Pubblicato in: FVG, letteratura slovena

I 107 anni di Boris Pahor

Boris Pahor - Wikipedia

Oggi 26 agosto Boris Pahor compie 107 anni.

Boris Pahor (Trieste26 agosto 1913) è uno scrittore e insegnante sloveno con cittadinanza italiana.

Biografia

Boris Pahor è nato a Trieste, figlio di Franc Pahor e di Marija Ambrožič. A sette anni assisté all’incendio del Narodni dom, sede centrale delle organizzazioni della comunità slovena di Trieste.L’esperienza, che lo segnò per tutta la vita, affiora spesso nei suoi romanzi e racconti. Finita la scuola media ed essendo stata soppressa l’istituzione slovena, frequenta – per volontà dei genitori – il seminario di Capodistria, che non termina, anche se continua a studiare teologia fino al 1938. Stabilisce stretti rapporti con alcuni giovani intellettuali sloveni di Trieste; tra questi spiccano le figure del poeta Stanko Vuk, di Zorko Jelinčič, cofondatore della    organizzazione antifascista slovena TIGR (e padre dello scrittore Dušan Jelinčič) e dei pittori Augusto Černigoj e Lojze Spacal. Negli stessi anni incomincia il carteggio con Edvard Kocbek, poeta sloveno e pensatore personalista, nella cui figura riconoscerà un importante ruolo di guida morale ed estetica.

Nel 1940 è arruolato nel Regio Esercito e inviato al fronte in Libia. Dopo l’armistizio dell’otto settembre torna a Trieste, ormai soggetta all’occupazione tedesca. Dopo alcuni giorni decide di unirsi alle truppe partigiane slovene che operavano nella Venezia Giulia. Nel 1955 descriverà quei giorni decisivi nel famoso romanzo Mesto v zalivu (“Città nel golfo”), col quale diventerà celebre nella vicina Slovenia. Nel 1944 fu catturato dai nazisti e internato in vari campi di concentramento in Francia e in Germania (NatzweilerMarkirchDachauNordhausenHarzungenBergen-Belsen).

Dopo la guerra, a Natale ’46 torna nella città natale, aderendo a numerose imprese culturali dell’associazionismo sloveno, cattolico e non-comunista. Dopo essersi laureato in Lettere all’Università di Padova nell’ottobre del 1947, si dedica all’insegnamento della letteratura italiana. Negli anni cinquanta è il redattore principale della rivista triestina Zaliv (Golfo) che si occupa, oltre che di temi strettamente letterari, anche di questioni di attualità. In questo periodo Pahor continua a mantenere stretti rapporti con Edvard Kocbek, ormai diventato un dissidente nel regime comunista jugoslavo. I due sono legati da uno stretto rapporto di amicizia.

Nel 1975, assieme all’amico triestino Alojz Rebula, Pahor pubblica il libro “Edvard Kocbek: testimone della nostra epoca” (Edvard Kocbek: pričevalec našega časa). Nel libro-intervista, pubblicato a Trieste, il poeta sloveno denuncia il massacro di 12.000 prigionieri di guerra, appartenenti alla milizia anti-comunista slovena (domobranci), e i crimini delle foibe perpetrati dal regime comunista jugoslavo nel maggio del 1945. Il libro provoca durissime reazioni da parte del governo jugoslavo. Le opere di Pahor vengono proibite nella Repubblica Socialista di Slovenia e a Pahor viene vietato l’ingresso in Jugoslavia.

Grazie alle sue posizioni morali ed estetiche, Pahor diventa uno dei più importanti punti di riferimento per la giovane generazione di letterati sloveni, a cominciare da Drago Jančar. L’opera più nota di Pahor è Necropoli, romanzo autobiografico sulla sua prigionia nel campo di concentramento di Natzweiler-Struthof. Le sue opere in sloveno sono tradotte in francesetedescoserbo-croatounghereseinglesespagnoloitalianocatalano e finlandese. Nel 2003 gli è stato conferito il premio San Giusto d’Oro dai cronisti del Friuli Venezia Giulia. Nel giugno del 2008ha vinto il Premio Internazionale Viareggio-Versilia; nel maggio del 2007 è stato insignito con la onorificenza francese della Legion d’onore; ha ricevuto il Premio Prešeren, maggiore onorificenza slovena nel campo culturale (1992) e il San Giusto d’Oro 2003. Nel 2008, con Necropoli è stato finalista e vincitore del Premio Napoli per la categoria “Letterature straniere”.…continua https://www.wikiwand.com/it/Boris_Pahor

Frase

Siamo fortunati perché finalmente a Trieste ci chiamano sloveni. Fino a qualche anno fa non si parlava di sloveni, ma di slavi. Ancora oggi qualcuno dice: “voi slavi”. L’espressione veniva poi modificata in “schiavo” e quindi “s’ciavo”, che è entrato nell’uso corrente del dialetto.Boris Pahor

Pubblicato in: letteratura slovena, slovenija

Miha Mazzini, I cancellati. “Che cosa succede se ti trovi fuori dal sistema?” — Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

“Vi hanno cancellato dall’elenco. Non ci siete più. Dicono che non avete voluto la cittadinanza, che ci siete contro”. (..) Quanto tempo sarebbe passato prima che si rendessero conto che ci sono anche quelli che non possono chiamare la polizia, qualsiasi cosa loro succeda? A cui possono rubare la casa, che possono prendere a botte […]

Miha Mazzini, I cancellati. “Che cosa succede se ti trovi fuori dal sistema?” — Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli
Pubblicato in: letteratura slovena, slovenija

Ricordiamo, oggi, Primož Trubar (1508-1586), autore del primo libro stampato in lingua slovena.

Danes praznujemo dan Primoža Trubarja (1508-1586), avtorja prve tiskane knjige v slovenskem jeziku.

Ricordiamo, oggi, Primož Trubar (1508-1586), autore del primo libro stampato in lingua slovena.

“Nato a Raščica, minuscolo villaggio della Carniola inferiore, nel 1508, fu dapprima sacerdote cattolico e, in seguito, pastore luterano in Germania. Si avvicinò al luteranesimo alla scuola del vescovo di Trieste, Pietro Bonomo, e divenne il più attivo animatore della riforma protestante in terra slovena.

Nel 1550, pubblicò il primo libro stampato in lingua slovena, Katekizem (Catechismo), cui seguì Abecedarium (Abecedario, sempre del 1550).

Considerato il padre della letteratura slovena, Trubar fu autore di più di venticinque libri in lingua slovena, i più importanti dei quali furono le traduzioni in sloveno del Nuovo Testamento (1555-1577) e dei Salmi (1566)

Portret Primoža Trubarja, Saša Šantel.
Primož Trubar in un disegno di Saša Šantel (Gorizia 1883 – Lubiana 1945)

Spomenik pred rubijskim gradom.

Monumento all’entrata del castello di Rubbia dove Trubar predicò ai fedeli.
Foto di Ferdinando Furlan

Pubblicato in: letteratura slovena

Soči – All’Isonzo

Soči

Isonzo nei pressi di Kobarid-Caporetto
Autore: Reinhard Kuknat, Germania Wikimedia

Pa oh, siroti tebi žuga

vihar grozán, vihar strašán;

prihrumel z gorkega bo juga,

divjal čez plodno bo ravan,

ki tvoja jo napaja struga

gorjé, da daleč ni ta dan!

Nad tabo jasen bo oblok,

krog tebe pa svinčena toča

in dež krvav in solz potok

in blisk in grom

oh, bitva vroča!

Tod sekla bridka bodo jekla,

in ti mi boš krvava tekla:

kri naša te pojila bo,sovražna te kalila bo!

Takrat se spomni, bistra Soča,

kar gorko ti srce naroča:

Kar bode shranjenih voda

v oblakih tvojega neba,

kar vode v tvojih bo planinah,

kar bode v cvetnih je ravninah,

tačas pridrvi vse na dan,

narasti, vzkipi v tok strašán!

Ne stiskaj v meje se bregov,

srdita čez branove stopi,

ter tujce, zemlje-lačne, vtopi

Na dno razpenjenih valov!

Simon Gregorčič
 

All’Isonzo

(Traduzione di Giovanna Ferianis Vadnjal)

  Ma su te, misero, ahimè, s’addensa  un tremendo uragano, una bufera immensa,  dal caldo meridione infuriando verrà  e strage alla pianura ferace recherà  che la tua corrente disseta.  E quel giorno, ahimè, lontano non è!  Su te il ciel sereno s’inarcherà,  ma intorno grandine di piombo cadrà  e sangue a fiotti e di lacrime un torrente  e lampi e tuoni — oh che battaglia ardente!  Qui all’urto delle spade affilate,  le tue acque di rosso saranno colorate:  il nostro sangue a te scorrerà,  quello nemico ti intorbiderà!  Rammenta, chiaro Isonzo, allora  ciò che il cuore ardente implora:  Quanto di acqua in serbo avrà  nei suoi nembi il tuo cielo,  quanto nelle tue montagne sarà  d’acque e nelle pianure fiorite  riversale allora finché tutte saran uscite  e tu cresci, sollevati con la corrente tremenda!  Non ridurti entri i limiti delle sponde,  balza dagli argini tuoi furibondo  e lo stranier della nostra terra avido  nel fondo dei tuoi gorghi travolgi impavido.

https://it.wikipedia.org/wiki/Simon_Gregor%C4%8Di%C4%8D#Testo_e_traduzione_di_So%C4%8Di_(all’Isonzo)

Simon Gregorčič (Vrsno, 15 ottobre 1844 – Gorizia24 novembre 1906) è stato un poeta sloveno. È stato anche un sacerdote della chiesa cattolica. ..https://it.wikipedia.org/wiki/Simon_Gregor%C4%8Di%C4%8D

Pubblicato in: letteratura slovena

INNO ALL’ULIVO-OLJKI

L'immagine può contenere: pianta, albero, fiore, spazio all'aperto e natura
Foto/Slika : Vilma Cotič da fb

Il poeta Celso Macor rilegge la poesia Oljki – INNO ALL’ULIVO, del poeta sloveno Simon Gregorčič (1844, Vrsno pri Kobaridu – 1906, Gorica )

“Penso all’inno all’olivo di Simon Gregorčič, l’usignolo goriziano, poeta della patria slovena.” Oljki” (All’Olivo) è stato scritto più di cent’anni fa. Potrebbe essere nato in un luogo della collina friulana, un po’ più a occidente di Vrsno, il paese di Gregorčič sperduto ai piedi del Monte Nero. Olivo, simbolo universale di pace, legame della tradizione slovena e friulana: ” Olivo che ti sollevi dalla solitudine della vigna/ che mostri il tuo verde anche sui campi di neve, /… /Nella casa il saggio contadino/brucia rami dolivo sul focolare, /affinché si plachi l’uragano:/ e il fumo benedetto va per il cielo, / e il nuvolo minaccioso, plumbeo, si dissolve / e cade sui campi in buona pioggia, dolce. / Benedetto, pio ramoscello d’olivo, / possa tu, rabbonire quell’altra tempesta, che intristisce selvaggia nel cuore degli uomini, / acquietare almeno quella che nel mio cuore urla! /…L’olivo che brucia per abbonire la grandine, l’olivo in una bacinella d’acqua santa per salutare i morti: L’olivo del sacerdote Simon Gregorčič è anche il nostro. L’anima strappata torna a riunirsi…

Drevo, rastoče v vinskem bregu lepo zeleno v belem snegu,oj drago oljkovo drevo,pozdravljam te srečno, srečno!Ko travnat otok v puščavi prijazno tukaj zeleniš;vojak ponosen se mi zdiš,stoječ po bitvi na planjavi:le njega bojni grom ni strl,tovariše je vse podrl.Čemu je tebi smrtna sila življenja moč in kras pustila?Da živ nagrobni spomenikiz mrtvih tal štrliš navpik?Nikakor! Marveč to zelenje oznanja novo nam življenje,ko spet se bo pomladil svet,ko nov razvil se bo nam svet.Na te iz golih tam grmičev zaletava roj nam zvestih ptičevin glasno v vejah žvrgoli,meneč, da meneč da svet se že mladi.In oj, kako mudi rado na tebi moje se oko! -Prijazno oljkovo drevo,pomnik nekdanjih dni cvetočih,prerok kasnejših dni bodočih,pozdravljam te,proslajvljam te!Ti v rane vlivaš nam zdravila,svetostna nam rodiš mazila,oživljaš nam telesno moč,preganjaš z lučjo temno noč.Proslavljam te! -Miru podoba ljuba ti ljudem si že iz davnih dni.Naš rod se je ves bil pokvaril,in modri Bog se je kesal,da je človeško bitje ustvaril.Zato pa vse lj

udi končalv pregroznem, splošnem je potopu,zanesel malemu le tropu.Ves rešen človeški rodtedaje en sam je nosil brod;kdo ve, če ta ubeži pokopu?Nad njim mračno, temno nebo,in krog in krog brezdanja voda,a rešnega nikjer proda -strašno, strašno!Kdaj ta brezbrežna voda splahne?Kdaj srd neba se upokoji?Mar Bog na veke se jezi?O ne! Dih božjo toploto dahnein voda gine, pada, sahne,kakor pred soncem sneg kopni.In glej, iz vode se sušečedrevo priraste zeleneče,golobček bel se nanj spusti,na drevu kljuva, kljuva, pika,in ko z drevesa odleti,v redčem kljunu zelenimu oljkova mladika.Kako je pač vladar vesel,goloba z vejico sprejel!To vejo z oljčnega drevesaso od človeškega roduposlala v blažena nebesav poroštvo sprave in miru. -Miru simbol si tudi nam!Glej, prišla je oljčna je nedelja,in polne srčnega veselja vrvijo trume v božji hram.Odrasle zreš in otročiče,noseče oljkove snopiče,če ne, mladike oljčne vsaj,svetišče zdi se oljkov gaj.Skozi okno sonce božje lijev ta gaj svoj zlati žar z nebes,a bolj še sreče sonce sijeotrokom z lic in iz očesskozi senco oljkovih peres.Pristopi starček sivolasin blagoslov nebeški kličenjegov srčno moleči glasna oljčne veje in snopiče.O, naj te oljke, kjer bi bile,bi blagoslov in mir delile!Da, oljkove mladike temir bodo in blagost rodile,ko hiše, vrte in poljeblagoslavljale pokrope.Glej pokropljeno njivo trato,kako razvija mi se kras!Kako se ziblje žito zlato,kako je poln pšenični klas,pod srp že sili, sili v pas -in drevje to — kako bogato!O srečni kmetje, srečna vas!Pa oh, — kaj se temni nebo?Pod njm se megle temnosivevale čez vrte, trate, njive,grmeč grozno, preteč strašno.Pred seselsko kočico kleče otroci, starčki in žene,z boječim, solznatim očesom k oblačnim, mračnim zro nebesom glasno ihteč,k Bogu moleč.A hiše skrbni gospodar mladike oljkove sežiga,da umiril grozni bi vihar:in sveti dim se k nebu dviga,in glej, preteči prej oblakna polja ulije dež krotak. -O, da bi ti, mladika mila,nevihto tudi utolažila,ki burno hruje med ljudmi,ki v srcu strastno na besni,da meni bi vsaj bi jo umirila!Srce mi pravi, da jo boš,če prej ne, ko me boš kropila!Pred duhom vidim nizko sobo,a v sobi bledo sveč svetlobo;med svečami pa spava mož,bled mož, ogrnjen s plaščem črnim,ki s trakom je našit srebrni;on trdno spi, nevzdramno spi,strudila ga je težka hoja.Moža pa množica ljudiz mladiko oljkovo kropi,želeč mu večnega pokoja.Oj, bratje, ko se to zgodi,tedaj končava pot bo moja in konec bo težav in boja,tedaj potihne za vsekdar srca mi in sveta vihar.

Pubblicato in: letteratura slovena

La Zdravljica diventa patrimonio europeo

Alla poesia di Prešeren il marchio conferito dalla Commissione Europea.

2/4/2020 11:19:52 | Radio Capodistria

Il Brindisi è una poesia scritta da France Prešeren nel 1844, rientra nella raccolta poetica intitolata Poesie, tradotta in molte lingue straniere, tra cui in italiano già alla terza edizione monografica, da poco pubblicata per opera del triestino Miran Košuta. Per gli sloveni ha una grande rilevanza, perché con la sua poesia e le sue azioni il poeta romantico ha contribuito molto al rafforzamento del sentimento nazionale e dell’identità culturale slovena. In seguito all’indipendenza della Slovenia, dal 1991 l’inno nazionale è costituito dalla settima strofa della poesia Zdravljica – Il Brindisi di France Prešeren musicata nel brano omonimo per coro di Stanko Premrl.

Con questa poesia Prešeren ha voluto non solo esaltare la Slovenia, ma brindare a tutti i popoli del mondo, quando, superati inimicizie e guerre, ciascuno avrebbe visto nell’altro non il confinante ma il vicino di casa. Questo il concetto di fondo contenuto nella settima strofa della ormai celebre poesia. L’inno sloveno dunque respinge le guerre e i conflitti e sottolinea la vicinanza e l’amicizia tra i popoli.

Pur essendo stata scritta nel 1844 la poesia mantiene tutta la sua attualità, in particolare in questo momento di crisi in cui è nuovamente messo alla prova l’umanesimo, nazionale e internazionale. Come osservato in occasione del conferimento da Mariya Gabriel, Commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani, ha dichiarato: “I nuovi dieci marchi del patrimonio culturale offrono a tutti i cittadini europei grandi opportunità di avvicinarsi al patrimonio culturale e di rafforzare il loro senso di appartenenza all’Unione europea”. Il Marchio del patrimonio europeo, materiale e immateriale, è un riconoscimento comunitario finalizzato a dare valore al patrimonio culturale comune e a promuovere il dialogo interculturale. Ha come obiettivo inoltre quello di favorire un più grande accesso al patrimonio culturale del passato ricorrente nel presente e valorizzarne la dimensione europea.

Miro Dellore

https://capodistria.rtvslo.si/news/cultura/la-zdravljica-diventa-patrimonio-europeo/519242?fbclid=IwAR16sJsvE3sXoyO6wWgrEXZ19OvMiceswZNu9N5vzJwMS7OSkdHCBmAkQek

Pubblicato in: letteratura slovena, slovenija

TRE RACCONTI PER L’INFANZIA DI NINA MAV HROVAT

TRE RACCONTI PER L’INFANZIA DI NINA MAV HROVAT traduzione di Jolka Milič



UNA TOPOLINA DESIDERA UN AMICO
di Nina Mav Hrovat
Illustrazioni di Kristina Krhin
(2016)
Il file PDF
* * *


NON PENSARE ALL’ELEFANTE
di Nina Mav Hrovat
Illustrazioni di Ivan Mitrevski
(2019)
Il file PDF
* * *
UNO, DUE, TRE – ELEFANTE!
di Nina Mav Hrovat
Illustrazioni di Ivan Mitrevski
(2019)
Il file PDF
Traduzione dallo sloveno di Jolka Milič



Nina Mav Hrovat
è nata il 30 gennaio 1975 a Ljubljana. Dopo aver terminato la scuola media di psicologia dello sviluppo desiderò approfondire la sua conoscenza della psicologia dello sviluppo e pedagogia e continuò gli studi integrativi nella stessa direzione. Dapprima (nel 1997) alla Facoltà pedagogica concluse il programma universitario d’indirizzo prescolastico, in seguito acquisì anche l’educazione tecnica universitaria e nel 2001 ottenne il titolo professionale di educatrice laureata dei bambini delle scuole materne ed elementari. Nel 2014 conseguì anche felicemente il diploma post laurea d’indirizzo prescolastico ottenendo il titolo professionale di master. Dal 1997 lavora nell’Asilo di Domžale, dapprima come educatrice, dal 2010 invece come assistente della direttrice. Nel 2015 ottenne inoltre il titolo professionale di consigliera. Pubblica anche articoli tecnici e d’aggiornamento professionale, tiene lezioni e conferenze per i genitori e gli operatori nel campo.
Essendo uno dei membri istitutivi del circolo culturale Mlin Radomlje (Il mulino di Radomlje) che dal 1995 macina ancora con successo, ha sperimentato diverse funzioni, ovvero attrice, sceneggiatrice, regista e, dal 2013 fino al 2017, anche presidente del circolo. Per molti anni ha condotto le ore delle favole nella biblioteca di Domžale e proprio questo lavoro e l’amore per questo genere letterario l’hanno spinta a scrivere le prime opere come autrice. Le prime fiabe sono state già pubblicate nelle riviste per l’infanzia Ciciban e Cicido, in parte anche nella rivista Trobentica (La primula). Successivamente talune favole sono state pubblicate come libriccini illustrati, la prima fu la fiaba del Re che non voleva rimettere a posto le cose, che nel 2009 ha vinto il premio Libro illustrato originale sloveno per bambini. Nel 2013 invece la favola Il topolino – che in sloveno è di genere femminile – vale a dire la topolina che si faceva coraggio è stata citata tra i finalisti del premio Kristina Brenk.
Tra i suoi vari progetti si esibisce nelle scuole materne ed elementari di tutta la Slovenia e collabora con il Festival letterario per la gioventù Bralnice pod slamnikom (Letture o Reading sotto il cappello di paglia). Nel 2016 è diventata anche socia dell’Associazione degli scrittori sloveni (DSP).LIBRI O kralju, ki ni maral pospravljati (Il re che non voleva rimettere a posto le cose), Mladinska knjiga, 2008, 2010Orientacisti na sledi morilca (Sportivi orientisti sulle tracce dell’assassino), Miš založba, 2010Neredko! (Disordinato!), Mladinska knjiga, 2011O miški, ki je zbirala pogum (Il topolino che si faceva coraggio), Mladinska knjiga 2012Orientacisti:tekma s kifeljci (Sportivi orientisti: gara con i piedipiatti), Miš založba, 2015Bober nogometaš (Il castoro calciatore), NK Domžale, 2016Miška želi prijatelja (Il topolino, veramente la femminuccia del topolino, desidera un amico), Miš založba, 2016Hrošček Simon širi zadovoljstvo (L’insetto Simon – ovvero la mascotte del comune di Domžale, il Ceuthmonocharic robici, diffonde la soddisfazione), Miš založba, 2017Ne misli na slona! (Non pensare all’elefante!), Miš založba, 2019En, dva, tri – slon! (Uno, due, tre – elefante!), Miš založba, 2019Posluh, jazbec gre! (Attenzione, sta venendo il tasso! Miš založba, 2020Vprašanje za babico (Domanda per la nonna), Miš založba, 2020
jolka.milic@siol.net
Fili d’aquilone n°54

http://www.filidaquilone.it/num054milic-utf8.html

Pubblicato in: letteratura slovena

SERATA IN BENEČIJA – BENEŠKA VIČER

Aldo Clodig (Klodič)

Operatore culturale, creativo e poeta

Clodig-Grimacco, 06.10.1945 – 02.02.2015

E’ nato nella famiglia Clodig – Tedolenjih dove tra il 19. e 20. secolo, hanno avuto le proprie radici famosi intellettuali (Anton Klodič, Maks Klodič…). Dopo la maturità a Udine, nel 1965 ha lavorato come impiegato in una ditta di trasporti e poi in banca a Cividale fino al pensionamento. Già in giovane età ha preso coscienza che è necessario lottare contro l’assimilazione affinchè la Benecia non perda la propria anima.  La sua prima apparizione ufficiale risale al 1967 quando, insieme ad Anton Birtig  e Pietro Medves, ha cantato al Dan Emigranta a Cividale.

Verso la fine degli anni sessanta, ha iniziato a collaborare con il cappellano di Liessa Rino Marchig, suo grande amico,  e a cantare nel rinnovato coro  Rečan. Nel coro e’ rimasto costantemente attivo come cantore e per diversi anni anche dirigente. Negli anni ottanta ha costituito l’ottetto misto Trepetički con il quale ha dato nuova forma alle canzoni popolari facendole accompagnare dalla chitarra di Kekko. 

Faceva parte del gruppo degli intellettuali sloveni che nel 1969 hanno costituito il circolo culturale Rečan, circolo del quale è stato l’anima.  Nel suo impegno culturale ha sempre fatto in modo che il circolo fosse fortemente ancorato all’ambiente in cui era nato e ha sempre cercato di inserire nell’attività culturale anche i ragazzi. Ciò è stato possibile grazie alla fiducia che riponeva nei giovani  offrendo loro l’appoggio e l’opportunità di esprimersi culturalmente.

Amava la lingua materna e le tradizioni, ma era anche convinto che il patrimonio culturale debba essere rinnovato e sviluppato. Da questo pensiero è nata l’idea del Festival della canzone delle Valli (Senjam Beneške Piesmi), che il circolo ha organizzato la prima volta nel 1971 e che ancor oggi è una delle più amate manifestazioni culturali della Benecia.  Al Festival, la prima volta, ha vinto proprio una canzone di Aldo Pustita nam rože po našim sadit (Lasciateci seminare i fiori a modo nostro) che è ancor oggi il manifesto culturale della Benecia. Questo è anche il titolo delle raccolte (fino ad oggi 3) dove sono inseriti i testi delle canzoni dei Festival dei primi 30 anni, Molte di queste sono state scritte da lui. 

Ha collaborato ed è stato direttore del Beneško gledališče, per il quale ha scritto diversi testi e curato diverse regie.  Nel 1994, molto prima della caduta dei confini,  è stato l’ideatore della camminata “Al di la della linea immaginaria” tra Topolò e Luicco (Slovenia) che ha finalmente riunito le due vallate divise da un assurdo confine. E’ stato socio fondatore del circolo transfrontaliero PoBeRe e di numerosi altri circoli e associazioni locali.

Scriveva poesie e nel 2009 ha pubblicato la raccolta Duhuor an luna (il gufo e la luna) . Le sue poesie sono pubblicate anche nell’antologia Besiede tele zemlje (Le parole di questa terra) e in altre raccolte Ha collaborato con il giornale Novi Matajur, Trinko koledar, ha curato il libro sulla camminata  Čez namišljeno črto,  il libro Hostne med zgodovino an legendo, ed altre pubblicazioni edite dal c.c. Rečan.

Consapevole della sua identità slovena, stimolava il dialogo tra la gente, dava molto valore alla tradizione popolare (ha tra l’altro riproposto l’antica tradizione della novena di Natale nella parrocchia di Liessa) ma sempre nella convinzione che la nostra comunità deve stare al passo con i tempi e apprendere anche la lingua letteraria. Per questo è stato anche tra i fondatori del Zavod za slovensko izobraževanje (Istituto per l’istruzione slovena) e della scuola bilingue e membro del consiglio direttivo fino alla statalizzazione della  nel  2001. E’ stato anche socio e consigliere nell’Istituto per la cultura slovena (ISK). 

Ha ottenuto il riconoscimento Gujonovo Priznanje.

http://www.kries.it/personalita/aldo-clodig-klodic?lang=it