Pubblicato in: cultura, friuli, immagini, minoranza slovena, storia

San Giovanni d’Antro

52366934_2302021436516286_7182315591095549952_nCon il nome di San Giovanni d’Antro (Svet Ivan u čelè in dialetto sloveno locale) si identificano una grotta ed una chiesa, costruita all’interno della cavità, situate nel comune di Pulfero, in provincia di Udine.

La grotta

I resti di ursus speleus

L’antro si apre su una parete verticale rocciosa del monte Mladesiena a 348 metri s.l.m., a poche centinaia di metri dalla frazione di Antro. La parte iniziale della grotta è parzialmente occupata dalle opere murarie erette per costruire una chiesetta dedicata ai Santi che le hanno dato il nome. All’ingresso della cavità si incontra un doppio criptoportico, uno destinato allo scolo delle acque provenienti dall’interno della caverna, e l’altro costruito per realizzare la galleria che, prima delle ristrutturazioni, consentiva l’accesso alla zona di culto allocata nella parte superiore delle volte. L’archivolto delle due gallerie, che hanno una lunghezza di 18 metri, costituisce la base su cui poggiano i lastroni di pietra che formano il pavimento artificiale del piano superiore.La grotta, caratterizzata da laghetti, saloni, meandri e camini, è stata esplorata per circa 4000 metri; i primi 300 sono facilmente percorribili grazie ad un percorso turistico dotato di opere artificiali. La grotta venne menzionata nel XVI secolo da Valvasone di Maniago nel manoscritto “Descrizione delle città grosse del Friuli” custodito presso la Biblioteca civica comunale di Udine. La prima esplorazione di cui si ha notizia risale al 1885; in tempi più recenti si ha documentazione delle visite scientifiche effettuate da soci del Circolo Speleologico-Idrologico Friulano nel 1912 (quando fu aperto un percorso di 650 metri), e di quelle che susseguirono fino al 1950. Le esplorazioni ripresero nel 1976 e portarono, grazie alle moderne tecniche utilizzate, alla scoperta dei nuovi rami. All’interno della grotta sono stati trovati resti di “Ursus Speleus” (mandibole, denti e vertebre), reperti di ceramica di epoca preromama e romana e resti metallici di epoca medioevale. In periodo romano, la grotta fece parte, assieme al vallo costruito tra i fiumi Erbezzo e Natisone ed al castelliere del monte Barda, del sistema difensivo creato nella Regio X Venetia et Histria a protezione dei confini orientali. Nel periodo delle invasioni barbariche l’antro fu adibito a temporaneo rifugio dalla popolazione locale per sfuggire alle atrocità che venivano commesse. Data la notevole altezza dell’ingresso (30 metri) dalla vallata sottostante, il primo abitante stabile della grotta fu probabilmente un anacoreta cristiano verso il V o VI secolo. Le prime opere murarie per realizzare una sistemazione che consentisse una comoda e lunga permanenza nel luogo furono probabilmente effettuate nel XII-XIII secolo.

Dall’inizio del 2015 la parte turistica della grotta è gestita dal gruppo Speleologico “Valli del Natisone” che cura le visite guidate e l’organizzazione delle escursioni della parte speleologica.

La chiesa Storia

La chiesa di San Giovanni d’Antro

Il primo utilizzo della grotta come abitazione di anacoreti dovrebbe risalire al V o VI secolo; il primo documento che indica la grotta come luogo di culto risale all’anno 889 e si riferisce al diploma con il quale il re Berengario concesse al Diacono Felice la chiesa di Antro, un casale, i campi, i prati, i pascoli esistenti nei pressi della grotta e l’area del monte Olosa. In loco è presente anche la lapide, con scritture in latino, che ricopriva la tomba del succitato diacono, risalente al IX secolo[10]. Le opere murarie più antiche, ancora visibili, risalgono al XII o XIII secolo quando l’antro venne adibito a fortilizio esterno di un sottostante castello. Allora venne creato il passaggio indipendente per le acque del torrente che percorre la grotta ed un agevole accesso verso l’interno della caverna. La parte superiore delle gallerie fu utilizzata come base per la creazione di una zona da adibire alla vita della guarnigione ed al deposito delle derrate e delle armi necessarie. In una rientranza della grotta venne creato anche un primitivo sacello di origine longobarda. Nel XV secolo, quando la località divenne adibita esclusivamente a luogo di culto, vennero effettuati altri lavori per il consolidamento delle strutture esistenti e venne costruita la scala esterna in pietra che porta all’inizio della galleria. Si procedette anche alla ricostruzione della cappella (dedicata ai Santi Giovanni Battista ed Evangelista) che venne poi consacrata, nel 1547, dal vescovo di Cattaro, Luca Bisanzio. Ulteriori lavori vennero eseguiti alla fine del XVII secolo, quando il salone della grotta (Sala di San Giovanni) divenne la chiesa maggiore e la cappella-presbiterio fu declassata a cappella devozionale. Le ultime ristrutturazioni risalgono alla metà del XIX secolo ed alla prima metà del XX secolo.

Architettura

52668803_2302019766516453_5099715232352174080_o
La cappella-presbiterio in stile gotico sloveno

Il complesso destinato al culto, situato nello spazio ricavato sopra i criptoportici, si compone di una chiesa, una cappella-presbiterio, una sagrestia ed una loggetta aperta sulla vallata sottostante. Oggigiorno può essere facilmente raggiunto salendo i 114 gradini della scala in pietra addossata alla parete rocciosa. Nel XV secolo furono eseguiti i lavori di rafforzamento delle strutture murarie e di ristrutturazione dei locali interni. All’epoca risale la costruzione della cappella, nella forma attualmente visibile, ad opera di Andrea da Skofja Loka e del suo collaboratore Jacob. Una lapide, murata all’interno, fa risalire la data dei lavori all’anno 1477; la pietra riporta la seguente incisione in caratteri gotici minuscoli:

«maister andr
e von lack ja

1mo 4mo 7mo 7 cob»

La cappella è composta da un vano di 6,48 per 3,60 metri, con altezza di circa 4 metri, ed è raggiungibile attraversando un arco a semplice sesto acuto fatto con pietra calcare. Il soffitto è a volta stellata in stile tardo gotico sloveno. La cappella fu affrescata da Jernej di Skofja Loka, o da suoi allievi, nel 1530. In fondo alla cappella è allocato un semplice altare dove, tra due angeli barocchi in marmo, è posta una statuetta in pietra raffigurante una Madonna seduta, con bambino in grembo, di stile neoclassico dei primi del Seicento. Su una parete è posizionato un crocefisso in legno costruito probabilmente nel XVII secolo. Una ulteriore ristrutturazione fu effettuata nel XVII secolo allorché si realizzò l’accesso diretto alla zona sacra e il salone della grotta fu adattato per ospitare la chiesa, degradando la funzione della cappella. Le dimensioni del salone (sala di San Giovanni), con pareti e volta di nuda roccia e pavimento in lastroni di pietra, sono di circa 16 per 10 metri. Sul fondo della chiesa è allocato un altare ligneo dorato (zlati oltar) barocco, scolpito probabilmente dal maestro Jernej Vrtav (Bartolomeo Ortari) della scuola di Caporetto verso la fine del Milleseicento/inizi del Millesettecento. Sull’altare sono posate le statue di San Giovanni Battista, San Giovanni Evangelista e di Santo Stefano, che sono copie recenti degli originali del XVI-XVII secolo conservati presso il Museo diocesiano di Udine.51922895_2302021053182991_3990580983752556544_n

La leggenda

Legata alla grotta di san Giovanni d’Antro è anche la leggenda della regina Vida. Ecco quanto racconta la favola una volta in voga tra le genti delle Valli del Natisonecontinua qui …https://www.wikiwand.com/it/San_Giovanni_d%27Antro

Questa presentazione richiede JavaScript.

Pubblicato in: pinterest

La conoscete?

vischio-pianta-proprietà
da https://www.ideegreen.it/vischio-pianta-e-sue-proprieta-84106.html

La leggenda del vischio è antica e romantica, e risale alla mitologia dei Celti: ecco perché questa pianta magica è diventata simbolo di fortuna e… di baci!

Sapete perché baciarsi sotto un ramoscello di vischio porta fortuna? Per via di una storia d’amore molto, molto antica… eccola!

Nella mitologia nordica, il vischio è anche la pianta sacra di Frigg (o Freya), dea dell’amore: questa dea ha una storia romantica e dolorosa.

Essa aveva due figli, Balder, buono e generoso, e Loki, cattivo e invidioso, che voleva uccidere il fratello. Saputo il piano di Loki, Frigg chiese a tutte le creature animali e vegetali di proteggere Balder, ma si dimenticò del vischio. Loki allora usò proprio questa pianta per fabbricare una freccia che uccise Balder.

La dea Frigg appena vide il suo cadavere, iniziò a piangere. Le sua lacrime per magia si trasformarono in bacche bianche, e quando queste toccarono il corpo di Balder, lui tornò in vita.

Per la grande felicità, la dea Frigg cominciò a baciare chiunque passasse sotto l’albero sul quale cresce il vischio (di solito pioppi, olmi e tigli). Il suo bacio non era solo un onore, ma anche un portafortuna e una protezione; ai fortunati baciati dalla dea, infatti, non poteva capitare nulla di male.

I druidi celti onoravano il vischio come pianta sacra, perché ritenevano che nascesse dal cielo (per la precisione, che crescesse nei luoghi colpiti dai fulmini), e poiché le sue bacche si sviluppano in 9 mesi e si raggruppano a tre a tre (il 3 è un numero sacro in molte culture).http://www.leitv.it/giardinaggio/perche-ci-si-bacia-sotto-al-vischio-a-capodanno/

862b3a9b8fc71559e6759610b3d287c0

Pubblicato in: racconti

LA LEGGENDA DELL’AGRIFOGLIO 🎄

 


   


Il pastorello si sveglia all’improvviso. In cielo v’è una luce nuova: una luce mai vista a quell’ora. Il giovane pastore si spaventa, lascia l’ovile, attraversa il bosco: e nel campo aperto, sotto una bellissima volta celeste. Dall’alto giunge il canto soave degli Angeli.
Tanta pace non può venire che di lassù -pensa il pastorello, e sorride tranquillizzato.
Le pecorine, a sua insaputa, l’hanno seguito e lo guardano stupite
Ecco sopraggiungere molta gente e tutti, a passi affrettati, si dirigono verso una grotta.
– Dove andate? – chiede il pastorello.
– Non lo sai? – risponde, per tutti, una giovane donna. – è nato il figlio di Dio:è sceso quaggiù per aprirci le porte del Paradiso.

Il pastorello si unisce alla comitiva: anch’egli vuole vedere il Figlio di Dio. A un tratto, si sente turbato: tutti recano un dono, soltanto lui non ha nulla da portare a Gesù. Triste e sconvolto, ritorna alle sue pecore.
Non ha nulla, nemmeno un fiore! Che cosa si può donare quando si è così poveri?
Il ragazzo non sa che il dono più gradito a Gesù è il suo piccolo cuore buono.
Ahi! Tanti spini gli pungono i piedi nudi. Allora il pastorello si ferma, guarda in terra ed esclama meravigliato:- Oh, un arbusto ancor verde!
E’ una pianta di agrifoglio, dalle foglie lucide e spinose!
Il coro di Angeli sembra avvicinarsi alla terra; c’è tanta festa attorno. Come si può resistere al desiderio di correre dal Santo Bambino anche se non si ha nulla da offrire?
Ebbene, il pastorello andrà alla divina capanna; un ramo di agrifoglio sarà il suo omaggio.

Eccolo alla grotta. Si avvicina felice e confuso al bambino sorridente che sembra aspettarlo.
Ma che cosa avviene? Le gocce di sangue delle sue mani, ferite dalle spine, si trasformano in rosse palline, che si posano sui verdi rami dell’arbusto che egli ha ccolto per Gesù.
Al ritorno, un’altra sorpresa attende il pastorello: nel bosco, tra le lucenti foglie dell’agrifoglio, è tutto un rosseggiare di bacche vermiglie.
Da quella notte di mistero, l’agrifoglio viene offerto, in segno di augurio, alle persone care.

Gina Marzetti Noventa



http://www.myshangrila.it/libriedintorni/leggendenatale/agrifoglio/agrifoglio.htm

 

Pubblicato in: friuli

Ginevra e Odorico (leggenda)

11993
immagine da http://www.turismofvg.it/Castelli/Castello-di-Cucagna

Ginevra di Strassoldo era una bellissima fanciulla che era stata promessa in sposa a Federico di Cuccagna.La famiglia Strassoldo e quella di Cuccagna si erano accordate di far unire in matrimonio i figli una volta raggiunta l’età da marito.Gli anni passarono velocemente,ma giunta l’ora delle nozze,Ginevra si dichiarò innamorata del conte Odorico di Villalta che aveva conosciuto ad un ballo.Il padre della ragazza acconsentì al matrimonio  con il conte rompendo l’accordo con i Cuccagna.Ginevra ed Odorico si sposarono nel 1344.Ginevra preparò tutti i bagagli e partì per il castello di Villalta.Arrivata alle porte del castello fu imprigionata da Federico di Cuccagna che aveva preso d’assedio il castello di Odorico che fu scacciato.Federico non riuscì ad usare violenza su Ginevra, perchè come dice la leggenda lei si trasformò in una statua di marmo.Odorico aveva radunato dei cavalieri a lui fedeli per aiutarlo a riprendere il castello e uccidere il rivale.Odorico si mise alla ricerca di Ginevra:la trovò in una stanza  della torre del castello ,ma si era trasformata in una statua.L’ abbracciò e la statua riprese le sembianze umane.La felicità durò poco,perchè Odorico dovette partire per la guerra non facendo mai ritorno.Ginevra non smise mai di aspettarlo,infatti la leggenda dice che nelle notti di luna piena si possono sentire ancor oggi i lamenti di Ginevra.

la-confraternita-dei-preraffaelliti-L-9-195x300
immagine da https://pieroemozioni.wordpress.com/
Pubblicato in: friuli

I porcellini d’oro (leggenda)

Castello di Villalta BESTrit
castello di Villalta (Fagagna)

Questa è una leggenda conosciuta da tutti gli abitanti di Fagagna.Si racconta che tanti tanti anni fa il castello di Fagagna era collegato da una galleria segreta sotterranea a quello di Villalta.Nel 1250 il castello di Fagagna fu conquistato da Ezzelino da Romano,signore della Marca Trevigiana.Tutti gli abitanti del castello furono fatti prigionieri,ma prima riuscirono a nascondere le ricchezze del castello compresa la scrofa con i 6 porcellini d’oro.

Quando l’esercito di Ezzelino da Romano si ritirò,il patriarca Bertoldo di Merania ordinò una rappresaglia nei confronti dei traditori. Ma il tesoro non fu mai trovato.

Oggi questa leggenda serve per incitare i giovani al lavoro nei campi:

“Forza ,lavora che puoi trovare la galleria dove è nascosta la scrofa e i porcellini d’oro…”