slovenija

Slovenia:niente più green pass

da fb

🟢 Niente più green pass per l’ingresso in Slovenia 🇸🇮 via libera anche per negozi e locali

Il governo sloveno ha emanato un nuovo decreto che revoca le limitazioni dei decreti anti-covid precedenti.

✅ Lo stesso vale per l’accesso a negozi, ristoranti, hotel e locali in genere: il green pass non è più richiesto.

⏱ Non ci sono più limitazioni di orario per i locali.

😷 Permane l’obbligo di indossare la mascherina negli ambienti chiusi.

Fonte: sito web del Governo della Repubblica di Slovenia

https://tinyurl.com/dju9t629

https://tinyurl.com/mskakx2n

letteratura slovena

Dino Bauk, I sognatori di Lubiana — Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Se solo sei mesi prima, quando era ancora a Lubiana ed era un’altra persona, uno studente di Accademia, il bassista e cantante di una band sconosciuta, qualcuno avesse detto che pochi mesi più tardi si sarebbe ritrovato con addosso un’uniforme militare della tribù X, a girovagare per una cittadina desolata dalla quale erano fuggiti tutti […]

Dino Bauk, I sognatori di Lubiana — Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli
fotografie, letteratura slovena

Isonzo-Soča

Ljubka Šorli (Tolmino19 febbraio 1910 – Gorizia30 aprile 1993) è stata una poetessascrittrice e insegnante slovena.

Le sue opere sono segnate dall’esperienza della guerra e della persecuzione, e cantano i luoghi della Slovenia, la natura e le tradizioni religiose. Pubblicò inizialmente in riviste parrocchiali di lingua slovena, illegali sotto il Ventennio fascista. Figura schiva e riservata, è stata per lungo tempo sconosciuta anche al pubblico sloveno. Una traduzione in italiano di alcune sue poesie, “Canti spezzati”, è stata pubblicata nel 1994.

Isonzo-Soča

immagine da https://mapio.net/pic/p-44127024/

 “Gledajo moje oči to lepoto,

napaja ob njej se mi duša -kakor začarana svetu se umika,
da tajnosti božje posluša.”
“Osservano i miei occhi la bellezza,l’anima mia s’inebria d’essa -piena d’incanto fugge dal mondo,porge l’orecchio ai misteri divini.”Ljubka Šorli (1910-1993)

letteratura slovena

Edvard Kocbek


Čuj, deklica, jablanov cvet

Čuj, deklica, jablanov cvet
ti pada tiho na oči.
Jaz, potepuh, te brez besed
polagam v divjo rast noči.
O nič se, deklica, ne boj,
jablanov cvet je luč nocoj.

Objeta čutiva temò,
kako omamljena trohni.
Telesi padata na dno,
otožna čistost ju teži.
O nič se, deklica, ne boj,
jablanov cvet dehti nocoj.

A ko bo cvet jablanov spet
osul se in narasel v plod,
takrat se bo zarasla sled,
odšel bom svojo zadnjo pot.
Takrat, o deklica, se boj,
takrat bo senca nad teboj..

Ascolta, ragazza, un fiore di melo
Ascolta, ragazza, un fiore di melo
ti cade piano sugli occhi.
Io, vagabondo, senza parlare
ti adagio nel selvaggio crescere della notte.
O nulla, ragazza, non devi temere,
il fiore di melo è luce stanotte.
Avvinti sentiamo l’oscurità
marcire, come inebriata.
I corpi piombano sul fondo,
carichi di un malinconico candore.
O nulla, ragazza, non devi temere,
il fiore di melo profuma stanotte.
Ma quando il fiore di melo sarà
nuovamente piantato e darà frutto,
allora coprirà la scia,
me ne andrò per la mia ultima via.
Allora, o ragazza, abbi timore,
allora sarà su di te l’ombra.

 Edvard Kocbek nasce nel 1904 nel paese di Sveti Jurij ob Ščavnici, nella zona di Murska Sobota (Slovenia nord-orientale). La sua educazione ha inizio nelle scuole tedesche di Maribor, dove, dopo aver studiato a Ptuj, frequenta anche il ginnasio, per la prima volta interamente in sloveno. Già al liceo inizia a frequentare i circoli di socialisti cattolici, appassionandosi agli autori social-democratici come Ivan Cankar. ..https://poetarumsilva.com/2018/06/22/ostri-ritmi-18-edvard-kocbek/

slovenija

Slovenija amore mio (ricordi d’infanzia)

Quando ero piccola (70 anni fa) con i miei genitori andavo molto spesso in Slovenija.Mia madre Jozica era di Lubljana e lì avevo il nonno lo zio e i cugini.Per me era sempre una festa anche perchè a Udine non avevo amici essendo di madre slovena e padre della Benecia non ero ben accettata.Alla domenica andavo a messa con i cugini perchè non credessi che in Slovenija fosse probito frequentare la chiesa.Ho passato delle belle vacanze a Ljubljana!

Il Drago: il simbolo della capitale slovena

Un po’ di tempo fa ti ho parlato della città di Lubiana e ti ho accennato dell’esistenza di un Drago.
Proprio come a Cracovia (te ne ho parlato nella mia guida qui sul blog), anche a Lubiana la figura del Drago è un simbolo importante per la città.

La leggenda del Drago di Lubiana

La leggenda narra che Giasone e gli Argonauti, di ritorno dalla loro impresa del furto del Vello d’oro, stavano attraversando il Danubio, poi il fiume Sava e, infine, il fiume Ljubljanca.
In una palude nei pressi del fiume, proprio lì dove poi sorgerà la città di Lubiana, si imbatterono in un enorme Drago.
Giasone affrontò la spaventosa creatura e la sconfisse, uccidendola.

Sin dal Medioevo, la figura del Drago è di enorme rilevanza per la città di Lubiana, tanto che questo era presente, così come lo è oggi, anche nello stemma della città.

Stemma della città di Lubiana

A Lubiana vedrai draghi ovunque

Non si sa esattamente come ma, nel corso dei secoli, il Drago passa dall’essere una figura minacciosa all’essere il protettore della città e dei suoi abitanti.
Stemmi, coccarde e bandiere che raffigurano il Drago sono sparse un po’ ovunque a Lubiana.
In particolare, uno dei luoghi più belli ed affascinanti della città è proprio il Ponte dei Draghi, dove potrai ammirare le bellissime statue che ritraggono questa maestosa creatura mitologica.

Statua del Drago di Lubiana sul ponte dei Draghi
da https://www.queltaleinviaggio.com/2021/05/13/la-leggenda-del-drago-di-lubiana/

slovenija

Slovenia (non) fa rima con sovietica — BOTTEGA DI IDEE

Balcani, storie da oltre il muro Slovenia, anni ’80. “Noi non volevamo imparare il serbo-croato. È completamente diverso dalla nostra lingua, dallo sloveno. Tanto per cominciare, il serbo ha un alfabeto cirillico. E poi rappresenta una cultura totalmente diversa! È come se improvvisamente voi Italiani fosse forzati ad imparare il greco, o l’arabo. Una lingua […]

Slovenia (non) fa rima con sovietica — BOTTEGA DI IDEE
cronaca, slovenija

La pasticciera della casa – Hiše Franko è la migliore del mondo, Ana Roš è settima tra gli chef

Ana Roš del miglior ristorante sloveno Hiše Franko di StarO Selo è balzata dalla 18° lista internazionale dei Best Chef Awards dello scorso anno dal 18° posto dell’anno scorso all’élite ten con il settimo posto. Anche la croata Maša Salopek, che si occupa dei dolci alla Franko House, è riuscita a fare un risultato impressionante, essendo stata scelta come la migliore pasticciera del mondo.

La lista dei Best Chef Awards è composta da 200 professionisti del mondo culinario, inclusi 100 vincitori dello scorso anno.

Ana Roš è l’unica slovena della suddetta scala, pubblicata mercoledì ad Amsterdam per il 2021. Quest’anno, il lusinghiero titolo di miglior chef del mondo è stato assegnato allo spagnolo Dabiz Muñoz del ristorante di Madrid DiverXo.

tradotto dal Novi Matajur

letteratura slovena, slovenija

E’ MORTA LA MAGNOLIA

josip-osti-1

È morta la magnolia. Non entrerò nei dettagli.
Che annebbiano l’essenziale. È morta la magnolia, bianca,
stellata. Quella che anni fa avevo piantato nel giardino
dietro la casa. Che già da un pezzo era più alta di me
di una testa. È morta così come muoiono i bambini prima
dei genitori. Inaspettatamente. Giovane e sana. Almeno
non si notavano i segni di salute malferma. È morta
davanti ai miei occhi. Non letteralmente, poiché in
quel momento guardavo altrove. Stavo dando un’occhiata
al cachi e alle sue foglie rosse. Insomma, è morta
la magnolia. E se esiste l’anima, la sua, intensamente
profumata, errerà fino alla fine della vita. Se veramente
esiste la fine in questo cammino circolare, in cui ogni
principio è assieme fine. E forse viceversa…
È morta la magnolia. Il suo profumo adesso dove
affascinerà le api? Su quale adolescente, cresciuto da
un giorno all’altro in un giovane, fioccheranno i bianchi
petali delle sue corolle, quando sul far dell’alba si desterà
tutto sudato con le labbra screpolate e sanguinanti,
assetato d’amore? Come ho sete d’amore io, anima
mia, che stanotte non riesco a dormire. Poiché
è morta la magnolia.

Josip Osti
Traduzione: Jolka Milič

Poeta, narratore, saggista, critico letterario, curatore di antologie e traduttore. Josip Osti, nato nel 1945, si è laureato alla Facoltà di Filosofia ed è stato redattore del giornale studentesco “Naši dani” (I nostri giorni), redattore nella casa editrice “Veselin Masleša”, segretario della Sezione dei letterati della città di Sarajevo, direttore della Manifestazione letteraria internazionale “I giorni di poesia di Sarajevo”, segretario dell’Associazione dei letterati della…https://www.casadellapoesia.org/poeti/osti-josip/poesie

slovenija

SEVNICA (SLO)

Sevnica, cittadina del Posavje, è balzata agli onori della cronaca negli ultimi anni per essere il luogo natale di Melania Trump. È stata anche eretta una bizzarra statua in suo onore, che di recente è stata bruciata! 🧯In realtà questa cittadina merita di essere vista per tanti altri motivi che poco hanno a che fare con l’ex first-lady.Innanzi tutto per il suo bellissimo castello! 🏰 Info qui: https://tinyurl.com/y82tucxvAttorno al castello poi c’è uno splendido parco, con punti energetici, per ricaricarsi un po’, cosa che di questi tempi non guasta mai!La Lutrovska klet, una cantina del ‘500, è l’edificio più antico della zona, a ricordo della presenza di fedeli luterani nella zona.Ma Sevnica è anche la patria del vino Modra Frankinja, che qui è il re della tavola! Ogni anno si celebra il festival dedicato a questo vino rosso.E voi, siete mai stati a Sevnica? Avete incontrato Melania? 😅#sevnica#gradsevnica#castellodisevnica#castello#grad#melania#melaniatrump#slovenia#slovenija#ifeelslovenia#feelslovenia#castle#sevnicacastle#sava#rekasava#fiumesava#riversavaFeel SloveniaGrad SevnicaCastles of PosavjeVisit PosavjePosavje – polno priložnostiKTRC Radeče

Potrebbe essere un'immagine raffigurante monumento, spazio al chiuso e corridoio
Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona

slovenija

Primož Roglič

Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone, bicicletta e attività all'aperto

Dopo il secondo Tour de France consecutivo e il bronzo alle Olimpiadi vinti da Tadej Pogačar, arriva un’altra incredibile soddisfazione per il ciclismo sloveno. 🚴🚴🚴

Pochi minuti fa, alle Olimpiadi di Tokyo 2020, Primož Roglič ha vinto la medaglia d’oro nella corsa a cronometro! 🥇

Per Primož una meravigliosa rivincita dopo la tanta sfortuna avuta all’ultimo Tour.

Čestitke Primož! 🤗🥳🏆

#primozroglic#roglic#ciclismo#olimpiadi#tokyo2020
Tokyo 2020