena

giornata della cultura slovena

8 febbraio – 8 februar

Giornata di  PreÅ¡eren – PreÅ¡ernov dan

Giornata della Cultura slovena PreÅ¡eren Francè. – Poeta sloveno (Vrba, Alta Carniola , 1800 â€“ Kranj 1849); dotato di un fine senso artistico piegò la lingua alle più severe esigenze d’arte ed elevò la poesia slovena, fino allora di gusto provinciale e retrivo, a un notevole grado di perfezione. Fra le sue poesie, oltre alla bellissima collana di sonetti (Sonetni venec, 1834), ispirati al dolce stilnovo e a Petrarca, si ricordano il poemetto Krst pri Savici (“Il battesimo presso la Savica”, 1836) e alcune liriche in cui trova espressione il suo spirito colto, pensoso, pieno di intima tristezza. Nel 1846 raccolse la sua opera in versi in Poezije (“Poesie”)

http://www.treccani.it/enciclopedia/france-preseren/

L’ 8 febbraio è la giornata della cultura slovena, la data è stata scelta in ricordo della morte di France Prešeren (1800-1849), considerato un po’ il padre della poesia slovena e autore dell’inno nazionale. In Slovenia l’8 febbraio è festa nazionale, con scuole e uffici chiusi e con musei aperti al pubblico gratuitamente e una serie infinita di avvenimenti culturali. La giornata è molto sentita anche tra gli sloveni che vivono a Trieste, Gorizia e Udine, dove per l’occasione sono state organizzate diverse iniziative culturali.
Penso che sia l’unico Stato europeo che abbia dedicato una giornata al suo poeta più famoso.

Zdravljica- Brindisi (inno nazionale)

Žive naj vsi narodi
ki hrepene dočakat’ dan,
da koder sonce hodi,
prepir iz sveta bo pregnan,
da rojak
prost bo vsak,
ne vrag, le sosed bo mejak!

Vivano tutti i popoli
che anelano al giorno
in cui la discordia
verrà sradicata dal mondo
ed in cui ogni nostro connazionale
sarà libero,
ed in cui il vicino non sarà un diavolo, ma un amico!

In questo giorno in tutta la Slavia friulana/Benečija si fanno manifestazioni per ricordare questo grande poeta sloveno.

eventi, FVG

Giornata della cultura slovena a San Pietro al Natisone

Venerdì 4 febbraio alle ore 18.00 presso la Beneška galerija verrà inaugurata la mostra fotografica “Naša zarišča | I nostri centri focali” del fotografo goriziano Marko Vogrič.
Le foto rappresentano edifici e luoghi che testimoniano l’attività degli Sloveni nella nostra Regione e che sono quindi i centri focali della cultura slovena sul territorio.
Seguirà un breve concerto che vedrà protagonisti il fisarmonicista Mitja Tull ed il coro Fajnabanda.
Con questo evento verrà ricordata la Giornata della cultura slovena, che si celebra ogni anno l’8 febbraio, anniversario della morte del sommo poeta sloveno France Prešeren.https://novimatajur.it/cultura/ob-dnevu-slovenske-kulture-v-spetru-nova-fotografska-razstava-in-koncert.html

cronaca, eventi, FVG

Le previsioni del Vecchio Venerando

 Ieri sera, come da tradizione, il Vecchio Venerando (Giordano Marsiglio), guardando il fumo del Pignarul Grant di Tarcento ha previsto che il 2022 sarà un altro anno difficile e starà a noi renderlo migliore â€“ ha detto il Vecchio Venerando dal Castellaccio di Coia -. La gente ha perso il senso del rispetto e noi abbiamo bisogno di questo per uscire dalle difficoltà. Rispetto comporta conoscenza e comprensione“.

https://www.friulioggi.it/friuli/vaticinio-vecchio-venerando-pignarul-coja-6-gennaio-2022//

eventi, letteratura italiana

NATALE

Con questa bellissima poesia auguro un sereno Natale a tutti i miei lettori!

La pecorina di gesso,
sulla collina in cartone,
chiede umilmente permesso
ai Magi in adorazione.

Splende come acquamarina
il lago, freddo e un po’ tetro,
chiuso fra la borraccina,
verde illusione di vetro.

Lungi nel tempo, e vicino
nel sogno (pianto e mistero)
c’è accanto a Gesù Bambino,
un bue giallo, un ciuco nero.

Guido Gozzano

eventi, FVG, minoranza slovena

Il calendario di Trinko, il filo rosso è la vita sulle nostre montagne

 La presentazione del Calendario di Trinko 2022, pubblicato come ogni anno dal Circolo Culturale Ivan Trinko, è stata anche l’occasione per premiare gli autori delle tre migliori opere del concorso letterario dialettale per prosa breve organizzato da KD Trinko lunedì 20 dicembre e l’Istituto di Cultura Slovena, e il prestigioso premio Nostra Slovenia assegnato dal movimento Cultura – Natura Slovenia. Si trattava quindi di un evento importante, dove era in primo piano il vocabolo sloveno, utilizzato in tutte le varianti in Benecia

L’incontro è iniziato con la consegna dei premi del concorso dedicato a Bruna Dorbolò. “La creazione letteraria dialettale è molto fruttuosa in Benecia, ha una storia di cinquant’anni, se poniamo come pietra miliare “Senjam poesie beneciane”, che ha dato grande incoraggiamento ai nostri autori che hanno iniziato a scrivere nella loro lingua madre, ha detto la presidente del circolo Ivan Trinko. La giuria del concorso ha decretato miglior testo il contributo di Luisa Cher in dialetto dell’Alta Val Torre dal titolo ‘Da ore a ore’. Al secondo posto la fiaba ‘Fiocco di neve’ di Piero Gariup e al terzo il racconto ‘Push the Door’ di Marina Cernetig.Come abbiamo scritto nell’introduzione, la serata culturale è stata anche l’occasione per la scrittrice e narratrice Ada Tomasetig di  Sorzento/Sarženta per ricevere il premio Our Slovenia 2019, che il movimento Cultura – Natura Slovenia assegna ogni anno per i risultati esemplari nella conservazione e promozione della cultura slovena e patrimonio naturale paesaggio. Il premio è stato consegnato ad Ada da Slavko Mežek, grande amico e conoscitore delle terre di confine slovene nei quattro paesi vicini.
Iole Namor ha parlato dei contenuti del nuovo calendario Trinko (nuova anche l’immagine grafica), spiegando che “il filo rosso della rivista è la vita sulle nostre montagne, che avrebbe bisogno di più investimenti rispetto ad altri luoghi”. C’è una grande enfasi su questo nei contributi del sindaco di Kanal ob Soči Tina Gerbec o Rezija Anna Micelli, e nel colloquio che il presidente del KD Trinko ha avuto con il sindaco del Comune di Stregna Luca Postregna. Per quanto riguarda gli altri argomenti, la redazione ha seguito le vecchie linee guida: il calendario di Trinko tratta argomenti storici (gli articoli storici sono stati scritti da Jože Sužmelj, Giorgio Banchig, Zdravko Likar, Alvaro Petricig e Vojko Volk, e la memoria di Pietro Podreka nel suo bicentenario); include contributi sulla lingua o sulla tradizione (gli autori sono Damjana Fortunat Černilogar, Luigia Negro, Jožica Strgar, Iole Namor, Dora Ciccone, Pamela Pielich, Katja Piuzi, Marko Vertovec, Luisa Cher e Silvester Gaberšček). Il capitolo sulla “parola nostra” comprende un contributo di Bruno Balloch e brevi prose dei tre vincitori del concorso dialettale. Prima di passare in rassegna il lavoro della Società Ivan Trinko nel 2021 e la bibliografia slovena della provincia di Udine, il calendario contiene anche i ricordi di Liž – Elisa Iussa e Remo Chiabudini, che ci hanno lasciato l’anno scorso.

tradotto dal Novi Matajur

eventi, FVG, minoranza slovena

#Duge #Dughe

Poti do vasi, i sentieri che ci portano ai villaggi, un messaggio di appartenenza, il calore di una casa, l’abbraccio di una comunità, la percezione delle proprie radici. Sono tutti concetti ricompresi nel progetto presentato oggi a #Duge #Dughe per la riscoperta e valorizzazione della toponomastica locale

eventi

Santa Lucia

Avete trovato stamattina i regali che vi ha portato Santa Lucia?Quando io ero piccola trovavo colori(i pennarelli non li avevano ancora inventati),album da disegno,sciarpe e maglioni,mandarini,noci e nocciole,libri di favole.Erano tempi più poveri,ma io ero sempre felice!

La leggenda di Santa Lucia
La leggenda narra che la giovane Lucia abbia fatto innamorare un ragazzo che, abbagliato dalla bellezza dei suoi occhi, glieli abbia chiesti in regalo. Lucia acconsente al regalo, ma gli occhi miracolosamente le ricrescono e ancora più belli di prima. Il ragazzo chiede in regalo anche questi, ma la giovane rifiuta, così viene da lui uccisa con un coltello nel cuore.

https://www.amando.it/natale/santa-lucia.html

eventi, FVG

8 dicembre festa dell’Immacolata

Villanova delle grotte/Zavarh
 L’8 dicembre in Italia e in tutto il mondo cattolico si celebra la solennità dell’Immacolata Concezione, festa dedicata alla Madonna concepita da due persone mortali ma senza peccato originale

Il dogma dell’Immacolata Concezione venne promulgato da Papa Pio IX nel 1854 con la bolla “Ineffabilis Deus” e se n’è cominciato a parlare molto nel mondo cattolico in seguito alle apparizioni di Lourdes (1858) dove Maria si presentò a Bernardette proprio come «l’Immacolata Concezione».

eventi

La Rai ricorda la strage di Lampedusa â€”

Una giornata in ricordo di una tragedia del mare che è diventata simbolo dell’odissea vissuta da migliaia di uomini e donne nel Mediterraneo. Il 3 ottobre, per la ‘Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione’, la Rai seguirà, con l’impegno delle testate giornalistiche radio e tv, le cerimonie che si terranno a Lampedusa. Proprio a […]

La Rai ricorda la strage di Lampedusa —
eventi, reblog

Clima, 50mila in piazza a Milano con Greta Thunberg contro il summit del bla-bla-bla

Friday For Future Italia: stop a petrolio, gas e carbone, basta greenwashing, basta allevamenti intensivi

[1 Ottobre 2021]

E’ una marea umana oggi a Milano, il più grande corteo in epoca di pandemia nel nostro Paese. 50.000 giovani e giovanissimi hanno riempito le strade di Milano in un corteo colorato e deciso. Alla testa Greta Thunberg, Vanessa Nakate e un gruppo di delegati stranieri della Youth4Climate, gli stessi che ieri avevano contestato Draghi al grido di “El pueblo unido” e “no more greenwashing”.
«Oggi inizia la PreCop, il primo passo per quella che dovrebbe essere la Cop risolutiva. Ma solo pochi leader e alcuni stakeholders – le multinazionali del fossile in primis – stanno prendendo tutte le decisioni. Non solo: osservatori e movimenti non sono nemmeno stati ammessi». dice Martina Comparelli, portavoce nazionale di Fridays For Future Italia che ieri ha incontrato il premier Draghi.
«Serve far uscire l’industria del fossile dal tavolo delle trattative, mettere al centro le popolazioni più colpite dalla crisi climatica –  continua Comparelli – Vogliamo stop immediato ad ogni nuova infrastruttura legata a petrolio, gas e carbone, basta greenwashing, basta allevamenti intensivi».
STOP BLA-BLA-BLA

di Friday For Future Italia

https://greenreport.it/news/clima/50-000-in-piazza-a-milano-con-greta-thunberg-e-vanessa-nakate-contro-il-summit-del-bla-bla-bla/