fotografie, letteratura slovena

Isonzo-Soča

Ljubka Šorli (Tolmino19 febbraio 1910 – Gorizia30 aprile 1993) è stata una poetessascrittrice e insegnante slovena.

Le sue opere sono segnate dall’esperienza della guerra e della persecuzione, e cantano i luoghi della Slovenia, la natura e le tradizioni religiose. Pubblicò inizialmente in riviste parrocchiali di lingua slovena, illegali sotto il Ventennio fascista. Figura schiva e riservata, è stata per lungo tempo sconosciuta anche al pubblico sloveno. Una traduzione in italiano di alcune sue poesie, “Canti spezzati”, è stata pubblicata nel 1994.

Isonzo-Soča

immagine da https://mapio.net/pic/p-44127024/

 “Gledajo moje oči to lepoto,

napaja ob njej se mi duša -kakor začarana svetu se umika,
da tajnosti božje posluša.”
“Osservano i miei occhi la bellezza,l’anima mia s’inebria d’essa -piena d’incanto fugge dal mondo,porge l’orecchio ai misteri divini.”Ljubka Šorli (1910-1993)