Pubblicato in: FVG

Grotte di Villanova

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "OFF ROAD TUTTI LUNEDI DI AGOSTO 2021 ORE 17:30 DELLE GROTTE GELGV İnsjde GrottaN TORRE Villanova-Lusevera (Udine AZIONE, PER INFO: (what prenotazi grottedivill info@ lefvg.com WWW.G Ww OTTEDIVILLAN WWW.INSIDEFGV.COM ΤΑ SKRITA POT Il sentiero nascosto"

Ad agosto riprendiamo la bellissima abitudine di portarvi sul Sentiero Nascosto OGNI LUNEDI alle 17:30!Posti limitati per questo viaggio spazio temporale attraverso la storia della Grotta Nuova e la genesi geologica di questa bellissima cavità di contatto!Una speleo- escursione facile ma FUORI dal percorso turistico: no passerelle..no luci artificiali…occasione unica per vivere IN SICUREZZA con le guide di Insidefvg la versione “wild” delle @Grotte di Villanova!Escursione adatta a tutti!Per info costi e prenotazioni contattateci via whatsapp al 3478830590 o scrivendo una mail a info@insidefvg.comVisualizza gli insightsCopertura del post: 69

Pubblicato in: slovenija

SEVNICA (SLO)

Sevnica, cittadina del Posavje, è balzata agli onori della cronaca negli ultimi anni per essere il luogo natale di Melania Trump. È stata anche eretta una bizzarra statua in suo onore, che di recente è stata bruciata! 🧯In realtà questa cittadina merita di essere vista per tanti altri motivi che poco hanno a che fare con l’ex first-lady.Innanzi tutto per il suo bellissimo castello! 🏰 Info qui: https://tinyurl.com/y82tucxvAttorno al castello poi c’è uno splendido parco, con punti energetici, per ricaricarsi un po’, cosa che di questi tempi non guasta mai!La Lutrovska klet, una cantina del ‘500, è l’edificio più antico della zona, a ricordo della presenza di fedeli luterani nella zona.Ma Sevnica è anche la patria del vino Modra Frankinja, che qui è il re della tavola! Ogni anno si celebra il festival dedicato a questo vino rosso.E voi, siete mai stati a Sevnica? Avete incontrato Melania? 😅#sevnica#gradsevnica#castellodisevnica#castello#grad#melania#melaniatrump#slovenia#slovenija#ifeelslovenia#feelslovenia#castle#sevnicacastle#sava#rekasava#fiumesava#riversavaFeel SloveniaGrad SevnicaCastles of PosavjeVisit PosavjePosavje – polno priložnostiKTRC Radeče

Potrebbe essere un'immagine raffigurante monumento, spazio al chiuso e corridoio
Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona

Pubblicato in: slovenija

Primož Roglič

Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone, bicicletta e attività all'aperto

Dopo il secondo Tour de France consecutivo e il bronzo alle Olimpiadi vinti da Tadej Pogačar, arriva un’altra incredibile soddisfazione per il ciclismo sloveno. 🚴🚴🚴

Pochi minuti fa, alle Olimpiadi di Tokyo 2020, Primož Roglič ha vinto la medaglia d’oro nella corsa a cronometro! 🥇

Per Primož una meravigliosa rivincita dopo la tanta sfortuna avuta all’ultimo Tour.

Čestitke Primož! 🤗🥳🏆

#primozroglic#roglic#ciclismo#olimpiadi#tokyo2020
Tokyo 2020 

Pubblicato in: FVG, varie

Accostamento di formaggi e marmellate: la marmellata di cipolle e i peperoni caramellati

L’inopinato accostamento di formaggi e marmellate: la marmellata di cipolle e i peperoni caramellati di Roberto ZottarIl professor Testolin che qui ci parla di frutticultura mi ha chiamato in causa per la sua marmellata di arance amare, ma su questo punto propongo di aspettare gennaio quando troveremo uno ‘spacciatore’ di arance amare per aprire la sfida tra le nostre ricette! Invece a proposito di marmellate d’arancia ricordo che un abbinamento classico, dato il loro sapore piuttosto acre, è con i formaggi. Il formaggio e la marmellata, nonostante si possa a prima vista pensare che abbiano poco a che fare l’uno con l’altro, sono in realtà due alimenti che, presi singolarmente hanno un gusto a sé, ma abbinati in tavola fanno esplodere i sapori in un modo tutto inopinato. Il motivo è prettamente chimico: i formaggi sono cibi praticamente privi di zuccheri che trovano nelle marmellate e nelle confetture il loro alimento complementare creando equilibrio nel gusto al palato. Per l’abbinamento dovremmo poi considerare il tipo di latte usato, vaccino, caprino, di pecora e anche analizzare sia la stagionatura, sia la consistenza della pasta: fresca, morbida, stagionata, semidura… Tendenzialmente più il formaggio è molle e dolce e più si andrà a sposare con gusti di confetture tendenti all’acidulo. Di contro più il formaggio ha un gusto deciso, forte, stagionato e piccante più la controparte da abbinare dovrà tendere al dolce. Approfitto quindi oggi per parlarvi di due confetture particolari che realizzo a casa.Per una confettura di cipolle, sì sì proprio cipolle che vi faranno piangere nel tagliarle, ma poi gioire all’assaggio, affettate un kilo di cipolle, rosse o anche bianche, e mescolatele con 600 g di zucchero semolato, 2 cucchiaini di sale, 2 foglie di alloro, un paio di cucchiai di aceto, qualche granello di pepe, qualche bacca di ginepro e lasciate macerare per 3 ore. Cuocete quindi a fuoco lentissimo fino a quando il composto avrà la consistenza di una marmellata. Invasate a caldo, togliendo prima foglie e spezie. Un’altra confettura da abbinare a formaggi sono i peperoni caramellati. Prendete un kilo di peperoni rossi e gialli, lavateli, togliete semi e filamenti e tagliateli a striscioline. Metteteli in una casseruola con 600 g di buon miele, quello di acacia va benissimo, e il succo di due limoni. Fate cuocere a calore moderato per un’ora e tre quarti e invasate subito a caldo in vasetti di vetro. Questi peperoni caramellati daranno il meglio sé abbinati a del formaggio pecorino, sia fresco che stagionato piccante. D’estate queste confetture accompagnano formaggi, ma d’inverno, si accompagneranno anche molto bene ad un piatto di bollito misto con una grattata di cren fresco.Buon Appetito!

Pubblicato in: FVG

Perchè le lingue convivano nella fede

Alla presentazione del libro Benečija naš dom, che si è svolta nella chiesa di Camporosso/Žabnice venerdì, 2 luglio, sono stati molti gli spunti di riflessione e dialogo emersi dalle domande che il moderatore, Igor Jelen, ha posto all’autore del libro, mons. Marino Qualizza. Il libro, che raccoglie i suoi editoriali pubblicati sul Dom tra il 2003 e il 2020, spesso richiama avvenimenti e storia della comunità slovena in provincia di Udine. Per questo motivo non è potuto mancare il riferimento al plurilinguismo della Valcanale, alla sua storia, travagliata da due guerre mondiali e dalle opzioni, e alle problematiche che interessano la locale comunità slovena.

Non da ultima, quella della cura spirituale nelle lingue locali, soprattutto di quella in sloveno nelle chiese in cui essa è tradizionale. Particolarmente positivo è stato l’annuncio che don Alan Iacoponi ha espresso al termine della presentazione del libro, che è stata organizzata dalla Parrocchia di Camporosso insieme all’Associazione don Mario Cernet.Esprimendo l’opinione che la minoranza slovena debba smettere di ritenersi“minoranza” e considerarsi “comunità”, il parroco di Camporosso ha, infatti, espresso l’intenzione di ripiantare un tiglio nei pressi della chiesa di Valbruna. Fino a circa vent’anni fa un tiglio già svettava nei pressi della chiesa, dove era stato ripiantato, secondo tradizione paesana, dopo che era stato tolto dal centro del paese. Molto tempo fa, fino al XIX secolo, anche a Valbruna dopo la Messa nella festa patronale anche a Valbruna era usanza fermarsi all’ombra del tiglio ( lipa) per cantare i canti nel locale dialetto sloveno carinziano.

Come detto da don Alan, l’idea è stata suggerita da un fedele che non parla sloveno. A riprova di come anche chi non nasce in una cultura può imparare ad apprezzare e far propria quella dell’altro. (Luciano Lister)

Pubblicato in: FVG

Nuovo decreto Covid: dal 6 agosto green pass per viaggi, palestre, eventi e ristoranti

mario draghi|

Il Governo ha trovato la quadra sul nuovo decreto Covid che introduce il green pass, la certificazione che regola la vita sociale durante la pandemia e consente di poter viaggiare, accedere agli eventi, andare in palestra e mangiare al chiuso nei bar e ristoranti.

La ripresa dei contagi da Covid 19 e il rallentamento della campagna vaccinale ha imposto una accelerazione alla cabina di regia già da giorni al lavoro sul green pass. Dopo il confronto con le Regioni, il premier Mario Draghi ha illustrato, insieme al ministro della Salute Roberto Speranza, il nuovo Decreto Covid approvato dal Consiglio dei Ministri. Ecco nel dettaglio ecco cosa prevedere il nuovo Decreto Covid.

Cambiano i parametri di valutazione degli indici di contagio, scongiurando così il passaggio delle regioni da zona bianca a gialla (o peggio in arancione). I nuovi indicatori faranno riferimento in primis ai ricoveri negli ospedali per Covid e all’occupazione delle terapie intensive. La soglia per il passaggio in zona gialla viene fissata al 10% di occupazione delle terapie intensive e al 15% per i ricoveri in ospedale. Constestualmente è stato prorogato al 31 dicembre 2021 lo stato di emergenza.

Dal 6 agosto servirà il green pass per consumare al chiuso nei bar (ma non serve per le consumazioni al bancone) e nei ristoranti, per andare in palestra, in piscina, nei centri sportivi al chiuso, nei centri benessere, al cinema, a teatro, ai musei, alle competizioni sportive, ai concerti, per entrare allo stadio, alle fiere, ai parchi tematici e di divertimento. Il green pass servirà anche per i centi sociali e ricreativi, per le sale da gioco, sale bingo e scommesse e per le procedure concorsuali. “La campagna vaccinale ha permesso all’economia di riprendersi -ha sottolineato il premier Mario Draghi- e il green pass non è un arbitrio, è una condizione per tenere aperte le attività economiche”.

Restano per ora chiuse le discoteche, troppo rischiose per il proliferare del virus anche per chi è in possesso del green pass.

Il green pass in vigore dal 6 agosto viene rilasciato: anche solo con una dose di vaccino ma avrà un durata di 9 mesi a partire dalla data del richiamo, oppure con un tampone negativo nelle 48 ore precedenti l’utilizzo (ma in questo caso il green passa ha una validità di 48 ore) oppure a chi è guarito dal Covid nei sei mesi precedenti (e in questo caso ha una validità di 6 mesi dalla guarigione). Clicca qui per sapere come ottenere il green pass.

Le sanzioni in caso di violazione delle norme sono sia per i titolari e i gestori dei servizi e delle attività che per i clienti e vanno da una multa di 400 a 1000 euro e se la violazione venisse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni
Spingi su 

di Giulia Mancinelli
redazione@viveremarche.it

https://www.vivere.it/2021/07/24/nuovo-decreto-covid-dal-6-agosto-green-pass-per-viaggi-palestre-eventi-e-ristoranti/997900