Pubblicato in: angolo del buonumore, fb, friuli, lingue, minoranza friulana, minoranze linguistiche, vignette

Buonumore in friulano

52681139_1763032073801609_903648345845661696_n

Vecchia…come si girano i canali?

E’ il microonde rincoglionito…

Annunci
Pubblicato in: friuli, letteratura, minoranza friulana, minoranze linguistiche, personaggi, poesie

Il Ciant de Filologiche Furlane – Bindo Chiurlo

cropped-7ce52506-f17d-11e8-b149-12e43acf3096.jpg

Un salût ‘e Furlanìe
da lis monz insìn al mâr:
donge il mâr il sanc dai màrtars,
su lis monz il lôr altâr.

E la nestre cjare lenghe
va des monz fin al Timâf:
Rome ‘e dis la sô liende
sul cunfin tòdesc e sclâf.

Che tu cressis, mâri lenghe,
grande e fuarte, se Dio ûl!
che tu slargjs la tô tende
su la Cjargne e sul Friûl;

che tu vadis, mâri lenghe,
serie e sclete, intôr intôr:
tu confuàrte dut chest popul
salt, onest, lavoradôr!

Traduzione

Un saluto al Friuli
dai monti sino al mare:
accanto il mare il sangue dei martiri,
sui monti il loro altare.

E la nostra cara lingua
va dai monti sino al Timavo
Roma narra la sua leggenda
sul confine tedesco e slavo.

Che tu cresca madre lingua,
grande e forte se Dio vuole,
che tu allarghi la sua tenda
sulla Carnia e sul Friuli!

Che tu vada madre Lingua
sana e schietta intorno intorno:
tu conforta tutto questo popolo
saldo, onesto, lavoratore!

fonte https://it.wikisource.org/wiki/Il_Ciant_de_Filologiche_Furlane

Bindo Chiurlo (Cassacco 13-10-1886/Torino 24-12-1943) fu un critico letterario e poeta friulano approfondisci qui… wikiwand.com/it/Bindo_Chiurlo

 

Pubblicato in: dom, friuli, minoranza friulana, minoranza slovena, minoranze linguistiche, proverbi

Proverbio

San Sebastiàn/la neif al mont e al plan/A San Sebastiano la neve in montagna e pianura 

San Bastian cu la viole in man/San Sebastiano con la viola in mano (ovvero si respira aria primaverile-ma se fa freddissimo!)

50434687_2085817531461998_8983301189122654208_o.jpg
proverbio delle valli del Natisone-pregovor iz Nediške doline: “A san Sebastiano(20) e a Sant’Agnese(21), nevica notte e giorno”. Sveta Anieža e Svet Baštian sta se snegala nuoč an dan. (giornale Dom)

vignetta di Moreno Tomazetig

Pubblicato in: attualità, cultura, friuli, minoranza friulana, minoranze linguistiche, novi matajur

Con il 2019 arrivano diverse novità nel palinsesto della “radio libare dai furlans”

logo_web

Anno nuovo, trasmissioni nuove. Per il 2019 il palinsesto di Onde Furlane promette diverse novità. Nei prossimi mesi la sua programmazione si arricchirà di nuove proposte, accanto a trasmissioni di informazione e intrattenimento, che ormai da molti anni costituiscono dei punti di riferimento per il pubblico dell’emittente, dagli appuntamenti quotidiani con il Gjornâl Radio e In dì di vuê, la rassegna stampa che già da qualche mese è stata rinnovata e ora è diffusa tutti i giorni anche in replica alle 12.30, alle ormai ventennali Internazionalitari e GeroVinyl 55/80 e alle tante rubriche specializzate, di più recente ideazione, che trovano la loro collocazione nelle diverse fasce orarie e nelle diverse giornate della settimana.
Sebbene la revisione del palinsesto sia ancora in via di definizione, un primo ampliamento della programmazione dell’offerta radiofonica di Onde Furlane sarà effettivo proprio in questi giorni.
In particolare, con la puntata inaugurale dello scorso 12 gennaio è entrata a regime Lunari, trasmissione curata e condotta da Paolo Cantarutti di carattere divulgativo dedicata alle tradizioni popolari. Per questo viaggio tra «sants, fiestis, tradizions e proverbis» gli appuntamenti sono tre: sabato alle 8.30, domenica alle 10.30 e lunedì alle 17.30.
Giovedì 17 gennaio, invece, parte la rubrica dedicata all’audiovisivo nelle sue diverse forme, tra cinema e televisione, a cura di Max Deliso, già noto al pubblico di Onde Furlane come affabulatore radiofonico all’interno di Bandiera Bianca e I Fratelli Lugosi, nonché come scrittore, da qualche mese in libreria con il romanzo Breve storia di Rosita e Kaplan, e come collaboratore di Rolling Stone Italia e Blud. Il programma, che si intitola Il teatro invisibile, come il blog tematico curato dallo stesso Deliso e da Lucia Castellano, propone segnalazioni e recensioni di film e serie tv e può essere ascoltato mercoledì alle 17.00, giovedì alle 17.30, venerdì alle 14.00 e sabato ancora alle 17.
Il 21 gennaio, infine, prende il via la serie speciale Micro Radio. Si tratta di un documentario radiofonico in dieci puntate, dedicato al sistema di protezione dei richiedenti asilo in Friuli, che sarà diffuso, sino al 1° febbraio prossimo, dal lunedì al venerdì, alle 8.30.
Radio Onde Furlane si ascolta in modulazione di frequenza sui 90 Mhz nella maggior parte del Friuli e sui 90.2 Mhz in Carnia, nonché in streaming all’indirizzo http://www.ondefurlane.eu. Può anche essere seguita via Facebook (www.facebook.com/radioondefurlane/) e con smartphone, iPhone, tablet e iPad, grazie all’apposita App.

http://novimatajur.it/cultura/con-il-2019-arrivano-diverse-novita-nel-palinsesto-della-radio-libare-dai-furlans.html

Pubblicato in: friuli, minoranza friulana, proverbi

Le giornate si stanno allungando

Ve ne siete accorti?E’ quasi impercettibile ma,un vecchio proverbio friulano dice:

“A Nadâl un pît di giâl, a prin da l’an un pît di cjan e Pifanie un pît di strie”

Significato: Il dì a Natale è lungo come un piede di gallo, al primo dell’anno è lungo come un piede di cane e all’Epifania è lungo come un piede di strega.