Pubblicato in: letteratura, minoranza friulana, poesie

Gust da essi viva (poesia di Novella Cantarutti)

Gust da essi viva

Gust da essi viva

ta la di

ch’a discròsa

li’ ali’.

La calìga

’a si distrût

Sblancjada

avuâl dai prâs.

Gust da essi viva

pa la strada

ch’a mèna a Messa,

sot i lens,

pa li’ ombrèni’

bagnàdi’ di lusóur.

Gusto d’essere viva. Gusto d’essere viva / nel giorno / che scioglie le ali. / La bruma / si dissolve /sbiancata / sul profilo dei prati. / Gusto d’essere viva / sulla strada / che porta a messa, /sotto gli alberi, /fra le ombre / intrise di luce. https://www.nazioneindiana.com/2015/07/16/novella-cantarutti-poeti-friulani-4/

Pubblicato in: minoranza friulana, proverbi

Il proverbio friulano della settimana

Il proverbio friulano della settimana
di Vita nei campi

“A San Nicolò / el frêt al dîs: soi cà cumò” ovvero A San Nicolò (il 6 dicembre) il freddo dice: eccomi qua.

da fb

Pubblicato in: friuli, minoranza friulana, personaggi

Frase di Gianfranco D'Aronco

L'immagine può contenere: testo

“Che a Roma non sapessero cosa è il Friuli,pazienza.Ma non lo sanno nemmeno molti friulani.Dunque ogni tanto bisogna spiegarglielo .”da fb

Pubblicato in: friuli, minoranza friulana, musica

Villotta friulana

E la ligrie e je dai zovins
e no dai vecjos maridâts

E l’an piardûde biel lânt a messe
in chel dì che son sposâts

E cjolmi me, cjolmi ninine
che jo ti doi di mangjâ ben

E a misdì ti doi uainis
e a la sere cuntun lên

E sù pes scjalis jo no ti tocji
ma in tal jêt in mans a mi

E ghitti ghitti biel sot la plete
e fin chè il muini a sune il dî

Traduzione

E l’allegria è dei giovani
e non dei vecchi sposati

Loro l’hanno persa andando a messa
il giorno che si sono sposati

E prendi me, prendimi cara
che io ti dò da mangiare bene

E a mezzogiorno ti dò tegoline
e alla sera con un legno

E lungo le scale io non ti tocco
ma nel letto fra le mie mani

E “ghitti ghitti” sotto la coperta
finchè il sacrestano suona il giorno

fonte https://it.wikisource.org/wiki/E_la_ligrie

Pubblicato in: friuli, minoranza friulana, personaggi

Addio Gianfranco D'Aronco

Si è spento Gianfranco D’Aronco, aveva 99 anni. E’ stato il #padre dell’#autonomismo friulano

“Oggi se n’è andato un gigante del nostro Friuli: Gianfranco D’Aronco. Rimane però la sua eredità fatta di grandi battaglie, come l’idea di istituire una Regione friulana sulla base della nostra unicità storica, culturale e linguistica, e di una produzione intellettuale che ancora oggi serve da vera e propria bussola per chiunque, in qualunque regione d’Europa, sia impegnato nella difficile sfida dell’autonomismo”. Lo dichiara il Sindaco di Udine Pietro Fontanini alla notizia della scomparsa di Gianfranco D’Aronco.

“Riuscire a fare tesoro dei suoi insegnamenti credo sia il modo migliore per ringraziarlo, di certo il modo che lui avrebbe apprezzato di più. Ed è con profonda tristezza ma allo stesso tempo con la certezza che come friulani, grazie al suo lavoro e al suo amore per la nostra terra, siamo più forti, che voglio esprimere al figlio Antonio le più sincere condoglianze da parte mia e di tutti i friulani”, conclude Fontanini.

Gianfranco D’Aronco (Udine, 19 ottobre 1920) è un politico e filologo italiano.

Intellettuale votato fin dalla gioventù alla causa dell’autonomismo friulano, entra nella Società filologica friulana, dove incontra Tiziano Tessitori. Con lui già nel 1945 fa parte dell'”Associazione per l’autonomia friulana” e il 19 gennaio 1947 fonda, assieme ad altri intellettuali friulani come Pasolini e Chino Ermacora, il “Movimento popolare friulano per l’autonomia regionale”.Nel 1950 entra nella Democrazia Cristiana,[1] mentre il rapporto col partito autonomista Movimento Friuli, nato nel 1966, non sarà lineare.

Partecipa alla lunga querelle della costituzione della regione autonoma Friuli-Venezia Giulia, che vede contrapposte le istanze dell’autonomismo friulano e triestino.

Parallelamente intraprende la carriera dell’insegnamento universitario, prima alla Cattolica di Milano, poi a Padova e infine a Trieste, dove assume la cattedra ordinaria di storia delle tradizioni popolari e di filologia romanza.

Nel 1983 pubblica in tre volumi “Friuli regione mai nata : venti anni di lotte per l’autonomia, 1945-1964”. Da pensionato ritorna alla politica attiva: accetta l’invito ad assumere la presidenza onoraria della Lega Nord Friuli fattogli da Pietro Fontanini negli anni novanta e negli anni duemila si avvicina a Sergio Cecotti. Ancora nel 2005 è presidente del neo-costituito “Comitato per l’autonomia e il rilancio del Friuli”.

da https://www.facebook.com/RadioSpazio103/

Pubblicato in: minoranza friulana, proverbi

Il proverbio friulano della settimana

di Vita nei campi

“Il mês di brume / ogni dìaul si ingrume” ovvero

a dicembre, il mese della bruna, si raccattano tutti i malanni.

Pubblicato in: friuli, minoranza friulana, proverbi

Proverbio friulano

In’ cope plui la mê lenghe che no la mê spade.

Cattive lingue tagliano più che le spade.

Pubblicato in: friuli, minoranza friulana, proverbi

Il proverbio friulano della settimana


di Vita nei campi

da wikipedia

“Cui ch’al ûl la oçe fine / le compri a sante Catarine” ovvero chi vuole un’oca prelibata la compri i giorni di Santa Caterina (il 25 novembre)

Pubblicato in: friuli, minoranza friulana, musica, video

“Mandi” canta Dario Zampa

Dario Zampa dedica una canzone al saluto tipicamente friulano, quel “mandi” unico, distintivo rispetto alle altre lingue minoritarie…

Dario Zampa al è un cjantautôr furlan, forsit un dai plui cognossûts. In trente agns di cariere al à vendût plui di 150.000 discs; al è ancje un grum impegnât inte conservazion des tradizions e de lenghe e intal mantegniment dai rapuarts cui Fogolârs furlans sparniçâts ator pal mont. Al à condusût ancje diviersis trasmissions in marilenghe su Telefriuli.

Dario Zampa è un cantautore friulano tra i più conosciuti.In 30 anni di carriera ha venduto più di 150 mila dischi.E’ impegnato nella conservazione delle tradizioni del friulano e al mantenimento dei rapporti con i Fogolars furlans sparpagliati nel mondo.Ha condotto molte trasmissioni in friulano su Telefriuli.

Pubblicato in: friuli, minoranza friulana, proverbi

Proverbio

Il proverbio friulano della settimana

”S’al svinte el dì di San Gregori / par quarante dîs ‘al toçe cori”.

Ovvero se tira vento il giorno di San Gregorio (oggi 17 novembre) per quaranta giorni, bisogna correre, in senso lato avremo vento per altri 40 giorni.

https://www.facebook.com/vitaneicampi/