Minoranza linguistica tedesca🇦🇹


ne

Carinziani

Le comunità carinziane risalgono alla colonizzazione bavarese dell’arco alpino dei secoli X – XIII e costituiscono isole o gruppi linguistici di antico insediamento, ove si parlano varietà tedesche simili a quelle usate al di là del crinale delle Alpi Carniche (da cui minoranza carinziana).

Attualmente questa variante di lingua tedesca è parlata in Friuli-Venezia Giulia, in provincia di Udine, nelle piccole isole linguistiche di Sauris e Timau e, al confine con l’Austria e la Slovenia, nella Val Canale e  nel comune di Sappada (Udine).

tedescoscuola

da http://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/speciali/minoranze/Caria.html

In Friuli si trovano ancora le comunità germaniche di Sappada/Plodn , di Sauris/Zahre, Timau/Tischlbong in Carnia, e della Valcanale. Sappada e Sauris hanno in comune un’origine leggendaria, ma in realtà la loro fondazione risale a migrazioni medioevali di coloni provenienti da aree diverse della Val Pusteria, dalla Carinzia e da Lessach. Nonostante si siano dimostrati più legati alle loro tradizioni linguistiche rispetto agli altri gruppi germanofoni minori, anche i sappadini e i saurani hanno assistito al lento declino della loro parlata, ancor più accentuato a Timau, fondato da coloni carinziani tra il X e il XIII secolo, dove solo una minoranza di anziani e adulti è ancora in grado di usare correntemente il dialetto germanico. Timau è infatti più sottoposta di Sauris all’affermazione della lingua italiana e del friulano in quanto semplice frazione di un comune friulanofono. Infine la Valcanale friulana con i suoi comuni di Tarvisio/Tarvis, Malborghetto/Malborgeth, Pontebba/Pontafel e le rispettive frazioni costituisce un caso a parte, poiché in essa esiste una condizione di plurilinguismo per la presenza negli usi locali dell’italiano, del friulano, dello sloveno, del dialetto carinziano e del tedesco standard favorito dai continui rapporti con la Carinzia e l’Austria in generale.